SENTIERO DEI LIMONI – MAIORI – MINORI Chiesa San Michele – Belvedere Mortella

0

News dalla Pro Loco di Minori Una volta visitata la chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo, riprendiamo a percorrere il “sentiero dei limoni “in discesa verso Minori attraversando una lunga scalinata che si restringe con una strettoia alla fine. Si passa dalla grande luce del sole e del panorama del sagrato della Chiesa alla discesa tra due mura che impediscono la visione del mare per poi riaprirsi ad un lungo viale alberato da oleandri bianchi e rossi mentre si incomincia ad intravedere Minori, Torre Paradiso e uno stupendo panorama. Una panchina ci invita a fermarci per assaporarne la bellezza ed il silenzio. La discesa continua attraversando il villaggio Torre tra limoneti e case bianche sparse al sole, mentre alcuni cortili fra le case restano a ricordarci quando ci si riuniva tutti insieme per far festa. Continuando il cammino in discesa attraversiamo il primo gruppo di case e subito al civico 22 scorgiamo sotto un arco una parte di Minori, il molo di attracco, Torre Paradiso ed uno splendido panorama. Passando per il centro del villaggio ci troviamo sotto un porticato dove una piccola edicola votiva dedicata al Beato Bartolo Longo ci ricorda la fede dei suoi abitanti. E dopo la via stretta ed il piccolo cortile ci troviamo su uno dei punti più panoramici del villaggio Torre. Una piazzetta denominata belvedere Mortella si affaccia in modo prepotente su Minori, con la basilica di S. Trofimena in primo piano ed il suo campanile. La costa d’ Amalfi ci appare in tutta la sua bellezza, in alto Ravello e le montagne di Scala e Agerola mentre di fronte Atrani e Amalfi. La storia di Minori inizia quando venne scelta per la costruzione della villa romana marittima, per poi continuare nell’ottavo secolo quando entrò a far parte della Repubblica Marinara di Amalfi. La spiaggia lambisce il paese ed il molo di attracco. Una grande ricchezza di storia e tradizioni accomuna il paese, luogo ideale di vacanza. Un invito a tutti a fermarsi per una foto ricordo, sul belvedere Mortella prima di scendere a Minori per una visita culturale alla scoperta dei suoi luoghi artistici, le sue attività artigianali e commerciali. Durante la discesa a sinistra incontriamo l’atrio dell’Arciconfraternita del SS. Sacramento scrigno di religiosità e di opere d’arte. Dopo il passaggio sotto il campanile ci appare a sinistra in tutto il suo splendore la Basilica di S. Trofimena, da visitare assolutamente. E adesso non ci resta che visitare Minori, girare fra le sue strade e scoprire i suoi vicoletti e confondersi con gli abitanti aperti e ospitali

News dalla Pro Loco di Minori Una volta visitata la chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo, riprendiamo a percorrere il “sentiero dei limoni “in discesa verso Minori attraversando una lunga scalinata che si restringe con una strettoia alla fine. Si passa dalla grande luce del sole e del panorama del sagrato della Chiesa alla discesa tra due mura che impediscono la visione del mare per poi riaprirsi ad un lungo viale alberato da oleandri bianchi e rossi mentre si incomincia ad intravedere Minori, Torre Paradiso e uno stupendo panorama. Una panchina ci invita a fermarci per assaporarne la bellezza ed il silenzio. La discesa continua attraversando il villaggio Torre tra limoneti e case bianche sparse al sole, mentre alcuni cortili fra le case restano a ricordarci quando ci si riuniva tutti insieme per far festa. Continuando il cammino in discesa attraversiamo il primo gruppo di case e subito al civico 22 scorgiamo sotto un arco una parte di Minori, il molo di attracco, Torre Paradiso ed uno splendido panorama. Passando per il centro del villaggio ci troviamo sotto un porticato dove una piccola edicola votiva dedicata al Beato Bartolo Longo ci ricorda la fede dei suoi abitanti. E dopo la via stretta ed il piccolo cortile ci troviamo su uno dei punti più panoramici del villaggio Torre. Una piazzetta denominata belvedere Mortella si affaccia in modo prepotente su Minori, con la basilica di S. Trofimena in primo piano ed il suo campanile. La costa d’ Amalfi ci appare in tutta la sua bellezza, in alto Ravello e le montagne di Scala e Agerola mentre di fronte Atrani e Amalfi. La storia di Minori inizia quando venne scelta per la costruzione della villa romana marittima, per poi continuare nell’ottavo secolo quando entrò a far parte della Repubblica Marinara di Amalfi. La spiaggia lambisce il paese ed il molo di attracco. Una grande ricchezza di storia e tradizioni accomuna il paese, luogo ideale di vacanza. Un invito a tutti a fermarsi per una foto ricordo, sul belvedere Mortella prima di scendere a Minori per una visita culturale alla scoperta dei suoi luoghi artistici, le sue attività artigianali e commerciali. Durante la discesa a sinistra incontriamo l’atrio dell’Arciconfraternita del SS. Sacramento scrigno di religiosità e di opere d’arte. Dopo il passaggio sotto il campanile ci appare a sinistra in tutto il suo splendore la Basilica di S. Trofimena, da visitare assolutamente. E adesso non ci resta che visitare Minori, girare fra le sue strade e scoprire i suoi vicoletti e confondersi con gli abitanti aperti e ospitali