Circum di Meta, con i controlli incassi quadruplicati. Cancelli contro furbi e teppisti. Anche Piano chiede attenzione

0

Cancelli più alti e controlli serrati all’interno della stazione per rendere la vita difficile a portoghesi e piccoli delinquenti. All’esterno, in via sperimentale, un pullman di linea che trasporterà i vacanzieri in spiaggia gratuitamente e si aggiungerà alle navette già messe a disposizione dal Comune durante l’ultimo fine settimana. Ecco il patto siglato dal sindaco Giuseppe Tito e dal presidente dell’Eav Umberto De Gregorio mercoledì mattina in visita a Meta. Al centro del faccia a faccia le strategie contro l’ondata di microcriminalità legata all’imponente afflusso di bagnanti che, nei fine settimana, si riversano in Costiera dall’hinterland napoletano a bordo dei treni della Circumvesuviana. Ed è proprio in quest’ottica che De Gregorio ha voluto fare un sopralluogo nella stazione di Meta, presa d’assalto da migliaia di pendolari del mare soprattutto nei giorni di sabato e domenica. La struttura è apparsa in buone condizioni, ma comunque bisognosa di lavori di manutenzione. Un esempio? Il rafforzamento dei cancelli e delle ringhiere, necessario per impedire ai furbetti di aggirare i tornelli senza pagare il biglietto. «Un intervento che abbiamo già messo in cantiere – fa sapere De Gregorio – e che potrebbe prendere il via già nelle prossime settimane». Sempre in chiave anti-portoghesi, il numero uno dell’Eav ha confermato la strategia messa in campo con successo nello scorso weekend: guardie giurate e almeno quattro controllori a presidiare biglietteria, tornelli e binari insieme a carabinieri, vigili urbani e volontari della protezione civile comunale. È così che, sabato e domenica scorsi, l’incasso è quadruplicato rispetto ai fine settimana precedenti e ha superato quota 3mila euro. Una cifra alla quale devono essere sommati i 400 euro pagati dai bagnanti che si sono serviti del bus di linea per raggiungere gli stabilimenti balneari o per tornare alla stazione. Sabato e domenica, in via sperimentale, i pendolari del mare potranno, poi, viaggiare gratis a bordo del pullman dell’Eav dalla fermata della Circumvesuviana alla Marina di Meta, mentre la corsa di ritorno costerà solo un euro. Si tratterà, in pratica, delle stesse tariffe applicate a bordo delle navette messe a disposizione dal Comune che, durante l’ultimo weekend, hanno “scortato” migliaia di vacanzieri dell’hinterland napoletano agli stabilimenti balneari. «L’obiettivo è migliorare il servizio, oltre che garantire maggiore sicurezza, con le pur sempre scarse risorse a nostra disposizione – conclude De Gregorio – soprattutto nei weekend e in determinate fasce orarie». Una strategia condivisa dal sindaco Tito: «Il lavoro di squadra tra Comune, Eav e forze dell’ordine ha dato i suoi frutti. Siamo convinti di essere sulla strada giusta per scongiurare gli scippi e le risse che hanno funestato il primo fine settimana di luglio». Nel frattempo Vincenzo Iaccarino, sindaco di Piano di Sorrento, ha scritto ai vertici Eav per segnalare una serie di disservizi: il degrado della stazione, la chiusura della biglietteria con conseguente mancanza di biglietti, oltre i soliti scioperi e ritardi. «Bisogna intervenire al più presto – si legge nella lettera di Iaccarino – perché la stazione non si trasformi in un luogo di degrado». (Ciriaco M. Viggiano – Il Mattino)

Cancelli più alti e controlli serrati all’interno della stazione per rendere la vita difficile a portoghesi e piccoli delinquenti. All’esterno, in via sperimentale, un pullman di linea che trasporterà i vacanzieri in spiaggia gratuitamente e si aggiungerà alle navette già messe a disposizione dal Comune durante l’ultimo fine settimana. Ecco il patto siglato dal sindaco Giuseppe Tito e dal presidente dell’Eav Umberto De Gregorio mercoledì mattina in visita a Meta. Al centro del faccia a faccia le strategie contro l’ondata di microcriminalità legata all’imponente afflusso di bagnanti che, nei fine settimana, si riversano in Costiera dall’hinterland napoletano a bordo dei treni della Circumvesuviana. Ed è proprio in quest’ottica che De Gregorio ha voluto fare un sopralluogo nella stazione di Meta, presa d’assalto da migliaia di pendolari del mare soprattutto nei giorni di sabato e domenica. La struttura è apparsa in buone condizioni, ma comunque bisognosa di lavori di manutenzione. Un esempio? Il rafforzamento dei cancelli e delle ringhiere, necessario per impedire ai furbetti di aggirare i tornelli senza pagare il biglietto. «Un intervento che abbiamo già messo in cantiere – fa sapere De Gregorio – e che potrebbe prendere il via già nelle prossime settimane». Sempre in chiave anti-portoghesi, il numero uno dell’Eav ha confermato la strategia messa in campo con successo nello scorso weekend: guardie giurate e almeno quattro controllori a presidiare biglietteria, tornelli e binari insieme a carabinieri, vigili urbani e volontari della protezione civile comunale. È così che, sabato e domenica scorsi, l’incasso è quadruplicato rispetto ai fine settimana precedenti e ha superato quota 3mila euro. Una cifra alla quale devono essere sommati i 400 euro pagati dai bagnanti che si sono serviti del bus di linea per raggiungere gli stabilimenti balneari o per tornare alla stazione. Sabato e domenica, in via sperimentale, i pendolari del mare potranno, poi, viaggiare gratis a bordo del pullman dell’Eav dalla fermata della Circumvesuviana alla Marina di Meta, mentre la corsa di ritorno costerà solo un euro. Si tratterà, in pratica, delle stesse tariffe applicate a bordo delle navette messe a disposizione dal Comune che, durante l’ultimo weekend, hanno “scortato” migliaia di vacanzieri dell’hinterland napoletano agli stabilimenti balneari. «L’obiettivo è migliorare il servizio, oltre che garantire maggiore sicurezza, con le pur sempre scarse risorse a nostra disposizione – conclude De Gregorio – soprattutto nei weekend e in determinate fasce orarie». Una strategia condivisa dal sindaco Tito: «Il lavoro di squadra tra Comune, Eav e forze dell’ordine ha dato i suoi frutti. Siamo convinti di essere sulla strada giusta per scongiurare gli scippi e le risse che hanno funestato il primo fine settimana di luglio». Nel frattempo Vincenzo Iaccarino, sindaco di Piano di Sorrento, ha scritto ai vertici Eav per segnalare una serie di disservizi: il degrado della stazione, la chiusura della biglietteria con conseguente mancanza di biglietti, oltre i soliti scioperi e ritardi. «Bisogna intervenire al più presto – si legge nella lettera di Iaccarino – perché la stazione non si trasformi in un luogo di degrado». (Ciriaco M. Viggiano – Il Mattino)