Vico Equense – Piano di Sorrento ci sia maggiore trasparenza, si facciano consigli in streaming e su you tube

0

Da Vico Equense a Piano di Sorrento, ma anche nel resto della penisola sorrentina, le opposizioni invocano maggiore partecipazione e trasparenza. I consigli comunali in streaming, per chi lo ignora, non sono una prerogativa del Movimento Cinque Stelle, ma di chiunque voglia maggiore democrazia e conoscenza della cosa pubblica. Così pure per gli atti pubblici sugli albi pretori, è stata una conquista ottenuta dopo venti anni di lotte, quando Grillo neanche esisteva. I pentastellati ora sono quelli che ne hanno fatto giustamente un cavallo di battaglia, ma l’esigenza di democrazia è trasparenza è insita in chiunque voglia ridare al popolo il suo ruolo e al Comune il significa di casa della città, casa comune appunto. La partecipazione dei consigli comunali dovrebbe essere un dovere degli amministratori, per far si è giusto mettere i consigli comunali in streaming , ancora di più su un canale you tube dove i consigli vengono caricati e visibili senza le problematiche dello streaming e con la possibilità per i cittadini, pensiamo a quelli lontani, come tanti lo sono visto che qui fanno i marittimi, o gli anziani e i malati o chi lavora,  se a farlo sono delle persone con delle medie capacità professionali, con costi davvero limitati. Sarebbe una forma di rispetto verso i cittadini, non farlo significa solo arroganza e ignoranza, perchè non è una cosa che chiedono le opposizioni, ma una cosa che va verso il diritto dei cittadini. Se non c’è la volontà di farlo significa che non c’è la volontà di far partecipare la popolazione e rendere l’attività amministrativa più trasparente.  A chiederlo , a questo punto, siamo noi di Positanonews, il primo giornale online nativo della Penisola sorrentina e Costiera amalfitana  , sperando che questa richiesta sia fatta propria innanzitutto da chi fa informazione tenendo a mente che il datore di lavoro di ogni giornale è il lettore , cioè il popolo, e a questi si dovrebbe prima di tutto rispondere e di questi bisognerebbe fare gli interesssi. Avvocato Michele Cinque – Direttore di Positanonews – 

Da Vico Equense a Piano di Sorrento, ma anche nel resto della penisola sorrentina, le opposizioni invocano maggiore partecipazione e trasparenza. I consigli comunali in streaming, per chi lo ignora, non sono una prerogativa del Movimento Cinque Stelle, ma di chiunque voglia maggiore democrazia e conoscenza della cosa pubblica. Così pure per gli atti pubblici sugli albi pretori, è stata una conquista ottenuta dopo venti anni di lotte, quando Grillo neanche esisteva. I pentastellati ora sono quelli che ne hanno fatto giustamente un cavallo di battaglia, ma l'esigenza di democrazia è trasparenza è insita in chiunque voglia ridare al popolo il suo ruolo e al Comune il significa di casa della città, casa comune appunto. La partecipazione dei consigli comunali dovrebbe essere un dovere degli amministratori, per far si è giusto mettere i consigli comunali in streaming , ancora di più su un canale you tube dove i consigli vengono caricati e visibili senza le problematiche dello streaming e con la possibilità per i cittadini, pensiamo a quelli lontani, come tanti lo sono visto che qui fanno i marittimi, o gli anziani e i malati o chi lavora,  se a farlo sono delle persone con delle medie capacità professionali, con costi davvero limitati. Sarebbe una forma di rispetto verso i cittadini, non farlo significa solo arroganza e ignoranza, perchè non è una cosa che chiedono le opposizioni, ma una cosa che va verso il diritto dei cittadini. Se non c'è la volontà di farlo significa che non c'è la volontà di far partecipare la popolazione e rendere l'attività amministrativa più trasparente.  A chiederlo , a questo punto, siamo noi di Positanonews, il primo giornale online nativo della Penisola sorrentina e Costiera amalfitana  , sperando che questa richiesta sia fatta propria innanzitutto da chi fa informazione tenendo a mente che il datore di lavoro di ogni giornale è il lettore , cioè il popolo, e a questi si dovrebbe prima di tutto rispondere e di questi bisognerebbe fare gli interesssi. Avvocato Michele Cinque – Direttore di Positanonews –