Pipì per strada: il vicesindaco raddoppia la sanzione a 500 euro

0

 TRIESTE – «Vogliamo una città pulita, vivibile. Vogliamo una città dove ci si possa divertire, ma dove l’inciviltà di pochi non danneggi tutti. È inaccettabile che alcune zone, specie del centro, la notte diventino delle vere e proprie latrine. Per questo ieri, con una mia delibera, unanimemente approvata in giunta, è stataraddoppiata la sanzione per chi urina per strada, elevandola a 500 euro. E non mancheranno i controlli». Con un post su Facebook, il vicesindaco Pierpaolo Roberti lancia una nuova offensiva al degrado mettendo al corrente la cittadinanza sull’ultimo giro di vite che intende imprimere a chi fin’ora non si è fatto alcun problema a fare la pipì per strada, sotto le finestre delle abitazioni in Cavana ad esempio o in altri punti della città, anche centrali.  Non sono pochi i giovani sorpresi, anche di recente, a farla dove capita nel cuore della notte. Inizialmente infatti le multe ammontavano a 500 euro ma sono state alleggerite ossia dimezzate (250 euro) nel corso della passata amministrazione comunale guidata da Roberto Cosolini. 

di E.B. IL MATTINO

 TRIESTE – «Vogliamo una città pulita, vivibile. Vogliamo una città dove ci si possa divertire, ma dove l'inciviltà di pochi non danneggi tutti. È inaccettabile che alcune zone, specie del centro, la notte diventino delle vere e proprie latrine. Per questo ieri, con una mia delibera, unanimemente approvata in giunta, è stataraddoppiata la sanzione per chi urina per strada, elevandola a 500 euro. E non mancheranno i controlli». Con un post su Facebook, il vicesindaco Pierpaolo Roberti lancia una nuova offensiva al degrado mettendo al corrente la cittadinanza sull'ultimo giro di vite che intende imprimere a chi fin'ora non si è fatto alcun problema a fare la pipì per strada, sotto le finestre delle abitazioni in Cavana ad esempio o in altri punti della città, anche centrali.  Non sono pochi i giovani sorpresi, anche di recente, a farla dove capita nel cuore della notte. Inizialmente infatti le multe ammontavano a 500 euro ma sono state alleggerite ossia dimezzate (250 euro) nel corso della passata amministrazione comunale guidata da Roberto Cosolini. 

di E.B. IL MATTINO