Castellammare ricorda dopo 30 anni Annibale Ruccello un grande del teatro

0

Castellammare di Stabia – Ritrovare ancora una volta nella nostra memoria le tracce dei giorni drammatici che segnarono, trent’anni or sono, la scomparsa, improvvisa e crudele, di Annibale Ruccello. E ritrovare allo stesso tempo le tracce di un percorso di vita che portò il giovane drammaturgo stabiese alla ribalta del teatro nazionale con le sue commedie e la sua grande versatilità d’attore e regista. Andare ancora un po’ avanti, per ripensare a quanto spazio, in questi trent’anni, Ruccello ha conquistato. Conquistando la passione di tanti, attori e registi certo, ma anche spettatori e studiosi che al suo teatro hanno fatto e fanno riferimento. Lo ricordano in tanti, con emozione e dolore immutato. Lo ricorda e lo celebra la città dove è nato e ha vissuto, Castellammare di Stabia, che domani pomeriggio, a partire dalle ore 18, riunisce a Palazzo Farnese, sede del municipio, presso l’aula consiliare “Falcone e Borsellino”, amici, intellettuali, artisti, per ricordarlo in percorso che si snoderà attraverso le sensazioni, gli aneddoti, i pensieri di chi ha condiviso con lui parte della sua vita e di chi ha portato in scena i suoi personaggi. Tra tutti di particolare significato sarà la presenza di Isa Danieli, che portò al successo quello straordinario spettacolo che fu “Ferdinando”. Ci saranno il sindaco Antonio Pannullo e Carla Di Maio, assessore alla cultura, a rappresentare la città tutta. Ci sarà Lello Guida, che con Annibale Ruccello condivise scrittura e primi successi. Non potrà esserci Carlo de Nonno, cugino e autore delle celebri “colonne sonore” degli spettacoli di Ruccello, musicista e il rappresentante della famiglia, «che, pur non potendo presenziare all’incontro, sta seguendo la costruzione delle iniziative stabiesi e questo è per noi motivo di stimolo e di entusiasmo», dice il sindaco Pannullo. Sarà una occasione importante questa di domani pomeriggio, perché saranno anche illustrate le iniziative previste in città per il “trentennale”, organizzate dall’amministrazione comunale collaborando con lo “Stabia Teatro Festival” organizzato dal Teatro Tunica e dall’associazione culturale “Achille Basile – Le Ali della Lettura” che quest’anno, accanto al calendario di eventi letterari e teatrali e alla terza edizione del “Premio Stabiae -Annibale Ruccello” la cui giuria è coordinata da Monica Citarella, si arricchirà di un importante convegno organizzato dal Dipartimento di studi umanistici dell’università Federico II e dal master in drammaturgia e cinematografia diretto da Pasquale Sabbatino, dedicato al drammaturgo stabiese. Nato per promuovere l’opera di Ruccello “privilegiando quelle operazioni teatrali che ne rispecchiano alcune componenti costitutive e valorizzando i giovani autori teatrali”, il premio viene assegnato per le tre sezioni: “Autore di testi rappresentati”, “Autore emergente”, “Premio speciale alla carriera”, riservando dunque particolare attenzione alla drammaturgia, e abbracciando nella terza sezione le altre, numerose, componenti performative del fare teatro. E dunque un calendario denso e intenso sarà annunciato domani nella sede del municipio di Castellammare di Stabia, la città di Ruccello, dopo gli interventi di testimonianze e ricordi di quegli anni lontani in cui il giovane studioso misurava la sua fantasia m piccoli spazi di teatro con compagni d’avventura che lo seguivano entusiasti. Annibale Ruccello aveva fantasia contagiosa e energia coinvolgente, ironia e sapere al cui fascino nessuno poteva sottrarsi. Alla sua fantasia e al suo sapere sarà dedicato quest’anno il programma dello “Stabia Teatro Festival”, kermesse teatrale e letteraria curata dell’associazione Teatro Tunica di Luca Nasuto e dell’associazione culturale «Achille Basile. Le ali della lettura», che si svolgerà al teatro Supercinema di Castellammare dal 4 novembre al 2 dicembre. Il 7 novembre è invece in programma la prima giornata di studi del convegno presso la sede della Federico II, mentre la seconda giornata si svolgerà nell’aula magna “Francesco Di Capua” del liceo classico “Plinio Seniore” di Castellammare, dove il giovane Annibale affrontò le sue prime prove di studente. La serata della consegna del “Premio di teatro e di poesia «Annibale Ruccello»” si terrà al teatro Supercinema di Castellammare venerdì 2 dicembre e sarà conclusa da un concerto di Eugenio Bennato.Fonte: Giulio Baffi da La Repubblica Napoli 

Castellammare di Stabia – Ritrovare ancora una volta nella nostra memoria le tracce dei giorni drammatici che segnarono, trent'anni or sono, la scomparsa, improvvisa e crudele, di Annibale Ruccello. E ritrovare allo stesso tempo le tracce di un percorso di vita che portò il giovane drammaturgo stabiese alla ribalta del teatro nazionale con le sue commedie e la sua grande versatilità d'attore e regista. Andare ancora un po' avanti, per ripensare a quanto spazio, in questi trent'anni, Ruccello ha conquistato. Conquistando la passione di tanti, attori e registi certo, ma anche spettatori e studiosi che al suo teatro hanno fatto e fanno riferimento. Lo ricordano in tanti, con emozione e dolore immutato. Lo ricorda e lo celebra la città dove è nato e ha vissuto, Castellammare di Stabia, che domani pomeriggio, a partire dalle ore 18, riunisce a Palazzo Farnese, sede del municipio, presso l'aula consiliare "Falcone e Borsellino", amici, intellettuali, artisti, per ricordarlo in percorso che si snoderà attraverso le sensazioni, gli aneddoti, i pensieri di chi ha condiviso con lui parte della sua vita e di chi ha portato in scena i suoi personaggi. Tra tutti di particolare significato sarà la presenza di Isa Danieli, che portò al successo quello straordinario spettacolo che fu "Ferdinando". Ci saranno il sindaco Antonio Pannullo e Carla Di Maio, assessore alla cultura, a rappresentare la città tutta. Ci sarà Lello Guida, che con Annibale Ruccello condivise scrittura e primi successi. Non potrà esserci Carlo de Nonno, cugino e autore delle celebri "colonne sonore" degli spettacoli di Ruccello, musicista e il rappresentante della famiglia, «che, pur non potendo presenziare all'incontro, sta seguendo la costruzione delle iniziative stabiesi e questo è per noi motivo di stimolo e di entusiasmo», dice il sindaco Pannullo. Sarà una occasione importante questa di domani pomeriggio, perché saranno anche illustrate le iniziative previste in città per il "trentennale", organizzate dall'amministrazione comunale collaborando con lo "Stabia Teatro Festival" organizzato dal Teatro Tunica e dall'associazione culturale "Achille Basile – Le Ali della Lettura" che quest'anno, accanto al calendario di eventi letterari e teatrali e alla terza edizione del "Premio Stabiae -Annibale Ruccello" la cui giuria è coordinata da Monica Citarella, si arricchirà di un importante convegno organizzato dal Dipartimento di studi umanistici dell'università Federico II e dal master in drammaturgia e cinematografia diretto da Pasquale Sabbatino, dedicato al drammaturgo stabiese. Nato per promuovere l'opera di Ruccello "privilegiando quelle operazioni teatrali che ne rispecchiano alcune componenti costitutive e valorizzando i giovani autori teatrali", il premio viene assegnato per le tre sezioni: "Autore di testi rappresentati", "Autore emergente", "Premio speciale alla carriera", riservando dunque particolare attenzione alla drammaturgia, e abbracciando nella terza sezione le altre, numerose, componenti performative del fare teatro. E dunque un calendario denso e intenso sarà annunciato domani nella sede del municipio di Castellammare di Stabia, la città di Ruccello, dopo gli interventi di testimonianze e ricordi di quegli anni lontani in cui il giovane studioso misurava la sua fantasia m piccoli spazi di teatro con compagni d'avventura che lo seguivano entusiasti. Annibale Ruccello aveva fantasia contagiosa e energia coinvolgente, ironia e sapere al cui fascino nessuno poteva sottrarsi. Alla sua fantasia e al suo sapere sarà dedicato quest'anno il programma dello "Stabia Teatro Festival", kermesse teatrale e letteraria curata dell'associazione Teatro Tunica di Luca Nasuto e dell'associazione culturale «Achille Basile. Le ali della lettura», che si svolgerà al teatro Supercinema di Castellammare dal 4 novembre al 2 dicembre. Il 7 novembre è invece in programma la prima giornata di studi del convegno presso la sede della Federico II, mentre la seconda giornata si svolgerà nell'aula magna "Francesco Di Capua" del liceo classico "Plinio Seniore" di Castellammare, dove il giovane Annibale affrontò le sue prime prove di studente. La serata della consegna del "Premio di teatro e di poesia «Annibale Ruccello»" si terrà al teatro Supercinema di Castellammare venerdì 2 dicembre e sarà conclusa da un concerto di Eugenio Bennato.Fonte: Giulio Baffi da La Repubblica Napoli