Sant’Agnello : Lido Katarì non apre è guerra fra il Comune e la Mask accusata di non pagare 170 mila euro

0

Sant’Agnello : Lido Katarì non apre è guerra fra il Comune e la Mask accusata di non pagare 170 mila euro . Lo stabilimento , che si trova nel comune di Sant’Agnello ma sulla spiaggia accessibile da Marina di Cassano di Piano di Sorrento, è ancora chiuso a stagione turistica inoltrata.  Il motivo, è che il comune lamenta dalla società Mask, che gestisce l’attività destinataria di una concessione nel 2011 e scaduta lo scorso dicembre, il mancato pagamento di circa 170  mila euro a titolo di canone per la concessione demaniale marittima delle ultime tre stagioni balneari: 2013, 2014 e 2015. La Mask da parte sua contesta danni per la mancata autorizzazione alla musica e intrattenimenti estivi, con serate di discoteca, che ha avuto solo l’anno scorso, vantando danni di circa 300 mila euro. Intanto il Comune ha avviato il bando per l’affidamento dell’area che rimane vuota  “Se c è la volontà del predecente gestore di pagare le annualità non pagate anche rateizzandole e c’e’ la rinuncia di tutti i contenziosi c è la possibilità di usufruire della clausola del precedente contratto che prevede il mantenimento del precedente gestore …fino a nuovo affidamento – spiega a Positanonews il sindaco Piergiorgio Sagristani – . In mancanza abbiamo dovuto fare una gara alla centrale di committenza perchè si supera la cifra prevista per legge”

 

Sant'Agnello : Lido Katarì non apre è guerra fra il Comune e la Mask accusata di non pagare 170 mila euro . Lo stabilimento , che si trova nel comune di Sant'Agnello ma sulla spiaggia accessibile da Marina di Cassano di Piano di Sorrento, è ancora chiuso a stagione turistica inoltrata.  Il motivo, è che il comune lamenta dalla società Mask, che gestisce l'attività destinataria di una concessione nel 2011 e scaduta lo scorso dicembre, il mancato pagamento di circa 170  mila euro a titolo di canone per la concessione demaniale marittima delle ultime tre stagioni balneari: 2013, 2014 e 2015. La Mask da parte sua contesta danni per la mancata autorizzazione alla musica e intrattenimenti estivi, con serate di discoteca, che ha avuto solo l'anno scorso, vantando danni di circa 300 mila euro. Intanto il Comune ha avviato il bando per l'affidamento dell'area che rimane vuota  "Se c è la volontà del predecente gestore di pagare le annualità non pagate anche rateizzandole e c'e' la rinuncia di tutti i contenziosi c è la possibilità di usufruire della clausola del precedente contratto che prevede il mantenimento del precedente gestore …fino a nuovo affidamento – spiega a Positanonews il sindaco Piergiorgio Sagristani – . In mancanza abbiamo dovuto fare una gara alla centrale di committenza perchè si supera la cifra prevista per legge"