Positano. “Serate d’Autore” incontra Chiara Tortorella e Francesca Gerla

0

abato 4 giugno alle ore 20.30 nella Pinacoteca Civica di Positano si terrà un doppio incontro, tra due scrittrici a confronto Francesca Gerla e Chiara Tortorella, Licia Vetere scrittrice e poetessa relazionerà i romanzi. La serata è presentata da Maria Rosaria Manzini curatrice della rassegna letteraria “Serate d’Autore”  2016  3° edizione, organizzata dall’Associazione Posidonia, con il Patrocinio del Comune di Positano e dell’Azienda di Soggiorno e Turismo , e Positanonews come Mediapartner.

La testimone di Francesca Gerla

Un libro che, come avviene con certi classici, racchiude una moltitudine di generi: dal romanzo sentimentale al giudiziario, dal romanzo psicologico al giallo.

Francesco Pinto, direttore del centro Rai di Napoli

“L’odierno procedimento trae origine dalla denuncia-querela presentata dai coniugi Ognissanti Scopelli, i quali dichiaravano che la propria figlia Selene, appena quindicenne, era stata irretita dalle attenzioni sessuali del suo insegnante di lettere…” Il sostituto procuratore della Repubblica di Napoli Arianna Esposito, appena tornata nella sua, città di origine, è seduta sulla comoda poltrona in pelle del suo nuovo ufficio per studiare le carte del processo per molestie cui dovrà subentrare. Svogliatamente, fa scorrere lo suardo sulle pagine del faldone, finché non coglie il nome dell’indagato: il professor Lorenzo Blezzi. Già proprio lui .. Arianna lo conosce bene! talmente bene da decidere di fare la cosa sbagliata. E nulla sarà più con e prima. Presentato più volte a Napoli, il  romanzo ha ricevuto notevoli apprezzamenti. In merito dichiara Pino Imperatore: La testimone è una storia di passioni e di tensioni, di sentimenti liberi e veri. E’ un labirinto narrativo da cui uscirete arricchiti di emozioni. E quando tornerete alla luce, non sarà ancora finita: il vostro cuore e la vostra mente continueranno a  cercare la verità, e forse non la troveranno mai.”

Francesca Gerla è nata nel 1976 a Napoli. Redattrice e traduttrice ha lavorato con numerose case editrici, tra cui Rizzoli e Bollati Boringhieri. Dal 2012 dirige la redazione della casa editrice Homo Scrivens. Con il suo primo romanzo, L’isola di Pietra( Horno Scrivens 2013) ha ottenuto numeresi riconoscimenti letterari ed è stata finalista al Premio Nabokov 2013 e al Premio  Megaris 2014.

 

Tabù di Chiara Tortorella

“So che riordinare il caos è una contraddizione in termini, ma la Tortorelli, originalissima e a tratti geniale, liberata dalle pastoie dello spazio breve e dall’argomento obbligato può rianimare quell’oggetto consunto che è il libro di narrativa”

Gianpaolo Rugarli- La Repubblica

“Amore, amicizia, maternità, tradimento abbandono, vecchiaia, erotismo, violenza, follia e ricordi che si intrecciano sul fluire di antiche e nuove forme comunicative, dal coro greco ai linguaggi dei social network. Diciannove punti di vista sulle relazioni umane che rompono lo schema narrativo. Storie a volte macabre e surreali, storie scomode che stravolgono i luoghi comuni e fanno a fette i buonismi e la retorica, continuamente interrotte dai personaggi come dalla punteggiatura. Storie che cercano verità e significato a costo di ferire, che intrecciano parole per stemperare una disperata solitudine, in un dialogo senza sosta con il lettore che non si esaurisce con la fine delle pagine.”

Chiara Tortorelli, creativa pubblicitaria ed editor presso Homo Scrivens, si è distinta in diversi volumi antologici e ha pubblicato nel 2007 la raccolta di racconti La semplicità dell’amore (Cento Autori)

abato 4 giugno alle ore 20.30 nella Pinacoteca Civica di Positano si terrà un doppio incontro, tra due scrittrici a confronto Francesca Gerla e Chiara Tortorella, Licia Vetere scrittrice e poetessa relazionerà i romanzi. La serata è presentata da Maria Rosaria Manzini curatrice della rassegna letteraria "Serate d'Autore"  2016  3° edizione, organizzata dall'Associazione Posidonia, con il Patrocinio del Comune di Positano e dell'Azienda di Soggiorno e Turismo , e Positanonews come Mediapartner.

La testimone di Francesca Gerla

Un libro che, come avviene con certi classici, racchiude una moltitudine di generi: dal romanzo sentimentale al giudiziario, dal romanzo psicologico al giallo.

Francesco Pinto, direttore del centro Rai di Napoli

"L'odierno procedimento trae origine dalla denuncia-querela presentata dai coniugi Ognissanti Scopelli, i quali dichiaravano che la propria figlia Selene, appena quindicenne, era stata irretita dalle attenzioni sessuali del suo insegnante di lettere…" Il sostituto procuratore della Repubblica di Napoli Arianna Esposito, appena tornata nella sua, città di origine, è seduta sulla comoda poltrona in pelle del suo nuovo ufficio per studiare le carte del processo per molestie cui dovrà subentrare. Svogliatamente, fa scorrere lo suardo sulle pagine del faldone, finché non coglie il nome dell'indagato: il professor Lorenzo Blezzi. Già proprio lui .. Arianna lo conosce bene! talmente bene da decidere di fare la cosa sbagliata. E nulla sarà più con e prima. Presentato più volte a Napoli, il  romanzo ha ricevuto notevoli apprezzamenti. In merito dichiara Pino Imperatore: La testimone è una storia di passioni e di tensioni, di sentimenti liberi e veri. E' un labirinto narrativo da cui uscirete arricchiti di emozioni. E quando tornerete alla luce, non sarà ancora finita: il vostro cuore e la vostra mente continueranno a  cercare la verità, e forse non la troveranno mai."

Francesca Gerla è nata nel 1976 a Napoli. Redattrice e traduttrice ha lavorato con numerose case editrici, tra cui Rizzoli e Bollati Boringhieri. Dal 2012 dirige la redazione della casa editrice Homo Scrivens. Con il suo primo romanzo, L'isola di Pietra( Horno Scrivens 2013) ha ottenuto numeresi riconoscimenti letterari ed è stata finalista al Premio Nabokov 2013 e al Premio  Megaris 2014.

 

Tabù di Chiara Tortorella

"So che riordinare il caos è una contraddizione in termini, ma la Tortorelli, originalissima e a tratti geniale, liberata dalle pastoie dello spazio breve e dall'argomento obbligato può rianimare quell'oggetto consunto che è il libro di narrativa"

Gianpaolo Rugarli- La Repubblica

"Amore, amicizia, maternità, tradimento abbandono, vecchiaia, erotismo, violenza, follia e ricordi che si intrecciano sul fluire di antiche e nuove forme comunicative, dal coro greco ai linguaggi dei social network. Diciannove punti di vista sulle relazioni umane che rompono lo schema narrativo. Storie a volte macabre e surreali, storie scomode che stravolgono i luoghi comuni e fanno a fette i buonismi e la retorica, continuamente interrotte dai personaggi come dalla punteggiatura. Storie che cercano verità e significato a costo di ferire, che intrecciano parole per stemperare una disperata solitudine, in un dialogo senza sosta con il lettore che non si esaurisce con la fine delle pagine."

Chiara Tortorelli, creativa pubblicitaria ed editor presso Homo Scrivens, si è distinta in diversi volumi antologici e ha pubblicato nel 2007 la raccolta di racconti La semplicità dell'amore (Cento Autori)