Torre Turbolo la più bella manifestazione di Massa Lubrense non si fa . Intervento della minoranza

0

Riceviamo e pubblichiamo Torre Turbolo la più bella manifestazione di Massa Lubrense non si fa e nessuno spiega perchè . La cooperativa L’Arcolaio di Antonio Guida aveva messo in piedi una bella iniziativa, cosi come aveva fatto a Sorrento nei vicoli del centro storico, poi gestita da altri, secondo noi male. Sarebbe il caso che il Comune fra i tanti comunicati che manda spiegasse anche il perchè

La redazione di Positanonews non ha ricevuto nulla a proposito abbiamo inoltrato la richiesta al Comune di Massa 

Sulla vicenda interviene la Minoranza consiliare guidata da Lello Staiano 

Quest’anno Torre Turbolo non si fa. L’amministrazione Balducelli ha ufficializzato con un comunicato del 4 agosto scorso la notizia che non avrà luogo la manifestazione culturale di cui questa maggioranza, e in particolare il vicesindaco, l’estate scorsa ne aveva fatto il simbolo del cambiamento tanto decantato in campagna elettorale e anche negli ultimi consigli comunali.

“Evidentemente si trattava di una falsa partenza indotta dall’ebbrezza della vittoria”- commenta Lello Staiano. “Infatti, dietro il linguaggio in perfetto burocratese del comunicato si nascondono due verità, che di certo non sono sfuggite ai cittadini: in primo luogo l’amministrazione precedente forse non aveva lasciato quei buchi mostruosi nel bilancio del Comune di cui il Patto e i suoi organi di informazione hanno raccontato per tanti mesi. Al contrario, attraverso una gestione attenta della cosa pubblica, era stato possibile accumulare un tesoretto puntualmente sperperato in questi quattordici mesi di nuova amministrazione. È normale che dopo le euforie del momento e le feste, spesso organizzate solo per mascherare altro o sostenere impegni assunti in campagna elettorale, non ci siano più risorse da destinare a manifestazioni di spessore come Torre Turbolo. Non bisogna certo generalizzare, ma sembra che sia più conveniente puntare sulla quantità che sulla qualità. In secondo luogo,”- continua il capogruppo di Insieme per Massa Lubrense- “i fatti hanno clamorosamente smentito chi, con una certa arroganza e con toni da grande esperto del settore turistico, rimproverava l’incapacità di predisporre con largo anticipo il calendario delle manifestazioni estive, anche per consentire agli operatori turistici di modulare adeguatamente la loro offerta. Si tratta certamente di un’osservazione pertinente e di una critica fondata. Peccato però che il grande esperto del settore turistico che crede di sapere tanto non abbia fatto seguire alle parole i fatti e la Delibera di Giunta contenente i provvedimenti per le manifestazioni sia stata pubblicata solo il 29 luglio, quando la stagione turistica era già cominciata da molte settimane. In tale documento si sottolinea come la rassegna Torre Turbolo rappresenti il fulcro del programma estivo, salvo poi nascondersi dietro le norme sugli appalti e le procedure di affidamento per mascherare lentezze e incapacità di gestione. Se Torre Turbolo era il centro del programma di manifestazioni per questa estate, mi chiedo, perché l’amministrazione è arrivata a luglio prima di muoversi? Forse amministrare non è così semplice come volevano far credere gli slogan propagandistici dell’attuale maggioranza? O forse ci sono motivazioni segrete, a noi sconosciute, che hanno imposto di dirottare risorse verso altre destinazioni? La verità”- conclude Lello Staiano- “è che una cosa sono gli spot elettorali e un’altra cosa è amministrare la vita quotidiana dell’Ente comunale avendo una visione d’insieme e strategica. E chi crede di dare lezioni a tutti rischia solo di fare delle grandi figuracce quando le parole non sono seguite dai fatti. Come puntualmente è accaduto”

Riceviamo e pubblichiamo Torre Turbolo la più bella manifestazione di Massa Lubrense non si fa e nessuno spiega perchè . La cooperativa L'Arcolaio di Antonio Guida aveva messo in piedi una bella iniziativa, cosi come aveva fatto a Sorrento nei vicoli del centro storico, poi gestita da altri, secondo noi male. Sarebbe il caso che il Comune fra i tanti comunicati che manda spiegasse anche il perchè

La redazione di Positanonews non ha ricevuto nulla a proposito abbiamo inoltrato la richiesta al Comune di Massa 

Sulla vicenda interviene la Minoranza consiliare guidata da Lello Staiano 

Quest’anno Torre Turbolo non si fa. L’amministrazione Balducelli ha ufficializzato con un comunicato del 4 agosto scorso la notizia che non avrà luogo la manifestazione culturale di cui questa maggioranza, e in particolare il vicesindaco, l’estate scorsa ne aveva fatto il simbolo del cambiamento tanto decantato in campagna elettorale e anche negli ultimi consigli comunali.

“Evidentemente si trattava di una falsa partenza indotta dall’ebbrezza della vittoria”- commenta Lello Staiano. “Infatti, dietro il linguaggio in perfetto burocratese del comunicato si nascondono due verità, che di certo non sono sfuggite ai cittadini: in primo luogo l’amministrazione precedente forse non aveva lasciato quei buchi mostruosi nel bilancio del Comune di cui il Patto e i suoi organi di informazione hanno raccontato per tanti mesi. Al contrario, attraverso una gestione attenta della cosa pubblica, era stato possibile accumulare un tesoretto puntualmente sperperato in questi quattordici mesi di nuova amministrazione. È normale che dopo le euforie del momento e le feste, spesso organizzate solo per mascherare altro o sostenere impegni assunti in campagna elettorale, non ci siano più risorse da destinare a manifestazioni di spessore come Torre Turbolo. Non bisogna certo generalizzare, ma sembra che sia più conveniente puntare sulla quantità che sulla qualità. In secondo luogo,”- continua il capogruppo di Insieme per Massa Lubrense- “i fatti hanno clamorosamente smentito chi, con una certa arroganza e con toni da grande esperto del settore turistico, rimproverava l’incapacità di predisporre con largo anticipo il calendario delle manifestazioni estive, anche per consentire agli operatori turistici di modulare adeguatamente la loro offerta. Si tratta certamente di un’osservazione pertinente e di una critica fondata. Peccato però che il grande esperto del settore turistico che crede di sapere tanto non abbia fatto seguire alle parole i fatti e la Delibera di Giunta contenente i provvedimenti per le manifestazioni sia stata pubblicata solo il 29 luglio, quando la stagione turistica era già cominciata da molte settimane. In tale documento si sottolinea come la rassegna Torre Turbolo rappresenti il fulcro del programma estivo, salvo poi nascondersi dietro le norme sugli appalti e le procedure di affidamento per mascherare lentezze e incapacità di gestione. Se Torre Turbolo era il centro del programma di manifestazioni per questa estate, mi chiedo, perché l’amministrazione è arrivata a luglio prima di muoversi? Forse amministrare non è così semplice come volevano far credere gli slogan propagandistici dell’attuale maggioranza? O forse ci sono motivazioni segrete, a noi sconosciute, che hanno imposto di dirottare risorse verso altre destinazioni? La verità”- conclude Lello Staiano- “è che una cosa sono gli spot elettorali e un’altra cosa è amministrare la vita quotidiana dell’Ente comunale avendo una visione d’insieme e strategica. E chi crede di dare lezioni a tutti rischia solo di fare delle grandi figuracce quando le parole non sono seguite dai fatti. Come puntualmente è accaduto”