PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DI NAPOLI video

0

Per la prima volta nella storia della museologia italiana, un museo , nel nostro caso l’Archeologico Nazionale di Napoli, presenta un PIANO STRATEGICO, per i prossimi tre anni. Sembrava di stare ad una delle riunioni della Confindustria, il linguaggio, stesso, usato dai relatori, è quello di una economia d’assalto. Numeri, diagrammi, previsioni, flussi, orientati non ad un incremento solo meramente economico, ma ad una migliorìa dei servizi , delle fruizioni, del lay-out di tutte le collezioni. Priorità assolutà alla parola “accessibilità”, non solo per disabili, ma anche per famiglie, per gruppi, per studiosi. 

L’Archeologico sembra riconquistare quel ruolo di capoclasse tra i musei non solo campani, erano presenti infatti direttori di altri enti, tale e tanta la qualità delle proposte.

 

 

 

 

GUARDATO
5:04

Sebastiano Maffettone e il Ravello Festival.

8 visualizzazioni
9 ore fa

 

 
GUARDATO
2:19

Paolo Giulierini e il MANN.

1 visualizzazione
9 ore fa

 

 
GUARDATO
7:19

Gabriel Zuchtriegel e Paestum

3 visualizzazioni
9 ore fa

 

 3:36

Napoli MANN. Piano strategico 2016-2019

1 visualizzazione
10 ore fa

 

 3:46

Napoli MANN. Piano strategico 2016-2019

2 visualizzazioni
10 ore fa

 4:31

Napoli MANN. Piano strategico 2016-2019

2 visualizzazioni
10 ore fa

 

 

Napoli MANN. Piano strategico 2016-2019

Nessuna visualizzazione
10 ore fa

 

 1:16

Napoli MANN. Piano strategico 2016-2019

1 visualizzazione
10 ore fa

 

 2:40

Napoli MANN. Piano strategico 2016-2019

1 visualizzazione
10 ore fa

 

 
GUARDATO
10:25

Napoli MANN. Piano strategico 2016-2019

2 visualizzazioni
10 ore fa

Per la prima volta nella storia della museologia italiana, un museo , nel nostro caso l'Archeologico Nazionale di Napoli, presenta un PIANO STRATEGICO, per i prossimi tre anni. Sembrava di stare ad una delle riunioni della Confindustria, il linguaggio, stesso, usato dai relatori, è quello di una economia d'assalto. Numeri, diagrammi, previsioni, flussi, orientati non ad un incremento solo meramente economico, ma ad una migliorìa dei servizi , delle fruizioni, del lay-out di tutte le collezioni. Priorità assolutà alla parola "accessibilità", non solo per disabili, ma anche per famiglie, per gruppi, per studiosi. 

L'Archeologico sembra riconquistare quel ruolo di capoclasse tra i musei non solo campani, erano presenti infatti direttori di altri enti, tale e tanta la qualità delle proposte.

 

 

 

Lascia una risposta