E’ IL SUCCESSO DEI BED & BREAKFAST, I PIU’ ROMANTICI? A POSITANO

0

Positano in Costiera amalfitana è il posto più romantico del mondo . E lo è anche per il nuovo tipo di ospitalità oramai affermata come ha scitto oggi Ugo Cundari su Il Mattino  I primi furono nel 1976 Fabrizio De Andrè e Dori Ghezzi, comprarono a Tempio Pausania (Olbia) un casale di pastori che poi trasformarono in un luogo in cui affittavano camere, l’Agnata, offrendo ospitalità e prima colazione a prezzi abbordabili. All’epoca ancora non esistevano i bed & breakfast oggi ne sono ventimila né tanto meno il circuito Airbnb dove si possono scegliere migliaia di sistemazioni in case vacanze. Ma dopo De Andrè e Ghezzi altri vip hanno seguito l’esempio. A Napoli l’attore Sergio Assisi, insieme con il fratello, ha di recente inaugurato un Bed alle spalle di via Foria, altezza Orto botanico, a Ponza la stilista Anna Fendi gestisce la casa vacanze Villa Laetizia, un palazzetto borbonico restaurato con le riggiole, le antiche maioliche napoletane, mentre a Pantelleria il fotografo Alessandro Ferri ha destinato parte della sua abitazione a B&B. Non solo vip, ovviamente. Perché abbia successo, un «bed» o una casa vacanze deve essere particolare sia nell’arredamento che nella location, seguire come filo conduttore il romanticismo, l’ambientazione esotica, lo charme e il design particolare, oppure come caratteristica deve offrire l’opportunità di far rivivere antiche tradizioni e permettere di respirare atmosfere da slowliving, che consiste nel lasciarsi andare a un ritmo di vita rallentato. Per respirare la storia a Napoli si può dormire nelle stanze dove nacque il futuro re Vittorio Emanuele III in Il Miracolo, vicino via Duomo, oppure, sul versante opposto, nella dimora storica Pignatelli, dove le decorazioni delle camere rievocano la Repubblica del 1799. Altro esempio di dimora storica è Palazzo Lupo a Centola, Cilento, la cui architettura è rimasta quella del 1300, compreso il portone in legno bugnato e la scala in pietra che conduce alle stanze alle cui pareti ci sono stampe antiche. In Irpinia, a Montoro, c’è Lavanda&Merletti, il cui slogan ripetuto come un mantra è «Chi viaggia senza incontrare l’altro, non viaggia, si sposta», citazione di Alexandra David-Néel. A Roma da un paio di mesi l’imprenditore Marco Esposito ha inaugurato due case vacanze all’insegna dei quadri d’autore, ArtApart23 e Globapart23. Tra i bed romantici ai primi posti c’è la maison Liparlati, a Positano, tre camere con il nome delle spiagge, Laurito, Arienzo e Fornillo, ognuna con un terrazzino. Per rilassarsi in Sicilia, a Modica c’è Casa Talia, gestita dagli architetti Marco Giunta e Viviana Haddad. Immersa nel silenzio e nel verde del grande parco naturalistico del Cilento è Villa Fortuna, le cui stanze danno tutte sul golfo di Palinuro.

Positano in Costiera amalfitana è il posto più romantico del mondo . E lo è anche per il nuovo tipo di ospitalità oramai affermata come ha scitto oggi Ugo Cundari su Il Mattino  I primi furono nel 1976 Fabrizio De Andrè e Dori Ghezzi, comprarono a Tempio Pausania (Olbia) un casale di pastori che poi trasformarono in un luogo in cui affittavano camere, l'Agnata, offrendo ospitalità e prima colazione a prezzi abbordabili. All'epoca ancora non esistevano i bed & breakfast oggi ne sono ventimila né tanto meno il circuito Airbnb dove si possono scegliere migliaia di sistemazioni in case vacanze. Ma dopo De Andrè e Ghezzi altri vip hanno seguito l'esempio. A Napoli l'attore Sergio Assisi, insieme con il fratello, ha di recente inaugurato un Bed alle spalle di via Foria, altezza Orto botanico, a Ponza la stilista Anna Fendi gestisce la casa vacanze Villa Laetizia, un palazzetto borbonico restaurato con le riggiole, le antiche maioliche napoletane, mentre a Pantelleria il fotografo Alessandro Ferri ha destinato parte della sua abitazione a B&B. Non solo vip, ovviamente. Perché abbia successo, un «bed» o una casa vacanze deve essere particolare sia nell'arredamento che nella location, seguire come filo conduttore il romanticismo, l'ambientazione esotica, lo charme e il design particolare, oppure come caratteristica deve offrire l'opportunità di far rivivere antiche tradizioni e permettere di respirare atmosfere da slowliving, che consiste nel lasciarsi andare a un ritmo di vita rallentato. Per respirare la storia a Napoli si può dormire nelle stanze dove nacque il futuro re Vittorio Emanuele III in Il Miracolo, vicino via Duomo, oppure, sul versante opposto, nella dimora storica Pignatelli, dove le decorazioni delle camere rievocano la Repubblica del 1799. Altro esempio di dimora storica è Palazzo Lupo a Centola, Cilento, la cui architettura è rimasta quella del 1300, compreso il portone in legno bugnato e la scala in pietra che conduce alle stanze alle cui pareti ci sono stampe antiche. In Irpinia, a Montoro, c'è Lavanda&Merletti, il cui slogan ripetuto come un mantra è «Chi viaggia senza incontrare l'altro, non viaggia, si sposta», citazione di Alexandra David-Néel. A Roma da un paio di mesi l'imprenditore Marco Esposito ha inaugurato due case vacanze all'insegna dei quadri d'autore, ArtApart23 e Globapart23. Tra i bed romantici ai primi posti c'è la maison Liparlati, a Positano, tre camere con il nome delle spiagge, Laurito, Arienzo e Fornillo, ognuna con un terrazzino. Per rilassarsi in Sicilia, a Modica c'è Casa Talia, gestita dagli architetti Marco Giunta e Viviana Haddad. Immersa nel silenzio e nel verde del grande parco naturalistico del Cilento è Villa Fortuna, le cui stanze danno tutte sul golfo di Palinuro.