Papa Francesco “Date al sindaco di Roma Raggi il tempo di lavorare”

0

Papa Francesco mette un freno a chi sta attaccando senza sosta i nuovo sindaco di Roma del Movimento Cinque Stelle Virginia Raggi, attacchi su tutti i media che hanno il sapore di attacchi politici , una attenzione che neanche la precedente amministrazione, che ha commesso di tutto e di più , aveva… Dal Vaticano si esprime “sorpresa” per le interpretazioni date all’articolo dell’Osservatore Romano sul maltempo a Roma. “Non c’era nessuna intenzione di dare giudizi sull’operato della giunta – dice all’ANSA mons. Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato vaticano -. E’ giusto dare al nuovo sindaco di Roma, Virginia Raggi, il tempo di lavorare e affrontare i problemi cronici della città, che non possono dipendere dall’attuale amministrazione ma che certamente devono trovare al più presto una soluzione. Era questo, quello di cui si occupava l’articolo”. “Non vedo frizioni tra il Vaticano e il sindaco di Roma, semmai vedo l’esigenza e la richiesta da parte di tutti i cittadini che Roma sia davvero governata. Credo che questo sia il pensiero comune di tutti, nessuno escluso”. Lo ha detto alla trasmissione “Stanze Vaticane” di Tgcom24, mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita. “I nostri ragazzi”, ha detto l’arcivescovo, “hanno bisogno certamente di una città che sia meno problematica, che non abbia la spazzatura, che non abbia le buche. Ma i ragazzi soprattutto aspettano un sogno per Roma, che sia una città dove crescere con ideali propri della città di Roma. Ma vedo che manca il sogno di una città per il domani”, ha aggiunto Mons. Paglia, “a mio avviso ci sarebbe bisogno di una sorta di raccolta generale, quasi di una nuova costituente per Roma, tutte le classi dirigenti dovrebbero raccogliersi insieme e sentire e sognare una Roma per il domani”. “Non attacchiamo Virginia Raggi: rispettiamo il voto dei cittadini di Roma, facciamo vedere che siamo diversi da chi pensa che la politica sia guerra nel fango. Che abbiamo uno stile. Questo non significa abbassare la guardia” ma “noi le istituzioni le rispettiamo sempre, non quando c’è qualcuno dei nostri a governare. Prima del Pd c’è l’Italia”. Lo dice Matteo Renzi chiudendo la festa nazionale dell’Unità a Catania. Dopo il duro attacco dell’Osservatore Romano alla giunta di Virginia Raggi (“Roma è in stato di abbandono”), arrivano nuovi appunti all’amministrazione capitolina. In un’intervista al Messaggero, il cardinale Agostino Vallini, vicario del Papa per la diocesi di Roma, parla di “città in crisi”, ritenendo indispensabili “competenze e rettitudine”. “La nuova Amministrazione cittadina (…) non sembra ancora aver imboccato la strada giusta”, afferma. “Ai rappresentanti del popolo che siedono in Campidoglio nei banchi della maggioranza e dell’opposizione – prosegue il prelato – si chiede di essere all’altezza del compito e di avere a cuore il bene vero della città”. Intanto la sindaca di Torino Chiara Appendino dà forfait alla festa della Fiom per impegni di lavoro. A Roma impazza il toto nomi per l’incarico di assessore al Bilancio. Di Pietro smentisce l’ipotesi di stampa di un suo ingresso nella giunta. “Né io né la sindaca Raggi abbiamo mai detto una cosa del genere. Al riguardo – scrive Di Pietro su Facebook – non ho nemmeno mai pensato né mi interessa fare l’assessore. L’ex leader di Idv non fa mancare la solidarietà a Virginia Raggi “invitandola a non dar retta a chi la tira per la giacchetta e pensare piuttosto a cosa fare per risollevare le sorti della Capitale, imbrattata dall’ingordigia di chi l’ha governata prima e non già dall’inesperienza degli amici del Movimento M5S (cosa del tutto naturale, essendo la prima volta che provano a governare e non essendo nessuno nato ‘imparato'”. La sindaca starebbe vagliando 14 curriculum e avrebbe già escluso il nome di Ugo Marchetti, generale della Guarda di Finanza e già vicesindaco di Palermo, proposto, dicono alcuni boatos, da Raffaele Marra, vicecapo di Gabinetto spostato ad altro incarico dopo l’altolà del direttorio. Ma si fanno anche i nomi di Daniela Morgante (la lady dei conti sotto la giunta Marino, nome già circolato prima di quello di Marcello Minenna, poi dimessosi), e degli economisti Antonio Carmine Lacetra, Alessandro Pantoni, Saverio Canepa, Massimo Zaccardelli, Nino Galloni e Lucrezia Reichlin. Quest’ultima, però, in serata, precisa di non essere stata contattata e che comunque, qualora lo fosse, non sarebbe “in ogni caso interessata a considerare l’incarico”. C’è poi da coprire il vertice dell’Ama, l’azienda dei rifiuti, per sostituire Alessandro Solidoro. Parzialmente risolta la questione Atac: dopo l’addio dell’amministratore unico Armando Brandolesi, il suo posto è stato coperto dall’ingegnere Manuel Fantasia. Da trovare ancora invece la figura del dg dell’azienda di trasporti, lasciata libera da Marco Rettighieri. Incombe sempre l’affaire Muraro, che potrebbe essere sentita dai pm già dalla prossima settimana. Blog rilancia kermesse Sicilia, ci saranno nostri sindaci – “Il 24 e il 25 settembre, c’è un appuntamento al quale non potete mancare: al Foro Italico, nella bellissima città di Palermo, il Movimento 5 Stelle organizza un momento di discussione con i cittadini e gli attivisti. Ci saranno i parlamentari europei e quelli nazionali, i consiglieri regionali e comunali, oltre a tutti i nostri sindaci. Ci saranno anche esperti internazionali con cui parleremo di temi importanti. Ci sarà spazio pure per il divertimento, con aree di ristoro e artisti che ci allieteranno con la loro musica. In poche parole, tutto quanto serve a disegnare la nostra idea di Italia a 5 Stelle, fatta di persone, d’idee, di problemi, ma anche di soluzioni”. Lo afferma Giancarlo Cancelleri, deputato regionale siciliano del Movimento Cinque Stelle in un’intervento pubblicato sul Blog di Beppe Grillo in cui si ricorda la kermesse nazionale del M5s che quest’anno farà tappa in Sicilia.

Papa Francesco mette un freno a chi sta attaccando senza sosta i nuovo sindaco di Roma del Movimento Cinque Stelle Virginia Raggi, attacchi su tutti i media che hanno il sapore di attacchi politici , una attenzione che neanche la precedente amministrazione, che ha commesso di tutto e di più , aveva… Dal Vaticano si esprime "sorpresa" per le interpretazioni date all'articolo dell'Osservatore Romano sul maltempo a Roma. "Non c'era nessuna intenzione di dare giudizi sull'operato della giunta – dice all'ANSA mons. Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato vaticano -. E' giusto dare al nuovo sindaco di Roma, Virginia Raggi, il tempo di lavorare e affrontare i problemi cronici della città, che non possono dipendere dall'attuale amministrazione ma che certamente devono trovare al più presto una soluzione. Era questo, quello di cui si occupava l'articolo". "Non vedo frizioni tra il Vaticano e il sindaco di Roma, semmai vedo l'esigenza e la richiesta da parte di tutti i cittadini che Roma sia davvero governata. Credo che questo sia il pensiero comune di tutti, nessuno escluso". Lo ha detto alla trasmissione "Stanze Vaticane" di Tgcom24, mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita. "I nostri ragazzi", ha detto l'arcivescovo, "hanno bisogno certamente di una città che sia meno problematica, che non abbia la spazzatura, che non abbia le buche. Ma i ragazzi soprattutto aspettano un sogno per Roma, che sia una città dove crescere con ideali propri della città di Roma. Ma vedo che manca il sogno di una città per il domani", ha aggiunto Mons. Paglia, "a mio avviso ci sarebbe bisogno di una sorta di raccolta generale, quasi di una nuova costituente per Roma, tutte le classi dirigenti dovrebbero raccogliersi insieme e sentire e sognare una Roma per il domani". "Non attacchiamo Virginia Raggi: rispettiamo il voto dei cittadini di Roma, facciamo vedere che siamo diversi da chi pensa che la politica sia guerra nel fango. Che abbiamo uno stile. Questo non significa abbassare la guardia" ma "noi le istituzioni le rispettiamo sempre, non quando c'è qualcuno dei nostri a governare. Prima del Pd c'è l'Italia". Lo dice Matteo Renzi chiudendo la festa nazionale dell'Unità a Catania. Dopo il duro attacco dell'Osservatore Romano alla giunta di Virginia Raggi ("Roma è in stato di abbandono"), arrivano nuovi appunti all'amministrazione capitolina. In un'intervista al Messaggero, il cardinale Agostino Vallini, vicario del Papa per la diocesi di Roma, parla di "città in crisi", ritenendo indispensabili "competenze e rettitudine". "La nuova Amministrazione cittadina (…) non sembra ancora aver imboccato la strada giusta", afferma. "Ai rappresentanti del popolo che siedono in Campidoglio nei banchi della maggioranza e dell'opposizione – prosegue il prelato – si chiede di essere all'altezza del compito e di avere a cuore il bene vero della città". Intanto la sindaca di Torino Chiara Appendino dà forfait alla festa della Fiom per impegni di lavoro. A Roma impazza il toto nomi per l'incarico di assessore al Bilancio. Di Pietro smentisce l'ipotesi di stampa di un suo ingresso nella giunta. "Né io né la sindaca Raggi abbiamo mai detto una cosa del genere. Al riguardo – scrive Di Pietro su Facebook – non ho nemmeno mai pensato né mi interessa fare l'assessore. L'ex leader di Idv non fa mancare la solidarietà a Virginia Raggi "invitandola a non dar retta a chi la tira per la giacchetta e pensare piuttosto a cosa fare per risollevare le sorti della Capitale, imbrattata dall'ingordigia di chi l'ha governata prima e non già dall'inesperienza degli amici del Movimento M5S (cosa del tutto naturale, essendo la prima volta che provano a governare e non essendo nessuno nato 'imparato'". La sindaca starebbe vagliando 14 curriculum e avrebbe già escluso il nome di Ugo Marchetti, generale della Guarda di Finanza e già vicesindaco di Palermo, proposto, dicono alcuni boatos, da Raffaele Marra, vicecapo di Gabinetto spostato ad altro incarico dopo l'altolà del direttorio. Ma si fanno anche i nomi di Daniela Morgante (la lady dei conti sotto la giunta Marino, nome già circolato prima di quello di Marcello Minenna, poi dimessosi), e degli economisti Antonio Carmine Lacetra, Alessandro Pantoni, Saverio Canepa, Massimo Zaccardelli, Nino Galloni e Lucrezia Reichlin. Quest'ultima, però, in serata, precisa di non essere stata contattata e che comunque, qualora lo fosse, non sarebbe "in ogni caso interessata a considerare l'incarico". C'è poi da coprire il vertice dell'Ama, l'azienda dei rifiuti, per sostituire Alessandro Solidoro. Parzialmente risolta la questione Atac: dopo l'addio dell'amministratore unico Armando Brandolesi, il suo posto è stato coperto dall'ingegnere Manuel Fantasia. Da trovare ancora invece la figura del dg dell'azienda di trasporti, lasciata libera da Marco Rettighieri. Incombe sempre l'affaire Muraro, che potrebbe essere sentita dai pm già dalla prossima settimana. Blog rilancia kermesse Sicilia, ci saranno nostri sindaci – "Il 24 e il 25 settembre, c'è un appuntamento al quale non potete mancare: al Foro Italico, nella bellissima città di Palermo, il Movimento 5 Stelle organizza un momento di discussione con i cittadini e gli attivisti. Ci saranno i parlamentari europei e quelli nazionali, i consiglieri regionali e comunali, oltre a tutti i nostri sindaci. Ci saranno anche esperti internazionali con cui parleremo di temi importanti. Ci sarà spazio pure per il divertimento, con aree di ristoro e artisti che ci allieteranno con la loro musica. In poche parole, tutto quanto serve a disegnare la nostra idea di Italia a 5 Stelle, fatta di persone, d'idee, di problemi, ma anche di soluzioni". Lo afferma Giancarlo Cancelleri, deputato regionale siciliano del Movimento Cinque Stelle in un'intervento pubblicato sul Blog di Beppe Grillo in cui si ricorda la kermesse nazionale del M5s che quest'anno farà tappa in Sicilia.