Obbiettivi e contenuti delle regole relative alle apparecchiature Comma 7

0

Il progetto che gli operatori dei migliori casino online con slot machine hanno atteso lungamente, relativo alle regole tecniche in materia di apparecchi da divertimento ed intrattenimento, è stato trasmesso dal Ministero dello Sviluppo Economico italiano a Bruxelles per il consueto periodo trimestrale di stand still durante il quale gli Stati Membri dell’Unione Europea, o la stessa Commissione, potranno esprimere pareri che successivamente potranno essere vincolanti o meno. Questo progetto dovrebbe ridisegnare la distribuzione dei giochi sul territorio nazionale e, per questo, è cosa di particolare interesse per tutto il gioco e per i suoi addetti ai lavori: ora si attenderà il parere della Commissione per poter delineare il futuro.

Come tanti sanno, le apparecchiature comma 7, sono quegli apparecchi aperti ai minori che non consentono vincita in danaro: Ë necessario stabilire e definire le regole tecniche per la produzione di queste apparecchiature da divertimento ed intrattenimento, appunto perchè generalmente usate dai giovanissimi che vanno salvaguardati al massimo e non devono assolutamente comprendere vincite in danaro, visto che Ë contro la legge, ma solo premi partita o regali. La presenza sul mercato di queste apparecchiature rende assolutamente necessaria una disciplina che miri soprattutto alla valutazione ed emersione del presente, nei limiti fissati dalla normativa vigente.

E’ stato riconfermato che i comma 7 non sono utilizzabili per manifestazioni a premio e che i premi concessi sono soltanto oggetti di valore modico, oppure di tagliandi convertibili sempre in oggettistica di poco conto. Questo Ë l’obbiettivo: evitare che a mezzo dei comma 7 si possa raggiungere una vincita in danaro e far ricadere, conseguentemente, la regolamentazione di questi apparecchi interamente nella competenza dell’amministrazione economico finanziaria, unica autorità con potere regolatorio in tema di giochi pubblici.

Il progetto, legato anche al mondo dei casino italiani legali, presentato a Bruxelles sulle regole tecniche, che verrà adottato con decreto ministeriale, Ë dettagliato e suddiviso in tre punti principali che si possono cosÏ esemplificare: Punto 1. Finalità del decreto e disposizioni generali. Punto 2: comprende la specifica dei requisiti minimi di ciascun apparecchio, il formato ed i contenuti della scheda esplicativa, che dovrà essere predisposta dai produttori o importatori di ogni apparecchio, e quelli del registro delle manutenzioni che può essere conservato da chi detiene l’apparecchio; l’obbligo di applicare all’esterno di ciascuna apparecchiatura una targa riportante, in italiano, le informazioni specifiche sul gioco. Punto 3: modalità e finalità della verifica tecnica necessarie per consentire al produttore, od importatore, degli apparecchi di conseguire i titoli previsti dalla legge vigente; per gli apparecchi con tipologie più semplici, è prevista una verifica semplificata consistente nel mero esame dei documenti.

Secondo chi scrive, è assolutamente indispensabile che gli apparecchi comma 7 abbiano il loro spazio e le loro regole ben definite, perchè vanno a coprire un mercato dei giovanissimi che Ë quello che deve essere maggiormente tutelato, senza impedire a questi clienti di divertirsi con i giochi che prediligono. Nel contempo, senza ombra di dubbio, anche questi giochi vanno fatti acquisire dalle menti dei giovani come puro divertimento e gli stessi giovani vanno responsabilizzati, anche se la vincita in danaro non esiste, alla consapevolezza futura di quello che incontreranno quando affronteranno il gioco d’azzardo vero. E’ assolutamente indispensabile.

Il progetto che gli operatori dei migliori casino online con slot machine hanno atteso lungamente, relativo alle regole tecniche in materia di apparecchi da divertimento ed intrattenimento, è stato trasmesso dal Ministero dello Sviluppo Economico italiano a Bruxelles per il consueto periodo trimestrale di stand still durante il quale gli Stati Membri dell'Unione Europea, o la stessa Commissione, potranno esprimere pareri che successivamente potranno essere vincolanti o meno. Questo progetto dovrebbe ridisegnare la distribuzione dei giochi sul territorio nazionale e, per questo, è cosa di particolare interesse per tutto il gioco e per i suoi addetti ai lavori: ora si attenderà il parere della Commissione per poter delineare il futuro.

Come tanti sanno, le apparecchiature comma 7, sono quegli apparecchi aperti ai minori che non consentono vincita in danaro: Ë necessario stabilire e definire le regole tecniche per la produzione di queste apparecchiature da divertimento ed intrattenimento, appunto perchè generalmente usate dai giovanissimi che vanno salvaguardati al massimo e non devono assolutamente comprendere vincite in danaro, visto che Ë contro la legge, ma solo premi partita o regali. La presenza sul mercato di queste apparecchiature rende assolutamente necessaria una disciplina che miri soprattutto alla valutazione ed emersione del presente, nei limiti fissati dalla normativa vigente.

E' stato riconfermato che i comma 7 non sono utilizzabili per manifestazioni a premio e che i premi concessi sono soltanto oggetti di valore modico, oppure di tagliandi convertibili sempre in oggettistica di poco conto. Questo Ë l'obbiettivo: evitare che a mezzo dei comma 7 si possa raggiungere una vincita in danaro e far ricadere, conseguentemente, la regolamentazione di questi apparecchi interamente nella competenza dell'amministrazione economico finanziaria, unica autorità con potere regolatorio in tema di giochi pubblici.

Il progetto, legato anche al mondo dei casino italiani legali, presentato a Bruxelles sulle regole tecniche, che verrà adottato con decreto ministeriale, Ë dettagliato e suddiviso in tre punti principali che si possono cosÏ esemplificare: Punto 1. Finalità del decreto e disposizioni generali. Punto 2: comprende la specifica dei requisiti minimi di ciascun apparecchio, il formato ed i contenuti della scheda esplicativa, che dovrà essere predisposta dai produttori o importatori di ogni apparecchio, e quelli del registro delle manutenzioni che può essere conservato da chi detiene l'apparecchio; l'obbligo di applicare all'esterno di ciascuna apparecchiatura una targa riportante, in italiano, le informazioni specifiche sul gioco. Punto 3: modalità e finalità della verifica tecnica necessarie per consentire al produttore, od importatore, degli apparecchi di conseguire i titoli previsti dalla legge vigente; per gli apparecchi con tipologie più semplici, è prevista una verifica semplificata consistente nel mero esame dei documenti.

Secondo chi scrive, è assolutamente indispensabile che gli apparecchi comma 7 abbiano il loro spazio e le loro regole ben definite, perchè vanno a coprire un mercato dei giovanissimi che Ë quello che deve essere maggiormente tutelato, senza impedire a questi clienti di divertirsi con i giochi che prediligono. Nel contempo, senza ombra di dubbio, anche questi giochi vanno fatti acquisire dalle menti dei giovani come puro divertimento e gli stessi giovani vanno responsabilizzati, anche se la vincita in danaro non esiste, alla consapevolezza futura di quello che incontreranno quando affronteranno il gioco d'azzardo vero. E' assolutamente indispensabile.