Massa Lubrense torna Fabrizia Ramondino

0

Massa Lubrense – Lunedì 25 luglio alle ore 19.30, presso la Chiesa di Santa Maria Annunziata, sarà presentata l’ultima edizione dell’opera di Fabrizia Ramondino, “Althénopis”, che segna il ritorno in Costiera dell’opera e dell’anima dell’autrice scomparsa prematuramente ad Itri nel 2008. Uscito per la prima volta nel 1981, Althénopis, nome con cui la scrittrice si riferisce a Napoli, è un luogo ferito dal terremoto, che fa da sfondo a narrazioni, quindi persone, luoghi, fatti e aneddoti, che rivelano subito la grandezza della sua scrittura. In particolare l’opera, edita da Einaudi, è ricca di ritratti di persone e richiami a luoghi di Massa Lubrense, ed in particolare di Santa Maria, dove visse da bambina. Lì approda l’io narrante del libro dell’ormai scomparsa autrice partenopea che quindi viene riproposto proprio nell’ambiente che lo ha ispirato. L’evento è realizzato della Sede lubrense dell’Archeoclubcon il patrocinio del Comune di Massa Lubrense, dell’Unitre e dell’Associazione “La Fenice”. Interverranno l’Avv. Sergio Fiorentino, Consigliere delegato alla Cultura del Comune di Massa Lubrense, Stefano Ruocco e Nicola Di Martino. Cureranno la presentazione il giornalista Carlo Franco, la germanista Valentina Di Rosa, l’attore e regista Arturo Cirillo e il saggista e scrittore Silvio Perrella.

Massa Lubrense – Lunedì 25 luglio alle ore 19.30, presso la Chiesa di Santa Maria Annunziata, sarà presentata l’ultima edizione dell’opera di Fabrizia Ramondino, “Althénopis”, che segna il ritorno in Costiera dell’opera e dell’anima dell’autrice scomparsa prematuramente ad Itri nel 2008. Uscito per la prima volta nel 1981, Althénopis, nome con cui la scrittrice si riferisce a Napoli, è un luogo ferito dal terremoto, che fa da sfondo a narrazioni, quindi persone, luoghi, fatti e aneddoti, che rivelano subito la grandezza della sua scrittura. In particolare l’opera, edita da Einaudi, è ricca di ritratti di persone e richiami a luoghi di Massa Lubrense, ed in particolare di Santa Maria, dove visse da bambina. Lì approda l’io narrante del libro dell’ormai scomparsa autrice partenopea che quindi viene riproposto proprio nell’ambiente che lo ha ispirato. L’evento è realizzato della Sede lubrense dell’Archeoclubcon il patrocinio del Comune di Massa Lubrense, dell’Unitre e dell’Associazione “La Fenice”. Interverranno l’Avv. Sergio Fiorentino, Consigliere delegato alla Cultura del Comune di Massa Lubrense, Stefano Ruocco e Nicola Di Martino. Cureranno la presentazione il giornalista Carlo Franco, la germanista Valentina Di Rosa, l’attore e regista Arturo Cirillo e il saggista e scrittore Silvio Perrella.