MINORI, CIOFFI: TELECAMERE NON HANNO RIPRESO NULLA, REALE SENZA PUDORE FA PROPAGANDA SULL’AGGRESSIONE SETTIMANA SCORSA

0

Antonio Cioffi, consigliere di minoranza del gruppo Fratellanza Minorese, interviene in merito all’aggressione subita la settimana scorsa da un giovane cittadino minorese da parte di alcuni “turisti” del napoletano e le dichiarazioni rilasciate a freddo dal sindaco Andrea Reale. ”Innanzitutto occorre esprimere solidarietà e sostegno all’amico e concittadino che si è ritrovato suo malgrado coinvolto nell’episodio di violenza. Subito dopo, occorre riflettere su due punti: il primo è la mancanza di pudore del sindaco Reale che ha il coraggio di fare propaganda persino su un evento simile. Le telecamere non hanno infatti ripreso un bel nulla dell’accaduto perché non coprono il luogo dove si è svolto. Quindi, malgrado le dichiarazioni trionfalistiche, non saranno gran che utili alla Polizia Locale e le Forze dell’Ordine e tanto meno sono state utili a permettere di acciuffare gli aggressori. In secondo luogo non c’è dubbio che la qualità e il livello del turismo minorese sia invariato da decenni e che resti il fanalino di coda di tutta la costa d’Amalfi, con le conseguenze e i disagi per la popolazione che ne derivano. Qualcuno dica al sindaco che non basta ripetere continuamente slogan quali “città del gusto” per riuscire a dimostrare il contrario.Antonio Cioffi, consigliere di minoranza del gruppo Fratellanza Minorese, interviene in merito all’aggressione subita la settimana scorsa da un giovane cittadino minorese da parte di alcuni “turisti” del napoletano e le dichiarazioni rilasciate a freddo dal sindaco Andrea Reale. ”Innanzitutto occorre esprimere solidarietà e sostegno all’amico e concittadino che si è ritrovato suo malgrado coinvolto nell’episodio di violenza. Subito dopo, occorre riflettere su due punti: il primo è la mancanza di pudore del sindaco Reale che ha il coraggio di fare propaganda persino su un evento simile. Le telecamere non hanno infatti ripreso un bel nulla dell’accaduto perché non coprono il luogo dove si è svolto. Quindi, malgrado le dichiarazioni trionfalistiche, non saranno gran che utili alla Polizia Locale e le Forze dell’Ordine e tanto meno sono state utili a permettere di acciuffare gli aggressori. In secondo luogo non c’è dubbio che la qualità e il livello del turismo minorese sia invariato da decenni e che resti il fanalino di coda di tutta la costa d’Amalfi, con le conseguenze e i disagi per la popolazione che ne derivano. Qualcuno dica al sindaco che non basta ripetere continuamente slogan quali “città del gusto” per riuscire a dimostrare il contrario.