Sorrento trenino senza pace, ricorso al Tar di Colucci , ma la SIS ne ha pronto un altro contro

0

Sorrento trenino senza pace, ricorso al Tar  Campania di Napoli della società Trenino Sorrento S.a.s. di F.Colucci &   C. con atto notificato in data 8.8.2016 prot. n. 37643 per l’annullamento in particolare della   nota   prot.   27058/2016   con   la   quale     veniva   comunicata   la   declaratoria   di inammissibilità dell’istanza di rilascio di concessione amministrativa per l’attività di spettacolo viaggiante da parte della competente commissione valutatrice, a renderlo noto il Comune sull’albo pretorio online  che si costituirà con l’avvocato Paisetto, insomma a Colucci gli furono negati alcuni percorsi . Dall’altra parte la SIS di Renato Lavano, difeso dall’avvocato Pietro Venanzio, ha pronto un altro ricorso al Tar, contro il bando vinto da Colucci che gli da per sei anni il diritto di utilizzare il trenino in cambio di un canone per l’occupazione del suolo pubblico e la pubblicazione di brochure, la SIS contesta l’attribuzione di punteggi, per esempio sulle lingue, dove loro hanno presentato 7 lingue, rispetto alle 5 di Colucci, ricevendo solo un punto in più, e sui requisiti del mezzo. La cooperativa Tasso si è tirata fuori da questo scontro “Colucci si è inventato il trenino e per noi è giusto che lo faccia lui se ne ha i requisiti”, ha detto Alfonso Ronca. La SIS dall’altra parte insiste “Non sono stati rispettati all’inizio tutti i requisiti”. Colucci all’epoca intervenne con post di fuoco sulla vicenda che lo avrebbe fatto cominciare tardi a lavorare con perdita di soldi. Insomma sarà un autunno caldo

Sorrento trenino senza pace, ricorso al Tar  Campania di Napoli della società Trenino Sorrento S.a.s. di F.Colucci &   C. con atto notificato in data 8.8.2016 prot. n. 37643 per l’annullamento in particolare della   nota   prot.   27058/2016   con   la   quale     veniva   comunicata   la   declaratoria   di inammissibilità dell’istanza di rilascio di concessione amministrativa per l’attività di spettacolo viaggiante da parte della competente commissione valutatrice, a renderlo noto il Comune sull'albo pretorio online  che si costituirà con l'avvocato Paisetto, insomma a Colucci gli furono negati alcuni percorsi . Dall'altra parte la SIS di Renato Lavano, difeso dall'avvocato Pietro Venanzio, ha pronto un altro ricorso al Tar, contro il bando vinto da Colucci che gli da per sei anni il diritto di utilizzare il trenino in cambio di un canone per l'occupazione del suolo pubblico e la pubblicazione di brochure, la SIS contesta l'attribuzione di punteggi, per esempio sulle lingue, dove loro hanno presentato 7 lingue, rispetto alle 5 di Colucci, ricevendo solo un punto in più, e sui requisiti del mezzo. La cooperativa Tasso si è tirata fuori da questo scontro "Colucci si è inventato il trenino e per noi è giusto che lo faccia lui se ne ha i requisiti", ha detto Alfonso Ronca. La SIS dall'altra parte insiste "Non sono stati rispettati all'inizio tutti i requisiti". Colucci all'epoca intervenne con post di fuoco sulla vicenda che lo avrebbe fatto cominciare tardi a lavorare con perdita di soldi. Insomma sarà un autunno caldo