Incendio distrugge una ditta di alimenti al confine tra San Valentino e Sarno. Per ora esclusa la matrice dolosa

0

Un incendio distrugge la piccola azienda di alimenti “La Casina” di Casatori, piccola frazione del comune di San Valentino Torio. Panico e paura per le fiamme che hanno coinvolto anche il capannone di un carrozziere e alcune case vicine. Fortunatamente non ci sono persone coinvolte nel terribile incidente. Sarebbe proprio un brutto incidente, come hanno ipotizzato gli uomini dei Vigili del Fuoco, intervenuti da subito per mettere in sicurezza lo stabile, ad aver causato la completa distruzione dello stabilimento alimentare che produceva saltimbocca, pizze e altri alimenti da forno attuando processi di panificazione in atmosfera modificata, che venivano esportati sia in Italia che all’estero. Era passato da poco l’orario di apertura, intorno alle sette di ieri mattina, quando le fiamme e intense nuvole di coltre nera hanno cominciato a venire fuori dallo stabile invadendo anche il capannone di un carrozziere adiacente. Inutile descrivere lo spavento dei residenti e di alcuni operai che avevano cominciato il turno da poco e che sono rimasti illesi riuscendo a divincolarsi. Immediato l’intervento di varie squadre dei vigili del fuoco che da ieri mattina alle 8 hanno cominciato a lavorare senza sosta per spegnere l’incendio e mettere in sicurezza lo stabile, per quel che hanno potuto. L’operazione è durata fino alla prima serata di ieri e ancora, come affermato dagli stessi soccorritori, non è stato possibile ricostruire con precisione la dinamica dell’accaduto e fare un’accurata stima dei danni. Ciò che, purtroppo, è visibile è che l’intera azienda “La Casina” non c’è più. E’ venuto giù il tetto, tutto è andato in fumo e anche le macchine di produzione sembrano essere tutte distrutte. Il capannone adiacente, coinvolto nell’incendio, sembra aver avuto qualche danno strutturale, ma le auto al suo interno, come comunicato dallo stesso proprietario, sono salve. Davvero un brutto colpo questo che costerà, purtroppo, per i proprietari dell’azienda dover ricominciare tutto da capo. I residenti sono ancora sotto choc per quanto accaduto e per la paura di essere avvolti dalle fiamme e dalle nubi di fumo che li avvolgevano in maniera così repentina. Davvero un brutto colpo per la piccola frazione che in queste aziende conta delle piccole eccellenze di cui farsi vanto e che, per un incidente del quale restano ancora da chiarire le cause, occorrerà fare un passo indietro e ricostruire tutto da capo. Sembrerebbe da escludere, dunque, la matrice dolosa. (Maria Manzo – La Città)  

Un incendio distrugge la piccola azienda di alimenti “La Casina” di Casatori, piccola frazione del comune di San Valentino Torio. Panico e paura per le fiamme che hanno coinvolto anche il capannone di un carrozziere e alcune case vicine. Fortunatamente non ci sono persone coinvolte nel terribile incidente. Sarebbe proprio un brutto incidente, come hanno ipotizzato gli uomini dei Vigili del Fuoco, intervenuti da subito per mettere in sicurezza lo stabile, ad aver causato la completa distruzione dello stabilimento alimentare che produceva saltimbocca, pizze e altri alimenti da forno attuando processi di panificazione in atmosfera modificata, che venivano esportati sia in Italia che all’estero. Era passato da poco l’orario di apertura, intorno alle sette di ieri mattina, quando le fiamme e intense nuvole di coltre nera hanno cominciato a venire fuori dallo stabile invadendo anche il capannone di un carrozziere adiacente. Inutile descrivere lo spavento dei residenti e di alcuni operai che avevano cominciato il turno da poco e che sono rimasti illesi riuscendo a divincolarsi. Immediato l’intervento di varie squadre dei vigili del fuoco che da ieri mattina alle 8 hanno cominciato a lavorare senza sosta per spegnere l’incendio e mettere in sicurezza lo stabile, per quel che hanno potuto. L’operazione è durata fino alla prima serata di ieri e ancora, come affermato dagli stessi soccorritori, non è stato possibile ricostruire con precisione la dinamica dell’accaduto e fare un’accurata stima dei danni. Ciò che, purtroppo, è visibile è che l’intera azienda “La Casina” non c’è più. E’ venuto giù il tetto, tutto è andato in fumo e anche le macchine di produzione sembrano essere tutte distrutte. Il capannone adiacente, coinvolto nell’incendio, sembra aver avuto qualche danno strutturale, ma le auto al suo interno, come comunicato dallo stesso proprietario, sono salve. Davvero un brutto colpo questo che costerà, purtroppo, per i proprietari dell’azienda dover ricominciare tutto da capo. I residenti sono ancora sotto choc per quanto accaduto e per la paura di essere avvolti dalle fiamme e dalle nubi di fumo che li avvolgevano in maniera così repentina. Davvero un brutto colpo per la piccola frazione che in queste aziende conta delle piccole eccellenze di cui farsi vanto e che, per un incidente del quale restano ancora da chiarire le cause, occorrerà fare un passo indietro e ricostruire tutto da capo. Sembrerebbe da escludere, dunque, la matrice dolosa. (Maria Manzo – La Città)  

Lascia una risposta