Sorrento scoperto l’ investitore di GEA era un cameriere che tornava da lavoro.

0

 Un camieriere che tornava da lavoro ha investito Gea, la donna 45enne che tutta la penisola sorrentina piange per la sua scomparsa. Gea , madre di tre figli, stava tornando a casa in piazza Lauro, quando, mentre attraversava di fronte all’ufficio postale, è stata presa in pieno dal ciclomotore. Il giovane , provato da questa tragedia, ora rischia una condanna per omicidio stradale, con sanzioni aggravate dalla nuova legge. Una tragedia quella della morte della donna che ha sollevato una mobilitazione generale per avere maggior sicurezza almeno nel centro della città del Tasso, strisce bianche rialzate e luminose, semafori, maggiori controlli sono fra le richieste dominanti. I punti a rischio sono evidenti, almeno in base alla cronaca di Positanonews, da Piazza Lauro a Marano in particolare sul Corso Italia, mentre è a rischio tutta Via degli Aranci dove l’illuminazione è scarsa e fra il Capo e Massa Lubrense il bivio di Priora in particolare.

 Un camieriere che tornava da lavoro ha investito Gea, la donna 45enne che tutta la penisola sorrentina piange per la sua scomparsa. Gea , madre di tre figli, stava tornando a casa in piazza Lauro, quando, mentre attraversava di fronte all'ufficio postale, è stata presa in pieno dal ciclomotore. Il giovane , provato da questa tragedia, ora rischia una condanna per omicidio stradale, con sanzioni aggravate dalla nuova legge. Una tragedia quella della morte della donna che ha sollevato una mobilitazione generale per avere maggior sicurezza almeno nel centro della città del Tasso, strisce bianche rialzate e luminose, semafori, maggiori controlli sono fra le richieste dominanti. I punti a rischio sono evidenti, almeno in base alla cronaca di Positanonews, da Piazza Lauro a Marano in particolare sul Corso Italia, mentre è a rischio tutta Via degli Aranci dove l'illuminazione è scarsa e fra il Capo e Massa Lubrense il bivio di Priora in particolare.

Lascia una risposta