A processo professore di una scuola media di Angri

0

16/09/2016 – Abusata in aula, durante le lezioni, dal professore per un’ora intera. È accaduto in una scuola media di Angri e la vittima di quelle violenze, che attualmente è ancora minorenne, si è presentata ieri davanti ai giudici della Corte d’Appello del tribunale di Salerno per raccontare gli scioccanti particolari della vicenda. In un’udienza svoltasi a porte chiuse e protetta dagli sguardi attraverso l’utilizzo di un telo, la minore, rappresentata dall’avvocato Franco Pero, ha confermato tutte le accuse a carico del docente. M.P., 55 anni di Angri, difeso dall’avvocato Silvana D’Ambrosi e già condannato in primo grado ad un anno e quattro mesi di reclusione, risponde di violenza sessuale aggravata. La vicenda risale all’anno scolastico 2011/2012 quando la ragazzina, che all’epoca dei fatti aveva solo 12 anni, frequentava la seconda media. Il docente, preposto all’insegnamento di sostegno a bambini con handicap e a corsi di pallavolo per studenti normodotati, in quel periodo era regista di un progetto teatrale del quale faceva parte anche la 12enne. È in questo contesto che maturano gli abusi: palpeggiamenti nelle parti intime e baci all’interno della sala teatro e dell’aula informatica della scuola media. Diversi gli episodi denunciati dalla minore. Venerdì 16 Settembre 2016.

TELECAPRINEWS

16/09/2016 – Abusata in aula, durante le lezioni, dal professore per un’ora intera. È accaduto in una scuola media di Angri e la vittima di quelle violenze, che attualmente è ancora minorenne, si è presentata ieri davanti ai giudici della Corte d’Appello del tribunale di Salerno per raccontare gli scioccanti particolari della vicenda. In un’udienza svoltasi a porte chiuse e protetta dagli sguardi attraverso l’utilizzo di un telo, la minore, rappresentata dall’avvocato Franco Pero, ha confermato tutte le accuse a carico del docente. M.P., 55 anni di Angri, difeso dall’avvocato Silvana D’Ambrosi e già condannato in primo grado ad un anno e quattro mesi di reclusione, risponde di violenza sessuale aggravata. La vicenda risale all’anno scolastico 2011/2012 quando la ragazzina, che all’epoca dei fatti aveva solo 12 anni, frequentava la seconda media. Il docente, preposto all’insegnamento di sostegno a bambini con handicap e a corsi di pallavolo per studenti normodotati, in quel periodo era regista di un progetto teatrale del quale faceva parte anche la 12enne. È in questo contesto che maturano gli abusi: palpeggiamenti nelle parti intime e baci all’interno della sala teatro e dell’aula informatica della scuola media. Diversi gli episodi denunciati dalla minore. Venerdì 16 Settembre 2016.

TELECAPRINEWS