Champions League Quanti vip in tribuna d’onore

0

Coloro che non avevano il biglietto hanno guardato il match nei maxi schermi nelle rispettive fan zone, anche se alcuni ha fatto il sacrificio… della vita acquistando dai bagarini presenti un tagliando d’ingresso (prezzi anche oltre i 2.000 euro; circolavano pure dei falsi) e si sono goduti lo spettacolo iniziato con una cerimonia d’apertura in stile Superbowl nella quale le voci di Alicia Keys e di AndreaBocelli (che ha reinterpretato l’inno della Champions) hanno fatto emozionare tutti, compresi la star di Hollywood Richard Gere e il cantante Phil Collins

.  
QUANTI VIP. In tribuna d’onore hanno trovato posto il Re di Spagna, Filippo VI di Borbone, il primo ministro iberico Mariano Rajoy e il suo ministro degli esterni, José Manuel García-Margallo Y Marfil. La “componente politica” era completata dal sindaco di Madrid, l’avvocatessa Manuela Carmena, accompagnata dal collega milanese Pisapia e dal primo ministro della Bosnia, Zvizdic. Naturalmente non potevano mancare i presidenti di Real e Atletico: Florentino Perez e Enrique Cerezo hanno seduto a pochi posti di distanza, ma non molto distanti c’erano anche il patron dell’Inter Thohir, il numero uno della Fifa Infantino e quello della Figc Tavecchio. Impossibile annotare tutti i calciatori presenti: Shevchenko è tornato a San Siro senza nascondere la sua emozione, ma c’erano pure Sir Alex Ferguson, Capello, Galliani, Barbara Berlusconi, Cafù, Serginho, Van Bommel, Seedorf, Figo, Baresi (che ha portato in campo il trofeo a inizio gara con Zanetti), Filippo Inzaghi, Zambrotta, Maldini, Kaladze e Desailly. 
 fontecorrieredellosport

Coloro che non avevano il biglietto hanno guardato il match nei maxi schermi nelle rispettive fan zone, anche se alcuni ha fatto il sacrificio… della vita acquistando dai bagarini presenti un tagliando d’ingresso (prezzi anche oltre i 2.000 euro; circolavano pure dei falsi) e si sono goduti lo spettacolo iniziato con una cerimonia d’apertura in stile Superbowl nella quale le voci di Alicia Keys e di AndreaBocelli (che ha reinterpretato l’inno della Champions) hanno fatto emozionare tutti, compresi la star di Hollywood Richard Gere e il cantante Phil Collins

.  
QUANTI VIP. In tribuna d’onore hanno trovato posto il Re di Spagna, Filippo VI di Borbone, il primo ministro iberico Mariano Rajoy e il suo ministro degli esterni, José Manuel García-Margallo Y Marfil. La “componente politica” era completata dal sindaco di Madrid, l’avvocatessa Manuela Carmena, accompagnata dal collega milanese Pisapia e dal primo ministro della Bosnia, Zvizdic. Naturalmente non potevano mancare i presidenti di Real e Atletico: Florentino Perez e Enrique Cerezo hanno seduto a pochi posti di distanza, ma non molto distanti c’erano anche il patron dell’Inter Thohir, il numero uno della Fifa Infantino e quello della Figc Tavecchio. Impossibile annotare tutti i calciatori presenti: Shevchenko è tornato a San Siro senza nascondere la sua emozione, ma c’erano pure Sir Alex Ferguson, Capello, Galliani, Barbara Berlusconi, Cafù, Serginho, Van Bommel, Seedorf, Figo, Baresi (che ha portato in campo il trofeo a inizio gara con Zanetti), Filippo Inzaghi, Zambrotta, Maldini, Kaladze e Desailly. 
 fontecorrieredellosport