rete idrica e fognaria in penisola sorrentina. il resoconto della Grande Onda

0

L’incontro tenutosi il 29 giugno con il Vice Presidente -Assessore All’Ambiente della Regione Campania Bonavitacola , i Consiglieri Regionali Enza Amato e Casillo , il Commissario ATO 3 Prof Vincenzo Belgiorno, i Responsabili della GORI e I Sindaci della Penisola Sorrentina è stato molto ricco di spunti. Si è parlato infatti di qualità e costo del servizio idrico e fognario , della rete e di tutte le sue problematica , dei molti interventi fatti in quest’ultimo anno, ma anche dei mancati investimenti e dei ritardi accumulati negli anni precedenti. Molti hanno fatto i complimenti a Laura per il primo compleanno della Grande Onda, ma nessuno le ha fatto un regalo : l’impianto di depurazione per adesso resta fermo, né si vede all’orizzonte una adeguata pianificazione degli interventi indispensabili per risolvere il problema delle acque bianche ( per la cui corretta gestione non sarà sufficiente separarle dalle nere ) , né tantomeno sono state pianificate azioni per riqualificare i rivoli. La platea era piena e questo lascia ben sperare sul prosieguo : grazie ad una forte mobilitazione stiamo recuperando il ritardo di anni. Ci sono state però anche assenze clamorose. Fatto salvo qualche presenza individuale , Agenti di viaggio , albergatori , ristoratori , operatori del trasporto ,rappresentanti degli artigiani , dei commercianti amministratori di condominio , perfino le associazioni dei balneari, ad eccezione di quella di Meta erano assenti,come se il fatto non fosse il loro. Bisogna superare questa criticità . La loro presenza è importante non solo per la spinta che possono esercitare , ma anche perché vorremmo sapere cosa stanno facendo all’interno delle loro Aziende per ridurre i consumi d’acqua,per abbattere il carico inquinante delle loro attività e per mettersi a norma prima dell’avvio dell’impianto di depurazione. Torneremo su ognuno di questi argomenti, perché c’è molto da approfondire e sono certo che ognuno di voi ( siamo quasi 8500 persone nel gruppo) vorrà dire la sua . Una cosa però l’abbiamo chiesta in anticipo a nome di tutti : prima che si avvii l’impianto di Punta Gradelle occorre stabilire una sinergia fra chi lo gestirà ( probabilmente la GORI ) e le Aziende d’igiene urbana di proprietà comunale che agiscono sul territorio . Noi vogliamo che siano loro a gestire lo smaltimento dei fanghi e i prelievi dalle fosse impermeabili . Si tratta di gestire dei rifiuti , e possono farlo senza eccessive difficoltà ,garantendo costi e soprattutto un controllo di legalità certamente adeguato per un’attività che si presenta molto criticità. Non bisogna mai dimenticare che tutto è interconnesso. Grazie Laura …non credo che questa storia finirà tanto presto. Prepariamoci a festeggiare il prossimo compleanno e speriamo di farlo a impianto di depurazione funzionante Raffaele Attardi

L’incontro tenutosi il 29 giugno con il Vice Presidente -Assessore All’Ambiente della Regione Campania Bonavitacola , i Consiglieri Regionali Enza Amato e Casillo , il Commissario ATO 3 Prof Vincenzo Belgiorno, i Responsabili della GORI e I Sindaci della Penisola Sorrentina è stato molto ricco di spunti. Si è parlato infatti di qualità e costo del servizio idrico e fognario , della rete e di tutte le sue problematica , dei molti interventi fatti in quest’ultimo anno, ma anche dei mancati investimenti e dei ritardi accumulati negli anni precedenti. Molti hanno fatto i complimenti a Laura per il primo compleanno della Grande Onda, ma nessuno le ha fatto un regalo : l’impianto di depurazione per adesso resta fermo, né si vede all’orizzonte una adeguata pianificazione degli interventi indispensabili per risolvere il problema delle acque bianche ( per la cui corretta gestione non sarà sufficiente separarle dalle nere ) , né tantomeno sono state pianificate azioni per riqualificare i rivoli. La platea era piena e questo lascia ben sperare sul prosieguo : grazie ad una forte mobilitazione stiamo recuperando il ritardo di anni. Ci sono state però anche assenze clamorose. Fatto salvo qualche presenza individuale , Agenti di viaggio , albergatori , ristoratori , operatori del trasporto ,rappresentanti degli artigiani , dei commercianti amministratori di condominio , perfino le associazioni dei balneari, ad eccezione di quella di Meta erano assenti,come se il fatto non fosse il loro. Bisogna superare questa criticità . La loro presenza è importante non solo per la spinta che possono esercitare , ma anche perché vorremmo sapere cosa stanno facendo all’interno delle loro Aziende per ridurre i consumi d’acqua,per abbattere il carico inquinante delle loro attività e per mettersi a norma prima dell’avvio dell’impianto di depurazione. Torneremo su ognuno di questi argomenti, perché c’è molto da approfondire e sono certo che ognuno di voi ( siamo quasi 8500 persone nel gruppo) vorrà dire la sua . Una cosa però l’abbiamo chiesta in anticipo a nome di tutti : prima che si avvii l’impianto di Punta Gradelle occorre stabilire una sinergia fra chi lo gestirà ( probabilmente la GORI ) e le Aziende d’igiene urbana di proprietà comunale che agiscono sul territorio . Noi vogliamo che siano loro a gestire lo smaltimento dei fanghi e i prelievi dalle fosse impermeabili . Si tratta di gestire dei rifiuti , e possono farlo senza eccessive difficoltà ,garantendo costi e soprattutto un controllo di legalità certamente adeguato per un’attività che si presenta molto criticità. Non bisogna mai dimenticare che tutto è interconnesso. Grazie Laura …non credo che questa storia finirà tanto presto. Prepariamoci a festeggiare il prossimo compleanno e speriamo di farlo a impianto di depurazione funzionante Raffaele Attardi