Il Comitato per Sacrario Militare incontra il sindaco Servalli

0

CAVA DE’ TIRRENI – Disponibilità del primo cittadino per importanti interventi ed eventi
Trasferimento del sacrario militare nella chiesa madre, installazione di due nuove lapidi sulla facciata ed una nuova cerimonia di rientro delle salme dei caduti in guerra. Tutto ciò potrebbe diventare realtà. Il primo cittadino di Cava de’ Tirreni, stamattina, al termine di un incontro con i componenti del Comitato per il Sacrario Militare ha dato la sua piena disponibilità in merito. “E’ un’idea interessante – dichiara il sindaco Vincenzo Servalli- A breve faremo un sopralluogo con i tecnici per verificare lo stato della chiesa madre al cimitero ed avere così idea dell’importo e della fattibilità dei lavori per il trasferimento”. Il dislocamento nella nuova sede potrebbe così trasformare il sito in un luogo della memoria. “Già dopo la veglia funebre al Caporal Maggiore Capo Massimiliano Randino – sottolinea il presidente del comitato Daniele Fasano- venne inserito il trasferimento del sacrario nel piano triennale delle opere pubbliche. Oggi, più che mai in tanti stanno riscoprendo il valore del passato. La chiesa madre potrebbe quindi rispondere a questa vocazione turistica divenendo un vanto per la città. In molti ci contattano per visitarlo. Inoltre, in tal modo, si potrebbero accogliere anche le scolaresche”. Ottime notizie sul fronte delle nuove lapidi con l’elenco dei caduti tratto dall’albo d’Oro dei Caduti Cavesi del Grand’Ufficiale Salvatore Fasano. “Dobbiamo optare –aggiunge Servalli- per la soluzione che ci permetta di conservare i nomi nel modo più duraturo possibile.” “Grazie, sindaco –chiosa Daniele Fasano- lei ha una grandissima sensibilità”. Infine, il possibile rientro di nuovi caduti. “Abbiamo già contatti –rivela il Grand’Ufficiale Salvatore Fasano- per far rientrare un caduto da Livorno. Con il supporto di Don Claudio Mancusi stiamo anche lavorando al rientro di due salme da El Alamein”. All’incontro con il sindaco erano presenti: il presidente del Comitato per il Sacrario Militare Daniele Fasano, il Presidente Emerito Grand’Ufficiale Salvatore Fasano, la madre di Massimiliano Randino, il Presidente Onorario Generale Lucio Cesaro, il Vice Presidente Emerito Gerardo Canora, ed i componenti Roberto Catozzi, il presidente dell’Associazione Bersaglieri a riposo Antonio Proto, Maddalena Annarumma, Beatrice Sparano, Matteo Fasano, il Colonnello Vincenzo Consalvo, il Colonnello Carlo De Martino e Luigi Fasano.CAVA DE’ TIRRENI – Disponibilità del primo cittadino per importanti interventi ed eventi
Trasferimento del sacrario militare nella chiesa madre, installazione di due nuove lapidi sulla facciata ed una nuova cerimonia di rientro delle salme dei caduti in guerra. Tutto ciò potrebbe diventare realtà. Il primo cittadino di Cava de’ Tirreni, stamattina, al termine di un incontro con i componenti del Comitato per il Sacrario Militare ha dato la sua piena disponibilità in merito. “E’ un’idea interessante – dichiara il sindaco Vincenzo Servalli- A breve faremo un sopralluogo con i tecnici per verificare lo stato della chiesa madre al cimitero ed avere così idea dell’importo e della fattibilità dei lavori per il trasferimento”. Il dislocamento nella nuova sede potrebbe così trasformare il sito in un luogo della memoria. “Già dopo la veglia funebre al Caporal Maggiore Capo Massimiliano Randino – sottolinea il presidente del comitato Daniele Fasano- venne inserito il trasferimento del sacrario nel piano triennale delle opere pubbliche. Oggi, più che mai in tanti stanno riscoprendo il valore del passato. La chiesa madre potrebbe quindi rispondere a questa vocazione turistica divenendo un vanto per la città. In molti ci contattano per visitarlo. Inoltre, in tal modo, si potrebbero accogliere anche le scolaresche”. Ottime notizie sul fronte delle nuove lapidi con l’elenco dei caduti tratto dall’albo d’Oro dei Caduti Cavesi del Grand’Ufficiale Salvatore Fasano. “Dobbiamo optare –aggiunge Servalli- per la soluzione che ci permetta di conservare i nomi nel modo più duraturo possibile.” “Grazie, sindaco –chiosa Daniele Fasano- lei ha una grandissima sensibilità”. Infine, il possibile rientro di nuovi caduti. “Abbiamo già contatti –rivela il Grand’Ufficiale Salvatore Fasano- per far rientrare un caduto da Livorno. Con il supporto di Don Claudio Mancusi stiamo anche lavorando al rientro di due salme da El Alamein”. All’incontro con il sindaco erano presenti: il presidente del Comitato per il Sacrario Militare Daniele Fasano, il Presidente Emerito Grand’Ufficiale Salvatore Fasano, la madre di Massimiliano Randino, il Presidente Onorario Generale Lucio Cesaro, il Vice Presidente Emerito Gerardo Canora, ed i componenti Roberto Catozzi, il presidente dell’Associazione Bersaglieri a riposo Antonio Proto, Maddalena Annarumma, Beatrice Sparano, Matteo Fasano, il Colonnello Vincenzo Consalvo, il Colonnello Carlo De Martino e Luigi Fasano.