Vico Equense a Moiano non si fanno le vaccinazioni, trasferte – incubo per i bambini a Sant’Agnello

0

Vico Equense a Moiano non si fanno le vaccinazioni, trasferte – incubo per i bambini a Sant’Agnello  lo conferma Ilenia De Rosa oggi sulle pagine de Il Mattino  e la cosa è davvero tragica con questo caldo scendere giù da Vico  verso Piano di Sorrento e poi Sant’Agnello significa perdere anche più di mezza giornata.  Il servizio vaccinazioni al presidio sanitario di Moiano sarà chiuso. A prendere la decisione, scrive Ilenia De Rosa,  è stato il direttore del distretto 59, Asl Na3 sud, Giuseppe Boccia, a seguito di un sopralluogo presso la struttura. «La sede non è idonea ad effettuare il servizio poiché carente di attrezzature che sono di fondamentale importanza per la sicurezza dei pazienti» fanno sapere dagli uffici dell’Asl. Dalla verifica condotta poche settimane fa è emersa la mancanza di defibrillatore, ossigeno e altri macchinari necessari per intervenire in casi di emergenza. «Le vaccinazioni, nella grande maggioranza dei casi, non procurano nessun problema continuano dall’Asl ma un presidio sanitario efficiente deve essere preparato per qualsiasi evenienza, ne va della salute delle persone. Se, ad esempio, un bambino adesso avesse uno shock anafilattico a Moiano, non si potrebbe intervenire con tempestività». I genitori dovranno, dunque, portare i propri figli alla sede di Sant’Agnello per le vaccinazioni. Continueranno ad occuparsi del servizio i pediatri di base di Vico Equense, nonostante le numerose perplessità. «Accetto questa disposizione spiega il pediatra Natale Maresca ma sono molto preoccupato. Il servizio vaccinazioni presso questo distretto funziona bene, con numeri superiori rispetto alle altre zone della provincia di Napoli. Mi auguro che il trasferimento a Sant’Agnello e la distanza territoriale non influiscano negativamente sulla scelta dei genitori di vaccinare i propri figli. Sarebbe stato più opportuno dotare il presidio di Moiano di adeguate attrezzature piuttosto che prendere questa decisione così drastica». È dello stesso parere anche il sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore, che ha già fissato un appuntamento con il direttore Boccia. «Comunicherò al direttore che è intenzione del Comune acquistare i macchinari necessari per rendere sicuro ed efficiente il presidio di Moiano spiega il primo cittadino – ed evitare, così, il trasferimento del servizio. Sono certo che riusciremo a trovare una soluzione che consenta ai cittadini della città di poter continuare a portare i bambini a Moiano per le vaccinazioni. Il Comune si impegnerà al massimo, anche in termini economici».

Vico Equense a Moiano non si fanno le vaccinazioni, trasferte – incubo per i bambini a Sant'Agnello  lo conferma Ilenia De Rosa oggi sulle pagine de Il Mattino  e la cosa è davvero tragica con questo caldo scendere giù da Vico  verso Piano di Sorrento e poi Sant'Agnello significa perdere anche più di mezza giornata.  Il servizio vaccinazioni al presidio sanitario di Moiano sarà chiuso. A prendere la decisione, scrive Ilenia De Rosa,  è stato il direttore del distretto 59, Asl Na3 sud, Giuseppe Boccia, a seguito di un sopralluogo presso la struttura. «La sede non è idonea ad effettuare il servizio poiché carente di attrezzature che sono di fondamentale importanza per la sicurezza dei pazienti» fanno sapere dagli uffici dell'Asl. Dalla verifica condotta poche settimane fa è emersa la mancanza di defibrillatore, ossigeno e altri macchinari necessari per intervenire in casi di emergenza. «Le vaccinazioni, nella grande maggioranza dei casi, non procurano nessun problema continuano dall'Asl ma un presidio sanitario efficiente deve essere preparato per qualsiasi evenienza, ne va della salute delle persone. Se, ad esempio, un bambino adesso avesse uno shock anafilattico a Moiano, non si potrebbe intervenire con tempestività». I genitori dovranno, dunque, portare i propri figli alla sede di Sant'Agnello per le vaccinazioni. Continueranno ad occuparsi del servizio i pediatri di base di Vico Equense, nonostante le numerose perplessità. «Accetto questa disposizione spiega il pediatra Natale Maresca ma sono molto preoccupato. Il servizio vaccinazioni presso questo distretto funziona bene, con numeri superiori rispetto alle altre zone della provincia di Napoli. Mi auguro che il trasferimento a Sant'Agnello e la distanza territoriale non influiscano negativamente sulla scelta dei genitori di vaccinare i propri figli. Sarebbe stato più opportuno dotare il presidio di Moiano di adeguate attrezzature piuttosto che prendere questa decisione così drastica». È dello stesso parere anche il sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore, che ha già fissato un appuntamento con il direttore Boccia. «Comunicherò al direttore che è intenzione del Comune acquistare i macchinari necessari per rendere sicuro ed efficiente il presidio di Moiano spiega il primo cittadino – ed evitare, così, il trasferimento del servizio. Sono certo che riusciremo a trovare una soluzione che consenta ai cittadini della città di poter continuare a portare i bambini a Moiano per le vaccinazioni. Il Comune si impegnerà al massimo, anche in termini economici».

Lascia una risposta