Sorrento cosa si vuole fare de Le Tore ? in un progetto di un milione di euro che significa area di ristoro?

0

Sorrento cosa si vuole fare de Le Tore, 20 ettari e 16 mila alberi, l’unica area verde pubblica della penisola sorrentina?  Un progetto di un milione di euro che significa area di ristoro? Si sta parlando tanto di un progetto messo nelle opere triennali dei lavori pubblici. Un progetto da un milione di euro al quale sarebbero interessati vari soggetti, pare Prisma, il gruppo della parrocchia di Casarlano etc, ma ancora non si conosce nel dettaglio il progetto che potrebbe essere messe in rete. Un investimento tanto ingente sorprende , Le tore avrebbero bisogno di una maggiore attenzione e pulizia, prestando attenzioni a progetti che abbiano una “filosofia unica”, come il WWF ha dimostrato con la realizzazione dell’ Oasi in città a Sant’Agnello. La sua valenza è quella paesaggistica, è la flora e la fauna che costituiscono un punto di forza, andare a copiare l’ennesimo ristorante, l’ennesimo parco giochi, non porta e toglie nulla. La speranza è che dietro questa operazione non ci sia semplicemente qualche struttura interessata a sfruttare l’area e la possibilità di utilizzare un elicottero per i propri clienti. Non conosciamo il progetto, autorizzato dalla Soprintendenza di Napoli, ma sarebbe il caso di renderlo noto. 

Sorrento cosa si vuole fare de Le Tore, 20 ettari e 16 mila alberi, l'unica area verde pubblica della penisola sorrentina?  Un progetto di un milione di euro che significa area di ristoro? Si sta parlando tanto di un progetto messo nelle opere triennali dei lavori pubblici. Un progetto da un milione di euro al quale sarebbero interessati vari soggetti, pare Prisma, il gruppo della parrocchia di Casarlano etc, ma ancora non si conosce nel dettaglio il progetto che potrebbe essere messe in rete. Un investimento tanto ingente sorprende , Le tore avrebbero bisogno di una maggiore attenzione e pulizia, prestando attenzioni a progetti che abbiano una "filosofia unica", come il WWF ha dimostrato con la realizzazione dell' Oasi in città a Sant'Agnello. La sua valenza è quella paesaggistica, è la flora e la fauna che costituiscono un punto di forza, andare a copiare l'ennesimo ristorante, l'ennesimo parco giochi, non porta e toglie nulla. La speranza è che dietro questa operazione non ci sia semplicemente qualche struttura interessata a sfruttare l'area e la possibilità di utilizzare un elicottero per i propri clienti. Non conosciamo il progetto, autorizzato dalla Soprintendenza di Napoli, ma sarebbe il caso di renderlo noto.