Vesuvio, tragedia sfiorata: bus con 35 turisti in bilico sul burrone

0

Ercolano – Tragedia sfiorata nel pomeriggio sul Vesuvio: un autobus con a bordo trentacinque turisti cinesi e il conducente italiano è uscito fuori strada mentre scendeva da quota 700 metri, slittando sull’asfalto reso viscido dalla pioggia. I primi soccorsi sono stati forniti dagli agenti della Polizia Municipale del presidio comunale posto a quota 800 metri e dall’ambulanza del presidio medico a quota 1000. Grazie al successivo intervento di vigili del fuoco, carabinieri e polizia, tutti i passeggeri che erano nel bus sono stati tratti in salvo: hanno riportato solo lievi ferite curate all’ospedale «Maresca» di Torre del Greco. Al momento le forze dell’ordine sono al lavoro per rimuovere l’autobus in bilico sulla scarpata e per ripristinare la viabilità sulla strada. Sulla vicenda interviene il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto: «Complimenti ai nostri vigili urbani che sono stati i primi a intervenire sul luogo dell’incidente. Il presidio che abbiamo fortemente voluto a quota 800 oggi ha contribuito a salvare la vita a trentasei persone».

DI FRANCESCA RASPAVALO IL MATTINO

Ercolano – Tragedia sfiorata nel pomeriggio sul Vesuvio: un autobus con a bordo trentacinque turisti cinesi e il conducente italiano è uscito fuori strada mentre scendeva da quota 700 metri, slittando sull'asfalto reso viscido dalla pioggia. I primi soccorsi sono stati forniti dagli agenti della Polizia Municipale del presidio comunale posto a quota 800 metri e dall'ambulanza del presidio medico a quota 1000. Grazie al successivo intervento di vigili del fuoco, carabinieri e polizia, tutti i passeggeri che erano nel bus sono stati tratti in salvo: hanno riportato solo lievi ferite curate all'ospedale «Maresca» di Torre del Greco. Al momento le forze dell'ordine sono al lavoro per rimuovere l'autobus in bilico sulla scarpata e per ripristinare la viabilità sulla strada. Sulla vicenda interviene il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto: «Complimenti ai nostri vigili urbani che sono stati i primi a intervenire sul luogo dell'incidente. Il presidio che abbiamo fortemente voluto a quota 800 oggi ha contribuito a salvare la vita a trentasei persone».

DI FRANCESCA RASPAVALO IL MATTINO