“EcoFoodFertility aderisce al Fertility-Day”

0

COMUNICATO STAMPA – La Rete EcoFoodFertility ha aderito con convinzione al Fertility Day che rappresenta finalmente un’occasione importante per consapevolizzare la popolazione sul tema salute riproduttiva in cui è sempre sfuggito ed ancora sfugge -almeno da quel che viene oggi comunicato con alcune “cartoline”- il vero obiettivo, cioé la prevenzione primaria, basata su evidenze scientifiche.
Prevenire i fattori di rischio per i problemi riproduttivi oggi vuol dire anche, secondo le evidenze scientifiche, ridurre il rischio di patologie cronico-degenerative, dall’ipertensione al cancro, che interessano l’adulto nella generazione presente e in quelle future. Considerare la tutela della Fertilità un presidio fondamentale per la prevenzione, non solo delle patologie riproduttive, ma anche di quelle cronico-degenerative è un passaggio sul quale l’attenzione della società è ancora superficiale, nonostante i richiami autorevoli della comunità scientifica; tralasciando le polemiche in corso, riteniamo importante dare maggiore attenzione a fattori menzionati, sia pur brevemente, nel Piano Nazionale per la Fertilità, come gli interferenti endocrini, l’ambiente di vita e di lavoro, gli squilibri nutrizionali, per cui l’Ambiente e l’Alimentazione, oltre ovviamente lo Stile di Vita individuale, rappresentano dei determinanti importanti per una buona salute riproduttiva. Nel Fertility Day, a partire proprio dalla Campania e da quella parte che oggi è tristemente conosciuta come “Terra dei Fuochi”, precisamente da Acerra, la manifestazione, per la quale stiamo costruendo dal basso un progetto di ricerca coinvolgendo importanti istituzioni scientifiche con una rete di supporto educativa di scuole nelle tante aree ambientali critiche d’Italia ha, infatti, come titolo: Ambiente, Alimentazione, Stili di Vita: La Rete EcoFoodFertility per la tutela della Fertilità nelle aree a rischio. Consideriamo importante rivolgersi alle scuole superiori, in quanto l’età adolescenziale, rappresenta, sia una fase di maturazione della consapevolezza individuale, sia un momento dello sviluppo biologico e comportamentale vulnerabile alle “interferenze” provenienti dall’ambiente, oltre che alle devianze alimentari e dello stile di vita. In accordo con le iniziative di altri Paesi v. (il National Infertilility Prevention Program negli USA) ci rivolgiamo all”adolescenza in quanto è l’età di ingresso verso la salute, compresa la capacità riproduttiva, dell’individuo adulto. E’ in quest’ottica che la nostra rete vuole essere da supporto alle istituzioni pubbliche ed è con l’intento di migliorare la salute della generazione presente e di quelle future che aderiamo al Fertility Day. Acerra, 1 settembre 2016 Dott. Luigi Montano Coordinatore “EcoFoodFertility”.COMUNICATO STAMPA – La Rete EcoFoodFertility ha aderito con convinzione al Fertility Day che rappresenta finalmente un’occasione importante per consapevolizzare la popolazione sul tema salute riproduttiva in cui è sempre sfuggito ed ancora sfugge -almeno da quel che viene oggi comunicato con alcune “cartoline”- il vero obiettivo, cioé la prevenzione primaria, basata su evidenze scientifiche.
Prevenire i fattori di rischio per i problemi riproduttivi oggi vuol dire anche, secondo le evidenze scientifiche, ridurre il rischio di patologie cronico-degenerative, dall’ipertensione al cancro, che interessano l’adulto nella generazione presente e in quelle future. Considerare la tutela della Fertilità un presidio fondamentale per la prevenzione, non solo delle patologie riproduttive, ma anche di quelle cronico-degenerative è un passaggio sul quale l’attenzione della società è ancora superficiale, nonostante i richiami autorevoli della comunità scientifica; tralasciando le polemiche in corso, riteniamo importante dare maggiore attenzione a fattori menzionati, sia pur brevemente, nel Piano Nazionale per la Fertilità, come gli interferenti endocrini, l’ambiente di vita e di lavoro, gli squilibri nutrizionali, per cui l’Ambiente e l’Alimentazione, oltre ovviamente lo Stile di Vita individuale, rappresentano dei determinanti importanti per una buona salute riproduttiva. Nel Fertility Day, a partire proprio dalla Campania e da quella parte che oggi è tristemente conosciuta come “Terra dei Fuochi”, precisamente da Acerra, la manifestazione, per la quale stiamo costruendo dal basso un progetto di ricerca coinvolgendo importanti istituzioni scientifiche con una rete di supporto educativa di scuole nelle tante aree ambientali critiche d’Italia ha, infatti, come titolo: Ambiente, Alimentazione, Stili di Vita: La Rete EcoFoodFertility per la tutela della Fertilità nelle aree a rischio. Consideriamo importante rivolgersi alle scuole superiori, in quanto l’età adolescenziale, rappresenta, sia una fase di maturazione della consapevolezza individuale, sia un momento dello sviluppo biologico e comportamentale vulnerabile alle “interferenze” provenienti dall’ambiente, oltre che alle devianze alimentari e dello stile di vita. In accordo con le iniziative di altri Paesi v. (il National Infertilility Prevention Program negli USA) ci rivolgiamo all”adolescenza in quanto è l’età di ingresso verso la salute, compresa la capacità riproduttiva, dell’individuo adulto. E’ in quest’ottica che la nostra rete vuole essere da supporto alle istituzioni pubbliche ed è con l’intento di migliorare la salute della generazione presente e di quelle future che aderiamo al Fertility Day. Acerra, 1 settembre 2016 Dott. Luigi Montano Coordinatore “EcoFoodFertility”.