Cilento migliaia di auto bloccate per ore per un incidente

0

Nel Cilento migliaia di auto bloccate per un incidente di Andrea Passaro LA CITTA DI SALERNO La “via delle vacanze” chiusa per ore ieri mattina per un incidente stradale sulla strada provinciale 45 tra Agropoli e Prignano Cilento. Due le auto coinvolte, al km 4, una Mercedes ed una Renault, che sono entrate in collisione, a causa del manto stradale reso scivoloso dalla pioggia. Sul posto sono giunti gli agenti della Polstrada di Vallo della Lucania per i rilievi del caso e due ambulanze dell’Humanitas. I sanitari hanno condotto due dei tre occupanti delle auto coinvolte nel sinistro, feriti in maniera lieve, presso l’ospedale di Vallo della Lucania, per accertamenti. A seguito dell’incidente, avvenuto intorno alle 8,30, la strada è rimasta chiusa per ore. Circostanza questa che ha portato a formare lunghe code, fino a 5 km, in entrambe le direzioni. La strada risultava infatti particolarmente trafficata per l’ampio volume di veicoli che viaggiavano in direzione Sud, essendo questa l’unica strada di collegamento con le località turistiche di Palinuro e Marina di Camerota, dopo la chiusura, ormai da tre anni, della Cilentana. Il blocco è durato circa tre ore: intorno alle 11,30 infatti entrambe le corsie della SP. 45 sono state liberate ed il traffico, in poco tempo, è tornato nuovamente scorrevole. I ritardi nella riapertura si sono verificati perché è stato richiesto l’intervento di una ditta di Aquara che ha dovuto effettuare la pulizia della strada; inoltre i due veicoli coinvolti nell’incidente, non marcianti, sono stati prelevati dai carro attrezzi. I ritardi hanno fatto imbestialire i turisti che hanno dovuto subire disagi e perdite di tempo. Ricordiamo che, oltre ad essere una strada stretta e tortuosa, la SP. 45, presenta il manto stradale consumato, basta quindi qualche goccia di pioggia per far sì che diventi scivolosa. La Polstrada di Vallo della Lucania ha più volte segnalato il problema alla Provincia, anche con appositi servizi di ispezione viaria, ma ad oggi la situazione risulta irrisolta. Questi periodi, a cavallo delle festività, sono spesso occasione per i turisti di fare una capatina nelle diverse località turistiche che potrebbero venire poi scelte come meta per trascorrervi la prossima estate. Ma se questi sono i biglietti da visita con cui gli stessi vengono accolti, si corre il serio rischio che vengano scelti altri luoghi per passare le proprie vacanze, che siano magari meglio collegati. E questo, qualora si verificasse, andrebbe certamente a discapito delle attività commerciali del Cilento costiero, che soffrono questa situazione ormai dal 2013, data della prima interdizione al transito della Strada provinciale 430, a causa della frana, poi riparata, al di sotto della discarica di Gorgo. Ricordiamo che i lavori di ripristino del viadotto “Chiusa”, tra Agropoli e Prignano, invece, iniziati solo alcuni giorni fa, dovrebbero durare 150 giorni, e quindi se tutto procedesse secondo la tabella di marcia, dovrebbero chiudersi entro agosto, quando ormai la stagione estiva sarà giunta verso il suo epilogo. L’unica possibilità quindi per alleggerire il volume di traffico sulla SP. 45 potrebbe essere offerto dalla messa in opera di un ponte militare sulla SP. 430 nel tratto in frana, del quale però va valutata ancora la fattibilità, oppure in alternativa, l’apertura di una corsia, a lavori in corso. Ma in questo caso i disagi sarebbero comunque solo limitati e potrebbe quindi profilarsi un’altra estate di passione, con la consolazione però che dovrebbe essere l’ultima.

Nel Cilento migliaia di auto bloccate per un incidente di Andrea Passaro LA CITTA DI SALERNO La “via delle vacanze” chiusa per ore ieri mattina per un incidente stradale sulla strada provinciale 45 tra Agropoli e Prignano Cilento. Due le auto coinvolte, al km 4, una Mercedes ed una Renault, che sono entrate in collisione, a causa del manto stradale reso scivoloso dalla pioggia. Sul posto sono giunti gli agenti della Polstrada di Vallo della Lucania per i rilievi del caso e due ambulanze dell’Humanitas. I sanitari hanno condotto due dei tre occupanti delle auto coinvolte nel sinistro, feriti in maniera lieve, presso l’ospedale di Vallo della Lucania, per accertamenti. A seguito dell'incidente, avvenuto intorno alle 8,30, la strada è rimasta chiusa per ore. Circostanza questa che ha portato a formare lunghe code, fino a 5 km, in entrambe le direzioni. La strada risultava infatti particolarmente trafficata per l’ampio volume di veicoli che viaggiavano in direzione Sud, essendo questa l’unica strada di collegamento con le località turistiche di Palinuro e Marina di Camerota, dopo la chiusura, ormai da tre anni, della Cilentana. Il blocco è durato circa tre ore: intorno alle 11,30 infatti entrambe le corsie della SP. 45 sono state liberate ed il traffico, in poco tempo, è tornato nuovamente scorrevole. I ritardi nella riapertura si sono verificati perché è stato richiesto l’intervento di una ditta di Aquara che ha dovuto effettuare la pulizia della strada; inoltre i due veicoli coinvolti nell’incidente, non marcianti, sono stati prelevati dai carro attrezzi. I ritardi hanno fatto imbestialire i turisti che hanno dovuto subire disagi e perdite di tempo. Ricordiamo che, oltre ad essere una strada stretta e tortuosa, la SP. 45, presenta il manto stradale consumato, basta quindi qualche goccia di pioggia per far sì che diventi scivolosa. La Polstrada di Vallo della Lucania ha più volte segnalato il problema alla Provincia, anche con appositi servizi di ispezione viaria, ma ad oggi la situazione risulta irrisolta. Questi periodi, a cavallo delle festività, sono spesso occasione per i turisti di fare una capatina nelle diverse località turistiche che potrebbero venire poi scelte come meta per trascorrervi la prossima estate. Ma se questi sono i biglietti da visita con cui gli stessi vengono accolti, si corre il serio rischio che vengano scelti altri luoghi per passare le proprie vacanze, che siano magari meglio collegati. E questo, qualora si verificasse, andrebbe certamente a discapito delle attività commerciali del Cilento costiero, che soffrono questa situazione ormai dal 2013, data della prima interdizione al transito della Strada provinciale 430, a causa della frana, poi riparata, al di sotto della discarica di Gorgo. Ricordiamo che i lavori di ripristino del viadotto “Chiusa”, tra Agropoli e Prignano, invece, iniziati solo alcuni giorni fa, dovrebbero durare 150 giorni, e quindi se tutto procedesse secondo la tabella di marcia, dovrebbero chiudersi entro agosto, quando ormai la stagione estiva sarà giunta verso il suo epilogo. L’unica possibilità quindi per alleggerire il volume di traffico sulla SP. 45 potrebbe essere offerto dalla messa in opera di un ponte militare sulla SP. 430 nel tratto in frana, del quale però va valutata ancora la fattibilità, oppure in alternativa, l’apertura di una corsia, a lavori in corso. Ma in questo caso i disagi sarebbero comunque solo limitati e potrebbe quindi profilarsi un’altra estate di passione, con la consolazione però che dovrebbe essere l’ultima.