Cittadinanzattiva Italiana – Regione Campania:Nob. Cav. De Lisa,ringrazio di cuore Tonino Aceti Coord. Naz. Rete TDM

0

Dal Nobile Cav. Attilio De Lisa di Sanza della Diocesi di Teggiano-Policastro appartenente all’Ordine Equestre Pontificio di San Silvestro Papa della santa Sede di Città del Vaticano con a capo il Gran Maestro Papa Francesco Vescovo della Diocesi di Roma e Pontefice della Chiesa Cattolica quale Dirigente Sanitario dell’A.S.L. Salerno in qualità di Referente del Governo delle Agende e delle Liste di Attesa (Ufficio gestione delle Attività ambulatoriali e del Back-Office Cup) al rispetto delle Disposizioni Centrali e per la salvaguardia della Salute del Cittadino oltre da Delegato Regionale Campano permanente di Cittadinanzattiva Sapri – Golfo di Policastro per la grande disponibilità e cordialità avuta da Tonino Aceti nei suoi confronti oltre un caloroso saluto al Presidente Regionale Nando Iavarone e sottolineando che finalmente tutti hanno notato la visibilità dell’ufficio di competenza sia al piano terra che al quarto piano dell’Ospedale Immacolata ricordando anche la lotta di Don Giovanni Iantorno dell’anno 1979 che ha permesso la sua apertura. Infatti il 14 luglio 2016 è stato un giorno meraviglioso in quanto ha visto iniziare con l’inaugurazione della sede del tribunale del malato, coordinata da Vincenzo Lovisi, alla presenza del Nob. Cav. De Lisa,di Mario Fortunato come delegato nazionale e vice segretario regionale e del sindaco di Casaletto Spartano Giacomo Scannelli insieme a quella del direttore sanitario, Maria Ruocco e del sindaco di Sapri Giuseppe Del Medico. Presente agli incontri anche il commissario Joseph Polimeni che ha deciso di visitare alcuni reparti dell’ospedale, in modo particolare il Pronto soccorso, e i reparti di Radiologia, Gastroenterologia, Emodialisi e Medicina, soffermandosi a parlare con il personale in servizio. Una visita che ha dato la possibilità al commissario della Sanità regionale, accompagnato dal commissario straordinario dell’Asl Salerno Giuseppe Longo, di rendersi conto personalmente di alcune situazioni denunciate da qualche tempo dal Tribunale del Malato di Sapri e dalle organizzazioni sindacali locali (in particolare l’inadeguatezza dei locali del pronto soccorso e della radiologia). Visita alla quale hanno preso parte anche il coordinatore nazionale della Rete Tdm Tonino Aceti, il segretario regionale di Cittadinanzattiva Maria Settembre e il coordinatore regionale del Tdm Antonio Gambacorta. Al quarto piano, nell’aula magna, si è aperta una tavola rotonda sulle questioni sanitarie regionali e locali dove si è visto anche l’intervento del Nob. Cav. De Lisa esponento e sottolineando il suo ruolo sanitario fruttifero per l’Azienda e chiedendo allo stesso tempo massima attenzione quello che non sta facendo l’Area Amministrativa in quanto con tutto il consenso del Direttore Sanitario non ha ancora portato a termine l’aggiornamento sia della tabella identificativa arrotondata nei pressi dell’ufficio competente che del Timbro identificativo associato sempre insieme a quello ufficiale della Direzione Sanitaria appartenente oltre la richiesta urgente di un climatizzatore in quanto l’ufficio di competenza posto all’ala vecchia del quarto piano e senza aria condizionata . L’incontro, moderato dal giornalista Gaetano Bellotta, è iniziato con i saluti di Lorenzo Latella, coordinatore dell’assemblea territoriale di Cittadinanzattiva Sapri-Golfo di Policastro, e ha registrato la partecipazione dei sindaci di Casaletto Spartano e Sapri e del vicesindaco di Caselle in Pittari Dott. Gianpiero Nuzzo elogiando lo stesso Cav. De Lisa dopo l’intervento,che insieme ai rappresentanti di associazioni e cittadini hanno segnalato i vari problemi che affliggono la sanità locale. Inoltre l’avvocato Antonio Gambacorta, parlando del recupero del disavanzo regionale, ha sottolineato i sacrifici subiti dai cittadini campani: «E’ stato recuperato sulla pelle dei cittadini della Regione Campania – precisando che – i campani hanno accettato solo perché viviamo in attesa di un domani migliore». Ha poi puntato il dito sulle questioni del Golfo di Policastro aggiungendo: «Questo territorio soffre di sanità, ci sono zone irraggiungibili a cui viene negato il diritto alla salute». Giuseppe Longo ha richiamato l’attenzione sull’importanza di una sede del Tdm presso l’Ospedale, che deve rappresentare «una grande opportunità di collaborazione», assicurando che non mancherà da parte dell’Asl «un’attenzione forte verso queste zone che presentando un territorio con particolari caratteristici morfologici richiede considerazioni maggiori»; ha anche precisato che, con lo sblocco del turnover (dopo 9 anni), è iniziato il reclutamento del personale medico attraverso la pubblicazione dei bandi di concorso pubblici.
Il commissario Joseph Polimeni ha affermato l’utilità e la correttezza del ruolo svolto da Cittadinanzattiva: «Mi piace molto quando queste organizzazioni producono vere istanze dei cittadini, perché sono come i nostri occhi che ci permettono di vedere la realtà». Entrando nel merito delle questioni ha precisato che il commissario di governo dà gli strumenti ai direttori generali, con un programma teso a migliorare le strutture e i mezzi tecnologici, che oltre agli ospedali occorre avere delle strutture sul territorio che pongano fine alla cultura dell’ospedalocentrico. Ha esortato più volte «a fare squadra, ritrovare il senso dell’appartenenza, uscendo dalla filosofia del Messia; il Piano Ospedaliero è una prima risposta, cui dovrà seguire un Piano territoriale per darne altre». Ha assicurato che la struttura commissariale garantirà assoluta osservanza alla legalità, un quadro preciso di programmazione e la necessaria interlocuzione con i ministeri, intervenendo in strutture, personale, tecnologia e liste d’attesa. Ha terminato lanciando un ulteriore appello ai campani di fare la propria parte. Le conclusioni sono state affidate al coordinatore nazionale del Tdm Tonino Aceti che ha subito posto l’accento su alcune questioni importanti di carattere nazionale/regionale, non tralasciando importanti problematiche locali, come il Psaut di Casaletto Spartano (di notte continua a funzionare con l’ambulanza non medicalizzata), l’istituzione di un servizio di elisoccorso h24 (per dare pari opportunità di assistenza in qualsiasi luogo), la mancata applicazione del decreto 18 che prevede punti importanti come l’istituzioni delle Uccp (Unità complesse di cure primarie) per realizzare di fatto l’effettiva presa in carico del paziente e l’integrazione Ospedale Territorio. Il coordinatore nazionale del Tdm ha affermato la necessità di «rimettere al centro delle questioni la salute dei cittadini». Parlando, poi, del ruolo del Movimento ha ribadito la volontà di «voler essere una risorsa per la comunità e le istituzioni, esternando il proprio apprezzamento per la disponibilità mostrata dal direttore Polimeni», e formulando una proposta concreta che se trovasse applicazione servirebbe sicuramente a qualificare l’assistenza. In pratica, Aceti ha proposto d’integrare l’attuale sistema di monitoraggio sui territori con l’ausilio dei volontari di Cittadinanzattiva, arricchendo il punto d’osservazione della struttura regionale con gente specializzata nel monitoraggio. «Sfruttateci per capire quello che c’è e quello che manca». Lo stesso coordinatore ha anche proposto l’inserimento di un rappresentante di Cittadinanzattiva all’interno delle direzione generali di cui è disponibile anche il Nob. Cav. De Lisa, che dovrebbero registrare la nomina dei direttori già nei prossimi giorni. «Piena soddisfazione per la buona riuscita della giornata della salute» sia da parte dei volontari di Cittadinanzattiva dell’assemblea territoriale di Sapri – Golfo di Policastro sia del sindaco Giuseppe Del Medico.Dal Nobile Cav. Attilio De Lisa di Sanza della Diocesi di Teggiano-Policastro appartenente all’Ordine Equestre Pontificio di San Silvestro Papa della santa Sede di Città del Vaticano con a capo il Gran Maestro Papa Francesco Vescovo della Diocesi di Roma e Pontefice della Chiesa Cattolica quale Dirigente Sanitario dell’A.S.L. Salerno in qualità di Referente del Governo delle Agende e delle Liste di Attesa (Ufficio gestione delle Attività ambulatoriali e del Back-Office Cup) al rispetto delle Disposizioni Centrali e per la salvaguardia della Salute del Cittadino oltre da Delegato Regionale Campano permanente di Cittadinanzattiva Sapri – Golfo di Policastro per la grande disponibilità e cordialità avuta da Tonino Aceti nei suoi confronti oltre un caloroso saluto al Presidente Regionale Nando Iavarone e sottolineando che finalmente tutti hanno notato la visibilità dell’ufficio di competenza sia al piano terra che al quarto piano dell’Ospedale Immacolata ricordando anche la lotta di Don Giovanni Iantorno dell’anno 1979 che ha permesso la sua apertura. Infatti il 14 luglio 2016 è stato un giorno meraviglioso in quanto ha visto iniziare con l’inaugurazione della sede del tribunale del malato, coordinata da Vincenzo Lovisi, alla presenza del Nob. Cav. De Lisa,di Mario Fortunato come delegato nazionale e vice segretario regionale e del sindaco di Casaletto Spartano Giacomo Scannelli insieme a quella del direttore sanitario, Maria Ruocco e del sindaco di Sapri Giuseppe Del Medico. Presente agli incontri anche il commissario Joseph Polimeni che ha deciso di visitare alcuni reparti dell’ospedale, in modo particolare il Pronto soccorso, e i reparti di Radiologia, Gastroenterologia, Emodialisi e Medicina, soffermandosi a parlare con il personale in servizio. Una visita che ha dato la possibilità al commissario della Sanità regionale, accompagnato dal commissario straordinario dell’Asl Salerno Giuseppe Longo, di rendersi conto personalmente di alcune situazioni denunciate da qualche tempo dal Tribunale del Malato di Sapri e dalle organizzazioni sindacali locali (in particolare l’inadeguatezza dei locali del pronto soccorso e della radiologia). Visita alla quale hanno preso parte anche il coordinatore nazionale della Rete Tdm Tonino Aceti, il segretario regionale di Cittadinanzattiva Maria Settembre e il coordinatore regionale del Tdm Antonio Gambacorta. Al quarto piano, nell’aula magna, si è aperta una tavola rotonda sulle questioni sanitarie regionali e locali dove si è visto anche l’intervento del Nob. Cav. De Lisa esponento e sottolineando il suo ruolo sanitario fruttifero per l’Azienda e chiedendo allo stesso tempo massima attenzione quello che non sta facendo l’Area Amministrativa in quanto con tutto il consenso del Direttore Sanitario non ha ancora portato a termine l’aggiornamento sia della tabella identificativa arrotondata nei pressi dell’ufficio competente che del Timbro identificativo associato sempre insieme a quello ufficiale della Direzione Sanitaria appartenente oltre la richiesta urgente di un climatizzatore in quanto l’ufficio di competenza posto all’ala vecchia del quarto piano e senza aria condizionata . L’incontro, moderato dal giornalista Gaetano Bellotta, è iniziato con i saluti di Lorenzo Latella, coordinatore dell’assemblea territoriale di Cittadinanzattiva Sapri-Golfo di Policastro, e ha registrato la partecipazione dei sindaci di Casaletto Spartano e Sapri e del vicesindaco di Caselle in Pittari Dott. Gianpiero Nuzzo elogiando lo stesso Cav. De Lisa dopo l’intervento,che insieme ai rappresentanti di associazioni e cittadini hanno segnalato i vari problemi che affliggono la sanità locale. Inoltre l’avvocato Antonio Gambacorta, parlando del recupero del disavanzo regionale, ha sottolineato i sacrifici subiti dai cittadini campani: «E’ stato recuperato sulla pelle dei cittadini della Regione Campania – precisando che – i campani hanno accettato solo perché viviamo in attesa di un domani migliore». Ha poi puntato il dito sulle questioni del Golfo di Policastro aggiungendo: «Questo territorio soffre di sanità, ci sono zone irraggiungibili a cui viene negato il diritto alla salute». Giuseppe Longo ha richiamato l’attenzione sull’importanza di una sede del Tdm presso l’Ospedale, che deve rappresentare «una grande opportunità di collaborazione», assicurando che non mancherà da parte dell’Asl «un’attenzione forte verso queste zone che presentando un territorio con particolari caratteristici morfologici richiede considerazioni maggiori»; ha anche precisato che, con lo sblocco del turnover (dopo 9 anni), è iniziato il reclutamento del personale medico attraverso la pubblicazione dei bandi di concorso pubblici.
Il commissario Joseph Polimeni ha affermato l’utilità e la correttezza del ruolo svolto da Cittadinanzattiva: «Mi piace molto quando queste organizzazioni producono vere istanze dei cittadini, perché sono come i nostri occhi che ci permettono di vedere la realtà». Entrando nel merito delle questioni ha precisato che il commissario di governo dà gli strumenti ai direttori generali, con un programma teso a migliorare le strutture e i mezzi tecnologici, che oltre agli ospedali occorre avere delle strutture sul territorio che pongano fine alla cultura dell’ospedalocentrico. Ha esortato più volte «a fare squadra, ritrovare il senso dell’appartenenza, uscendo dalla filosofia del Messia; il Piano Ospedaliero è una prima risposta, cui dovrà seguire un Piano territoriale per darne altre». Ha assicurato che la struttura commissariale garantirà assoluta osservanza alla legalità, un quadro preciso di programmazione e la necessaria interlocuzione con i ministeri, intervenendo in strutture, personale, tecnologia e liste d’attesa. Ha terminato lanciando un ulteriore appello ai campani di fare la propria parte. Le conclusioni sono state affidate al coordinatore nazionale del Tdm Tonino Aceti che ha subito posto l’accento su alcune questioni importanti di carattere nazionale/regionale, non tralasciando importanti problematiche locali, come il Psaut di Casaletto Spartano (di notte continua a funzionare con l’ambulanza non medicalizzata), l’istituzione di un servizio di elisoccorso h24 (per dare pari opportunità di assistenza in qualsiasi luogo), la mancata applicazione del decreto 18 che prevede punti importanti come l’istituzioni delle Uccp (Unità complesse di cure primarie) per realizzare di fatto l’effettiva presa in carico del paziente e l’integrazione Ospedale Territorio. Il coordinatore nazionale del Tdm ha affermato la necessità di «rimettere al centro delle questioni la salute dei cittadini». Parlando, poi, del ruolo del Movimento ha ribadito la volontà di «voler essere una risorsa per la comunità e le istituzioni, esternando il proprio apprezzamento per la disponibilità mostrata dal direttore Polimeni», e formulando una proposta concreta che se trovasse applicazione servirebbe sicuramente a qualificare l’assistenza. In pratica, Aceti ha proposto d’integrare l’attuale sistema di monitoraggio sui territori con l’ausilio dei volontari di Cittadinanzattiva, arricchendo il punto d’osservazione della struttura regionale con gente specializzata nel monitoraggio. «Sfruttateci per capire quello che c’è e quello che manca». Lo stesso coordinatore ha anche proposto l’inserimento di un rappresentante di Cittadinanzattiva all’interno delle direzione generali di cui è disponibile anche il Nob. Cav. De Lisa, che dovrebbero registrare la nomina dei direttori già nei prossimi giorni. «Piena soddisfazione per la buona riuscita della giornata della salute» sia da parte dei volontari di Cittadinanzattiva dell’assemblea territoriale di Sapri – Golfo di Policastro sia del sindaco Giuseppe Del Medico.