La magia della Grotta Azzurra, vero grande simbolo di Capri, tra canti, sfottò e il rito della catena.

0

Sono migliaia ogni giorno i turisti che visitano la cavità carsica che si apre nel versante nord-occidentale dell’isola di Capri. Prestigioso ninfeo dell’età romana, fu riscoperto a partire dal 1826, quando fu visitato dall’artista tedesco August Kopisch. Stiamo parlando, naturalmente, della Grotta Azzurra, vero grande simbolo di Capri, visitabile attraverso le escursioni con le caratteristiche barchette del Gruppo Battellieri. La grotta ha una apertura parzialmente sommersa dal mare, dalla quale filtra la luce esterna che, in questo modo, crea un’intensa tonalità blu di colore, che rappresenta la caratteristica peculiare dell’antro. Tra canti, sfottò e il rito della catena, riportiamo un bel video in presa diretta che è stato realizzato e pubblicato oggi dall’edizione web del quotidiano La Stampa. Da guardare!

INFORMATORE POPOLARE CAPRINEWS

Sono migliaia ogni giorno i turisti che visitano la cavità carsica che si apre nel versante nord-occidentale dell'isola di Capri. Prestigioso ninfeo dell'età romana, fu riscoperto a partire dal 1826, quando fu visitato dall'artista tedesco August Kopisch. Stiamo parlando, naturalmente, della Grotta Azzurra, vero grande simbolo di Capri, visitabile attraverso le escursioni con le caratteristiche barchette del Gruppo Battellieri. La grotta ha una apertura parzialmente sommersa dal mare, dalla quale filtra la luce esterna che, in questo modo, crea un'intensa tonalità blu di colore, che rappresenta la caratteristica peculiare dell'antro. Tra canti, sfottò e il rito della catena, riportiamo un bel video in presa diretta che è stato realizzato e pubblicato oggi dall'edizione web del quotidiano La Stampa. Da guardare!

INFORMATORE POPOLARE CAPRINEWS