Capri. Muore il vfglio di Laetitia Cerio, Fernando Alvarez de Toledo

0
38

Capri. Capri perde l’ultimo rappresentante di una famiglia che ha segnato la storia dell’isola: Fernando Alvarez de Toledo, figlio di Laetitia Cerio, uno degli ultimi componenti della seconda generazione dei Cerio, la famiglia di intellettuali, ambientalisti, cultori ed amanti dell’isola, che con i loro scritti ed i loro studi hanno lasciato una traccia indelebile a Capri, soprattutto nella vita culturale che ebbe inizio con l’arrivo del capostipite Ignazio Cerio nel 1869 come medico condotto e sull’isola portò avanti i suoi studi a 360 gradi, dalla medicina alla filosofia. Il figlio Edwin, destinò l’immenso palazzo che sovrasta la piazzetta a museo della storia dell’isola, emeroteca e biblioteca dedicandolo a suo padre Ignazio. E in quel palazzo per lunghi anni ha vissuto Laetitia Cerio, che sposò il conte Ramiro Alvarez de Toledo, padre di Fernando che ieri, all’improvviso, ha finito i suoi giorni a Capri all’età di 82 anni. Ed anche Fernando Alvarez de Toledo, così come sua madre Laetitia Cerio ha coltivato per anni la passione della scrittura e della pittura. Nato a Napoli nel 1934 e vissuto a Capri fino al 1950, sull’isola mosse i primi passi e compì i primi studi, e la sua parlata ancora oggi era infusa di un lessico dialettale. Partito da Capri per Concorde per frequentare la scuola superiore fu allevo di pittura del pittore tedesco Joseph Albers che scoprì le doti artistiche del suo giovane allievo e la propensione al disegno, ereditata dalla mamma e dal nonno. E benché Fernando avesse il cognome Alvarez de Toledo, per gli isolani era sempre Fernando Cerio, il figlio di Laetitia, che ha abitato nel palazzo di famiglia, l’austera e grigia costruzione che sovrasta il salotto del mondo, dove sua madre Laetitia ha dipinto per anni ritraendo scorci e colori dell’isola che solo da quel punto si possono ritrarre, proprio come faceva Fernando Alvarez e negli ultimi tempi anche sua moglie Margherita, elegante e gentile, artista raffinata proprio come è stata la suocera Laetitia. I funerali si terranno oggi alle 17 nell’ex Cattedrale di Santo Stefano che apre il suo piccolo sagrato proprio di fronte allo storico palazzo. a.m.b. 

Capri. Capri perde l'ultimo rappresentante di una famiglia che ha segnato la storia dell'isola: Fernando Alvarez de Toledo, figlio di Laetitia Cerio, uno degli ultimi componenti della seconda generazione dei Cerio, la famiglia di intellettuali, ambientalisti, cultori ed amanti dell'isola, che con i loro scritti ed i loro studi hanno lasciato una traccia indelebile a Capri, soprattutto nella vita culturale che ebbe inizio con l'arrivo del capostipite Ignazio Cerio nel 1869 come medico condotto e sull'isola portò avanti i suoi studi a 360 gradi, dalla medicina alla filosofia. Il figlio Edwin, destinò l'immenso palazzo che sovrasta la piazzetta a museo della storia dell'isola, emeroteca e biblioteca dedicandolo a suo padre Ignazio. E in quel palazzo per lunghi anni ha vissuto Laetitia Cerio, che sposò il conte Ramiro Alvarez de Toledo, padre di Fernando che ieri, all'improvviso, ha finito i suoi giorni a Capri all'età di 82 anni. Ed anche Fernando Alvarez de Toledo, così come sua madre Laetitia Cerio ha coltivato per anni la passione della scrittura e della pittura. Nato a Napoli nel 1934 e vissuto a Capri fino al 1950, sull'isola mosse i primi passi e compì i primi studi, e la sua parlata ancora oggi era infusa di un lessico dialettale. Partito da Capri per Concorde per frequentare la scuola superiore fu allevo di pittura del pittore tedesco Joseph Albers che scoprì le doti artistiche del suo giovane allievo e la propensione al disegno, ereditata dalla mamma e dal nonno. E benché Fernando avesse il cognome Alvarez de Toledo, per gli isolani era sempre Fernando Cerio, il figlio di Laetitia, che ha abitato nel palazzo di famiglia, l'austera e grigia costruzione che sovrasta il salotto del mondo, dove sua madre Laetitia ha dipinto per anni ritraendo scorci e colori dell'isola che solo da quel punto si possono ritrarre, proprio come faceva Fernando Alvarez e negli ultimi tempi anche sua moglie Margherita, elegante e gentile, artista raffinata proprio come è stata la suocera Laetitia. I funerali si terranno oggi alle 17 nell'ex Cattedrale di Santo Stefano che apre il suo piccolo sagrato proprio di fronte allo storico palazzo. a.m.b. 

Lascia una risposta