Positano oggi si festeggia la Madonna del Rosario e don Giulio. VIDEO

0

Positano, costiera amalfitana. Positanonews ogni tanto vuol parlare di notizie buone, anzi prenderemo l’abitudine di farlo tutti i giorni. Oggi si festeggia la Madonna del Rosario e tutto il centro dei Mulini si prepara ai festeggiamenti con banchetti, che questa sera offriranno degustazioni di piatti tipici per ogni gruppo di boutique; per l’occasione si festeggia anche il ritorno del parroco don Giulio Caldiero. Torna anche Rino F

usaro, titolare del ristorante Fornillo, dopo una lunga degenza. Per l’occasione facciamo gli auguri a entrambi e non solo, anche a Sergio Bella e consorte per il matrimonio celebrato in una splendida festa lunedì scorso a Laurito; ancora auguri ad Emanuela ed alla figlia di Daniela (auguri al nonno Antonio) per il battesimo. Infine auguri a tutti quelli che non conosciamo e che abbiano festeggiato matrimoni, compleanni, battesimi.. e a tutti i Rosario e Rosaria. 

Don Giulio dopo una difficile operazione è tornato a Positano tra i suoi parrocchiani per festeggiare insieme la Madonna del Rosario. Questa mattina ha celebrato il battesimo di Giuseppe Antonino figlio di Gennaro e Rossella. La processione partirà questa sera dalla Chiesa omonima in piazza dei Mulini. Tantissimi sono i positanesi che attendono questo avvenimento e si prevede una grande affluenza di cittadini per la processione con la venerata statua della Vergine.

La chiesa in piazza dei Mulini, intitolata alla Madonna del Rosario, è stata per tanti anni chiusa al culto. Il 7 ottobre 2007 con una sentitissima cerimonia è stata riaperta al pubblico. Questa chiesa, l’unica che ha l’altare rivolto ad ovest e non ad est, è quanto resta dell’antico monastero che si estendeva tutt’intorno e al di sotto dell’attuale livello stradale. Era ricca d’opere d’arte, andate distrutte e disperse. Alcune lapidi sepolcrali e, sul lato sinistro dell’ingresso, un sarcofago romano con la rappresentazione del mito di Bacco sono le uniche, residue testimonianze del suo antico splendore. Le origini di questa chiesa si perdono nei meandri della storia, si sa che nel 1614 venne donata ai frati benedettini che vi fondarono un monastero, soppresso nel 1652 da papa Clemente X per il limitato numero di frati e perché il crollo del costone di tufo su cui sorgeva aveva fatto rovinare anche l’ala sinistra, come evidenziano i resti di strutture murarie parzialmente sepolte, rendendolo insicuro. La chiesa, spogliata di gran parte dei suoi tesori, fu trasformata in tribunale.

In seguito, restituita al culto, divenne sede della congrega del SS. Rosario. E’ composta da un’unica navata rettangolare con volta a botte lunettata con finestre in alto. L’abside semicircolare è sormontata da un tamburo e da una cupola sulla quale si eleva una lanternina cieca in tufo. Ammirevole è il frontone principale e il portale laterale, entrambi in tufo pipernoide con decorazioni a rilievo. A destra dell’ingresso, un capitello composito ed altri elementi di spoglio del prospetto seicentesco della chiesa Madre fanno da base ad una croce nera posta a memoria di missioni di padri passionisti.

PROGRAMMA

Ore 7.30, 10.30 – Celebrazioni SS. Messe.
Ore 18.00 – Canto del S. Rosario.
Ore 18.30 – Santa Messa Solenne, processione zona Prisco – Sponda.

A seguire, degustazione di piatti tipici.

La festa sarà allietata dal Concerto Bandistico Città di Minori
e dal gruppo di musica popolare “Via Toledo”
La suggestiva illuminazione è curata dalla ditta Donnarumma.

Parroco Sac. Giulio Caldiero e Comitato Festa

La festa, come al solito, grazie alla partecipazione di tutti, è stata bellissima. Stand lungo la strada e balli per stare tutti insieme in allegria. Complimenti a tutta l’organizzazione

Foto Massimo Capodanno