Agropoli, approvato progetto. Una nuova strada per lo stadio

0

Agropoli. La giunta ha approvato il progetto definitivo per la sistemazione e adeguamento della strada alternativa di accesso allo stadio “Guariglia”. L’esecutivo Alfieri approvò già nel maggio 2015 il progetto preliminare che prevedeva anche il completamento della struttura. L’operazione prevedeva una spesa complessiva di 620.000 euro, oggi ridotta a 300.000 euro per la sola realizzazione della strada di accesso alternativa. Si tratta in particolare della creazione di una seconda uscita dallo stadio comunale verso sud, mentre viene rinviato l’altro intervento di chiusura delle tribune est per la creazione di depositi. Il comune di Agropoli alcuni mesi fa pubblicò per lo stadio comunale un avviso per un’indagine esplorativa finalizzata all’acquisizione di manifestazioni d’interesse per la realizzazione di lavori per il completamento dell’impianto sportivo, tramite procedura di partenariato pubblico-privato. L’idea è realizzare locali commerciali e uffici sotto le tribune. Inoltre è in programma anche un ampliamento per portare la capienza dai 5.000 posti attuali a 10.000 complessivi. (La Città) 

Agropoli. La giunta ha approvato il progetto definitivo per la sistemazione e adeguamento della strada alternativa di accesso allo stadio “Guariglia”. L’esecutivo Alfieri approvò già nel maggio 2015 il progetto preliminare che prevedeva anche il completamento della struttura. L’operazione prevedeva una spesa complessiva di 620.000 euro, oggi ridotta a 300.000 euro per la sola realizzazione della strada di accesso alternativa. Si tratta in particolare della creazione di una seconda uscita dallo stadio comunale verso sud, mentre viene rinviato l’altro intervento di chiusura delle tribune est per la creazione di depositi. Il comune di Agropoli alcuni mesi fa pubblicò per lo stadio comunale un avviso per un’indagine esplorativa finalizzata all’acquisizione di manifestazioni d’interesse per la realizzazione di lavori per il completamento dell’impianto sportivo, tramite procedura di partenariato pubblico-privato. L’idea è realizzare locali commerciali e uffici sotto le tribune. Inoltre è in programma anche un ampliamento per portare la capienza dai 5.000 posti attuali a 10.000 complessivi. (La Città)