Comune di Sanza: Nob. Cav. De Lisa,la Madonna della Neve trasferita e arrivata al Santuario Diocesano sul Monte Cervati

0

I devoti Sanzesi della Diocesi di Teggiano-Policastro insieme alla Madonna della Neve al Santuario Diocesano della Madonna del Cervato.
Oramai la devozione patronale e tradizione religiosa sanzese insieme a tutti gli emigranti arrivati dall’Australia, dall’Argentina,da New York,dalla Germania,dalla Svizzera e da tutta Italia,è all’avanguardia di grande prestigio come sempre soprattutto in quest’anno con il Giubileo della Misericordia (con l’avvenuta apertura della porta santa) indetto da Papa Francesco Vescovo della Diocesi di Roma e Pontefice della Chiesa Cattolica,infatti come tutti gli anni il 26 luglio 2016 (giorno di San Gioacchino e Sant’anna nonni di Gesù) la Madonna della Neve è salita sul Monte Cervati in Sanza portata a spalla (nella sua stipa chiusa) dai Devoti Pellegrini Sanzesi e come gli altri Culti Religiosi,mostrando sempre una grande devozione patronale ed attaccamento Religioso Cristiano. Qui rimarrà tutto il novenario (quest’anno con la presenza del Parroco del Comune di Caselle in Pittari Don Marco Nardozza) fino al 5 agosto mattina quando ritornerà in chiesa madre Santa Maria Assunta. Verso le ore 08.30 quando è arrivata dal paese al santuario diocesano c’erano tutti gli altri devoti e confratelli e consorelle ad aspettarla e a riceverla sul Monte, dove si è vista anche la presenza del Nobile Cav. Attilio De Lisa appartenente sia all’Ordine Equestre Pontificio di San Silvestro Papa della Santa Sede di Città del Vaticano che a quello dei Cavalieri Templari “Ugone dei Pagani”(di cui confratello oltre anche ad essere sia Segretario del Consiglio direttivo del Santissimo Sacramento e Rosario dove i figli Rocco e Vincenzo sono confratelli che Rappresentante verso la Diocesi del Comitato Feste parrocchiali) insieme ai figli Rocco e Vincenzo che hanno onorato la Madonna del Cervato accompagnandola a piedi lungo tutto il tragitto oltre il parroco del Paese Don Giuseppe Spinelli che ha celebrato la prima Santa Messa delle ore 09.00 all’aperto e seguita alle ore 11.00 dalla seconda in cappella presieduta da Don Marco Nardozza di Sapri attuale Parroco di Caselle in Pittari (Santa Messa che ha onorato anche il ricordo della defunta Sabina Citera moglie del Nob. Cav. De Lisa e Madre di Rocco e Vincenzo a 3 anni dalla sua morte prematura in un incidente stradale dell’ 8 agosto 2013) che resterà al Santuario Diocesano del Cervato tutto il Novenario e quindi tranne imprevisti fino al 5 agosto mattina,quando la Madonna del Cervato o Maria SS della Neve ritornerà al Paese in Chiesa Madre.
Inoltre anche la presenza di devoti provenienti da tutto il circondario (compreso San Rufo paese natale del Nob. Cav. De Lisa, Piaggine, Padula,Sapri,Caselle in Pittari,Buonabitacolo,Casaletto Spartano ,Montesano sulla Marcellana,Sala Consilina, Teggiano,Sassano,ecc.) oltre delle Autorità civili ed armate locali di cui Primo Cittadino ed ex Sindaci,Polizia Municipale e Arma dei Carabinieri di cui Comandante Maresciallo Antonio Russo insieme al Brigadiere Raffaele Urciuoli che con la loro presenza e insieme al Nob. Cav. De Lisa hanno accompagnato la Madonna nella prima mattinata e alle ore 03.00 dopo la Santa Messa delle ore 02.30 in chiesa madre presieduta da Don Giuseppe Spinelli fino al posto della Madonna dove la Stessa è stata chiusa nella sua stipa e alle ore 04.30 partita e portata a spalla dai devoti verso il Santuario Diocesano.
Infine un caloroso saluto ai Priori effettivi ed onorari delle due Arciconfraternite locali già citate oltre la vicinanza di sempre alla Parola del Signore Gesù e della Madre Chiesa Cattolica (compreso Santa Sede, Santa Romana Chiesa,Segreteria dello Stato Vaticano,Conferenza Episcopale Italiana,Prefettura della Casa Pontificia,Nunziatura Apostolica in Italia,Diocesi di Roma,Diocesi di Napoli,Diocesi di Aversa,Diocesi di Salerno-Campagna-Acerno,Diocesi di Vallo della Lucania,Diocesi di Capua,Diocesi di Caserta,Diocesi di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia,Diocesi di Foggia-Bovino,Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno,Diocesi di Amalfi-Cava dei Tirreni,Diocesi di Nola,Diocesi di Ischia,Diocesi di Acerra,Chiesa Cattolica Italiana e Mondiale,ecc.) e la stima alla Giustizia insieme alla Sanità Italiana (A.S.L. Salerno) e alle Autorità politiche, civili ed armate.I devoti Sanzesi della Diocesi di Teggiano-Policastro insieme alla Madonna della Neve al Santuario Diocesano della Madonna del Cervato.
Oramai la devozione patronale e tradizione religiosa sanzese insieme a tutti gli emigranti arrivati dall’Australia, dall’Argentina,da New York,dalla Germania,dalla Svizzera e da tutta Italia,è all’avanguardia di grande prestigio come sempre soprattutto in quest’anno con il Giubileo della Misericordia (con l’avvenuta apertura della porta santa) indetto da Papa Francesco Vescovo della Diocesi di Roma e Pontefice della Chiesa Cattolica,infatti come tutti gli anni il 26 luglio 2016 (giorno di San Gioacchino e Sant’anna nonni di Gesù) la Madonna della Neve è salita sul Monte Cervati in Sanza portata a spalla (nella sua stipa chiusa) dai Devoti Pellegrini Sanzesi e come gli altri Culti Religiosi,mostrando sempre una grande devozione patronale ed attaccamento Religioso Cristiano. Qui rimarrà tutto il novenario (quest’anno con la presenza del Parroco del Comune di Caselle in Pittari Don Marco Nardozza) fino al 5 agosto mattina quando ritornerà in chiesa madre Santa Maria Assunta. Verso le ore 08.30 quando è arrivata dal paese al santuario diocesano c’erano tutti gli altri devoti e confratelli e consorelle ad aspettarla e a riceverla sul Monte, dove si è vista anche la presenza del Nobile Cav. Attilio De Lisa appartenente sia all’Ordine Equestre Pontificio di San Silvestro Papa della Santa Sede di Città del Vaticano che a quello dei Cavalieri Templari “Ugone dei Pagani”(di cui confratello oltre anche ad essere sia Segretario del Consiglio direttivo del Santissimo Sacramento e Rosario dove i figli Rocco e Vincenzo sono confratelli che Rappresentante verso la Diocesi del Comitato Feste parrocchiali) insieme ai figli Rocco e Vincenzo che hanno onorato la Madonna del Cervato accompagnandola a piedi lungo tutto il tragitto oltre il parroco del Paese Don Giuseppe Spinelli che ha celebrato la prima Santa Messa delle ore 09.00 all’aperto e seguita alle ore 11.00 dalla seconda in cappella presieduta da Don Marco Nardozza di Sapri attuale Parroco di Caselle in Pittari (Santa Messa che ha onorato anche il ricordo della defunta Sabina Citera moglie del Nob. Cav. De Lisa e Madre di Rocco e Vincenzo a 3 anni dalla sua morte prematura in un incidente stradale dell’ 8 agosto 2013) che resterà al Santuario Diocesano del Cervato tutto il Novenario e quindi tranne imprevisti fino al 5 agosto mattina,quando la Madonna del Cervato o Maria SS della Neve ritornerà al Paese in Chiesa Madre.
Inoltre anche la presenza di devoti provenienti da tutto il circondario (compreso San Rufo paese natale del Nob. Cav. De Lisa, Piaggine, Padula,Sapri,Caselle in Pittari,Buonabitacolo,Casaletto Spartano ,Montesano sulla Marcellana,Sala Consilina, Teggiano,Sassano,ecc.) oltre delle Autorità civili ed armate locali di cui Primo Cittadino ed ex Sindaci,Polizia Municipale e Arma dei Carabinieri di cui Comandante Maresciallo Antonio Russo insieme al Brigadiere Raffaele Urciuoli che con la loro presenza e insieme al Nob. Cav. De Lisa hanno accompagnato la Madonna nella prima mattinata e alle ore 03.00 dopo la Santa Messa delle ore 02.30 in chiesa madre presieduta da Don Giuseppe Spinelli fino al posto della Madonna dove la Stessa è stata chiusa nella sua stipa e alle ore 04.30 partita e portata a spalla dai devoti verso il Santuario Diocesano.
Infine un caloroso saluto ai Priori effettivi ed onorari delle due Arciconfraternite locali già citate oltre la vicinanza di sempre alla Parola del Signore Gesù e della Madre Chiesa Cattolica (compreso Santa Sede, Santa Romana Chiesa,Segreteria dello Stato Vaticano,Conferenza Episcopale Italiana,Prefettura della Casa Pontificia,Nunziatura Apostolica in Italia,Diocesi di Roma,Diocesi di Napoli,Diocesi di Aversa,Diocesi di Salerno-Campagna-Acerno,Diocesi di Vallo della Lucania,Diocesi di Capua,Diocesi di Caserta,Diocesi di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia,Diocesi di Foggia-Bovino,Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno,Diocesi di Amalfi-Cava dei Tirreni,Diocesi di Nola,Diocesi di Ischia,Diocesi di Acerra,Chiesa Cattolica Italiana e Mondiale,ecc.) e la stima alla Giustizia insieme alla Sanità Italiana (A.S.L. Salerno) e alle Autorità politiche, civili ed armate.

Lascia una risposta