Successo di Jennifer Aniston al Giffoni Film Festival

0

IL FESTIVAL DEL CINEMA GIFFONI VALLE PIANA «Continuate ad imparare, a osservare gli altri. Restate interessati, staccatevi dai telefoni e guardate invece alla vita». È quello che ha consigliato ai ragazzi di oggi Jennifer Aniston, l’attrice brillante protagonista della serie cult “Friends” e di film come “Io & Marley”, “Una settimana da Dio”, che ieri ha incontrato i giovani giurati del Giffoni film festival. Il bagno di folla e l’accoglienza dei giovani giurati hanno commosso l’attrice, che ha risposto per oltre quaranta minuti alle loro domande. E dispensato consigli alle ragazze: «Supportatevi le une con le altre, io sono cresciuta in una cerchia di amiche con cui ci siamo sempre sostenute. E poi amate voi stesse, non importa la vostra taglia, altezza o colore, non pensate di dover cambiare. Questa renderà forti voi e chi vi è intorno». A Hollywood, dice, «finalmente le possibilità per le donne stanno crescendo, ci sono più registe e sceneggiatrici e si sta provando ad andare oltre gli stereotipi». Circondata dai ragazzi l’attrice si è raccontata, ha spiegato che preferisce interpretare «donne complicate, imperfette, divertenti, o che pensano di essere le persone più furbe nella stanza, ma non lo sono. Non mi pongo limiti sui ruoli». La parte che le ha cambiato la vita? È quella in Cake, ha rivelato, dove interpretava una madre che dopo aver perso il figlio in un incidente tenta il suicidio e si ammala di dolore cronico: «È una parte per cui ho lottato, volevo superare gli stereotipi a cui erano legati i ruoli che mi offrivano ed è stata una sfida provare a me stessa che potevo recitare personaggi così». Per lei, fra i pericoli più grandi per le giovani generazioni c’è il web: «Se incontrate un bullo nella vita isolatelo, non bisogna permettergli di aggredirvi. Però oggi attraverso internet il problema è esploso. Molti sono vittima di bullismo anche da adulti, è successo a me come a molti altri. Spegnete i computer e parlate di più l’uno con l’altro». Fra le responsabilità che hanno gli adulti c’è quella «di far capire ai ragazzi ciò che è vero e ciò che non lo è in quello che comunicano i media, da cui spesso arrivano messaggi disonesti». Tra le star di ieri anche Dean-Charles Chapman, protagonista per tre stagioni de “Il trono di spade”, ospite di Giffoni per presentare il suo nuovo impegno, “Fungus the Bogeyman”, film tv in live-action. Sul blu carpet anche l’attore Claudio Santamaria e una coppia di freschi sposi che poco prima dell’arrivo di Jennifer Aniston ha scelto il Giffoni film festival per la prima foto di rito. Alessandro Albarella, 40enne di Battipaglia e sua moglie Brigida, 34enne di Pontecagnano, si sono giurati amore eterno a Pontecagnano Faiano e subito dopo hanno scelto come set fotografico il festival. Oggi chiusura in grande stile con il “Braccialetti Rossi day”: arrivano tutti i protagonisti della seguitissima serie tv.

IL FESTIVAL DEL CINEMA GIFFONI VALLE PIANA «Continuate ad imparare, a osservare gli altri. Restate interessati, staccatevi dai telefoni e guardate invece alla vita». È quello che ha consigliato ai ragazzi di oggi Jennifer Aniston, l’attrice brillante protagonista della serie cult “Friends” e di film come “Io & Marley”, “Una settimana da Dio”, che ieri ha incontrato i giovani giurati del Giffoni film festival. Il bagno di folla e l’accoglienza dei giovani giurati hanno commosso l’attrice, che ha risposto per oltre quaranta minuti alle loro domande. E dispensato consigli alle ragazze: «Supportatevi le une con le altre, io sono cresciuta in una cerchia di amiche con cui ci siamo sempre sostenute. E poi amate voi stesse, non importa la vostra taglia, altezza o colore, non pensate di dover cambiare. Questa renderà forti voi e chi vi è intorno». A Hollywood, dice, «finalmente le possibilità per le donne stanno crescendo, ci sono più registe e sceneggiatrici e si sta provando ad andare oltre gli stereotipi». Circondata dai ragazzi l’attrice si è raccontata, ha spiegato che preferisce interpretare «donne complicate, imperfette, divertenti, o che pensano di essere le persone più furbe nella stanza, ma non lo sono. Non mi pongo limiti sui ruoli». La parte che le ha cambiato la vita? È quella in Cake, ha rivelato, dove interpretava una madre che dopo aver perso il figlio in un incidente tenta il suicidio e si ammala di dolore cronico: «È una parte per cui ho lottato, volevo superare gli stereotipi a cui erano legati i ruoli che mi offrivano ed è stata una sfida provare a me stessa che potevo recitare personaggi così». Per lei, fra i pericoli più grandi per le giovani generazioni c’è il web: «Se incontrate un bullo nella vita isolatelo, non bisogna permettergli di aggredirvi. Però oggi attraverso internet il problema è esploso. Molti sono vittima di bullismo anche da adulti, è successo a me come a molti altri. Spegnete i computer e parlate di più l’uno con l’altro». Fra le responsabilità che hanno gli adulti c’è quella «di far capire ai ragazzi ciò che è vero e ciò che non lo è in quello che comunicano i media, da cui spesso arrivano messaggi disonesti». Tra le star di ieri anche Dean-Charles Chapman, protagonista per tre stagioni de “Il trono di spade”, ospite di Giffoni per presentare il suo nuovo impegno, “Fungus the Bogeyman”, film tv in live-action. Sul blu carpet anche l’attore Claudio Santamaria e una coppia di freschi sposi che poco prima dell’arrivo di Jennifer Aniston ha scelto il Giffoni film festival per la prima foto di rito. Alessandro Albarella, 40enne di Battipaglia e sua moglie Brigida, 34enne di Pontecagnano, si sono giurati amore eterno a Pontecagnano Faiano e subito dopo hanno scelto come set fotografico il festival. Oggi chiusura in grande stile con il “Braccialetti Rossi day”: arrivano tutti i protagonisti della seguitissima serie tv.