Agropoli. Strade rotte, erba alta e spiagge sempre sporche. Molte lamentele soprattutto per lo stato del fiume Testene

0

La manutenzione cittadina ad Agropoli lascia a desiderare. A denunciarlo molti cittadini che lamentano soprattutto le precarie condizioni del fiume Testene, che ormai da mesi non viene pulito. I tratti più a vista, come via Salvo D’Acquisto, via Taverne e via De Gasperi, ma anche i diversi canali periferici presentano vegetazione rigogliosa oltre a rifiuti e sporcizia. Tra le periferie, un esempio lampante è rappresentato da via Estate. Basta affacciarsi per scorgere la manifestazione del degrado: a perdita d’occhio è possibile notare una fitta vegetazione che ha raggiunto altezze importanti, rifiuti, mucillagine, acqua stagna e maleodorante. Su un lato, nelle immediate vicinanze di un’abitazione, inoltre, si nota un tombino divelto che mostra una fogna a cielo aperto con pezzi di carta, e non solo, incastrati tra la vegetazione. Il tanfo che si avverte in zona, complice anche il caldo intenso, è insopportabile. La vegetazione poi necessita di essere sfalciata sui cigli della maggior parte delle strade cittadine; stessa situazione per i valloni che sfociano a mare che non vengono ripuliti, in qualche caso, da anni. E poi la potatura degli alberi mancante sul lungomare così come lungo via De Gasperi e in diversi altri punti. Inoltre in tema di alberi alcuni residenti segnalano la presenza di alcune palme su via Pio X in prossimità dell’incrocio con via Colombo che hanno raggiunto altezze tali da risultare pericolose in caso di vento forte. E ancora: è assente la pulizia delle spiagge che restano affollate, complice il caldo intenso di questi giorni. Inoltre, sull’arenile del lido Azzurro, le alghe ammassate emanano un cattivo odore che infesta la città. Poi c’è il capitolo strade: prive di manutenzione ormai da mesi. Non ce n’è una ad Agropoli che si presenti in condizioni degne. In molti casi i problemi si sono riscontrati dopo gli interventi di messa in opera, da parte delle diverse ditte, delle tubature del gas metano, delle fibre ottiche e in ultimo delle opere fognarie. Per questo motivo la maggior parte delle strade cittadine versa in uno stato di degrado, con buche e dislivelli. Tra le più colpite, via Risorgimento, via Croce, via Alighieri, via De Gasperi, le strade nei pressi del centro cittadino, via Pio X, via Taverne, viale Lombardia, via della Libertà, località Moio, via Belvedere, via Torretta, località Madonna del Carmine, località Mattine, località Frascinelle, via San Francesco. (Andrea Passaro – La Città) 

La manutenzione cittadina ad Agropoli lascia a desiderare. A denunciarlo molti cittadini che lamentano soprattutto le precarie condizioni del fiume Testene, che ormai da mesi non viene pulito. I tratti più a vista, come via Salvo D’Acquisto, via Taverne e via De Gasperi, ma anche i diversi canali periferici presentano vegetazione rigogliosa oltre a rifiuti e sporcizia. Tra le periferie, un esempio lampante è rappresentato da via Estate. Basta affacciarsi per scorgere la manifestazione del degrado: a perdita d’occhio è possibile notare una fitta vegetazione che ha raggiunto altezze importanti, rifiuti, mucillagine, acqua stagna e maleodorante. Su un lato, nelle immediate vicinanze di un’abitazione, inoltre, si nota un tombino divelto che mostra una fogna a cielo aperto con pezzi di carta, e non solo, incastrati tra la vegetazione. Il tanfo che si avverte in zona, complice anche il caldo intenso, è insopportabile. La vegetazione poi necessita di essere sfalciata sui cigli della maggior parte delle strade cittadine; stessa situazione per i valloni che sfociano a mare che non vengono ripuliti, in qualche caso, da anni. E poi la potatura degli alberi mancante sul lungomare così come lungo via De Gasperi e in diversi altri punti. Inoltre in tema di alberi alcuni residenti segnalano la presenza di alcune palme su via Pio X in prossimità dell’incrocio con via Colombo che hanno raggiunto altezze tali da risultare pericolose in caso di vento forte. E ancora: è assente la pulizia delle spiagge che restano affollate, complice il caldo intenso di questi giorni. Inoltre, sull’arenile del lido Azzurro, le alghe ammassate emanano un cattivo odore che infesta la città. Poi c’è il capitolo strade: prive di manutenzione ormai da mesi. Non ce n’è una ad Agropoli che si presenti in condizioni degne. In molti casi i problemi si sono riscontrati dopo gli interventi di messa in opera, da parte delle diverse ditte, delle tubature del gas metano, delle fibre ottiche e in ultimo delle opere fognarie. Per questo motivo la maggior parte delle strade cittadine versa in uno stato di degrado, con buche e dislivelli. Tra le più colpite, via Risorgimento, via Croce, via Alighieri, via De Gasperi, le strade nei pressi del centro cittadino, via Pio X, via Taverne, viale Lombardia, via della Libertà, località Moio, via Belvedere, via Torretta, località Madonna del Carmine, località Mattine, località Frascinelle, via San Francesco. (Andrea Passaro – La Città)