SORRENTO, PARCO IBSEN: RICHIESTA DI RISARCIMENTO AL COMUNE DI 900.000 EURO, L´IDV CHIEDE CHIARIMENTI

0

Spett.le Comune di Sorrento (NA) 

C.a. Sindaco, Avv. Giuseppe Cuomo.

        Ufficio Patrimonio e Contenzioso,

        Dirigente del 1° Dipartimento, Dott. Donato Sarno.

        Assessore al Patrimonio, Dott. Michele Bernardo.

        Presidente Commissione Trasparenza,

        Sig. Rosario Fiorentino.

 

         e p.c.

Capogruppo PD al Consiglio Comunale,

Dott. Luigi Mauro.

 

 

OGGETTO:CONTENZIOSO RELATIVO AL COMPLESSO IMMOBILIARE “PARCO IBSEN”; CHIARIMENTI IN MERITO ALLA CAUSA IN CORSO ED ALLA RICHIESTA DI RISARCIMENTO, A CARICO DEL COMUNE DI SORRENTO, DI EURO 900.000,00. 

 

 

Si ritiene opportuno segnalare al Sindaco di Sorrento, agli Uffici Patrimonio e Contenzioso, nonché al competente Assessore, la seguente questione, relativa al complesso immobiliare denominato “Parco Ibsen”, interessato dall’instaurazione di un recente contenzioso tra la società, attualmente concessionaria, ed il Comune di Sorrento, all’esito del quale lo stesso Comune potrebbe essere costretto a risarcire il danno richiesto, corrispondente a circa euro 900.000,00.

Nell’estate dell’anno 2008 veniva aperta al pubblico la rinnovata struttura “Parco Ibsen”; detto complesso, composto da parco giochi, locale adibito a  bar, cavea per spettacoli, ristorante ed annessi immobili pertinenziali, è di proprietà pubblica e quindi in piena titolarità del Comune di Sorrento.

L’ente proprietario, dopo avere effettuato i lavori di demolizione della struttura commerciale “Bussola Sud” (già interessata da provvedimenti repressivi relativi a reati di abusivismo edilizio) e ristrutturazione dell’area, nell’anno 2007 ha proceduto ad affidare la gestione della stessa, probabilmente per la ordinaria durata di un contatto di locazione commerciale (6 anni), onerando la società concessionaria dei piccoli e residuali lavori di completamento.

Sono quindi sorte le prime problematiche, relative alla trasparenza della procedura di affidamento della gestione della struttura ed alle varianti urbanistiche (rispetto all’iniziale progetto di costruire un’area ricreativa per bambini) comportanti la sensibile diminuzione della zona da destinare a parco giochi gratuito, ed il corrispondente aumento dell’area adibita a bar, ristorante ed alle altre strutture ricettive a pagamento; dette questioni sono state formalizzate in una dettagliata interrogazione sottoscritta dall’allora gruppo consiliare del Partito Democratico.

Da recenti notizie di stampa, apparse su quotidiani e settimanali locali nonché sulla rete internet, è dato apprendere che l’attuale società concessionaria ha avanzato pretese nei confronti del Comune di Sorrento, citando lo stesso per ottenere un risarcimento di circa 900.000,00 euro, il cui esborso costituirebbe di certo un terremoto per le casse comunali; alla base delle pretese risarcitorie (da verificare presso il Tribunale di Torre Annunziata, sezione distaccata di Sorrento, nella prima udienza già fissata per il mese di maggio dell’anno 2010) vi sono le spese relative ai lavori di completamento, che in realtà si sono rivelati tutt’altro che residuali, ed il conseguente ritardo nell’apertura di circa un anno e mezzo.

Tanto esposto ed enunciato,

chiedo

 

agli Uffici ed Organi indicati in epigrafe, per quanto di rispettiva spettanza e competenza di:

 

a) rendere pubbliche e note alla cittadinanza le informazioni relative alla procedura di affidamento della gestione della struttura “Parco Ibsen”, al nominativo della società concessionaria, al canone di affitto corrisposto ed alla durata temporale del contratto di locazione, al fine di partecipare i cittadini sorrentini della redditività della struttura in parola per le nostre casse comunali e delle reali possibilità di gestione per il prossimo futuro, da parte di società o cooperative di giovani nelle quali non siano coinvolti soggetti già concessionari di proprietà comunali; in merito si chiede quindi di acquisire il relativo contratto di locazione e la documentazione amministrativa a supporto (determina dirigenziale, pareri, etc.);

 

b) fornire notizie e rassicurare i cittadini in merito allo svolgimento della menzionata causa in corso, ed alla effettiva possibilità che il Comune di Sorrento sia interessato da una richiesta di risarcimento ammontante ad euro 900.000,00.

 

Fiducioso nella rinnovata volontà di trasparenza dell’amministrazione pubblica, a beneficio e nell’interesse esclusivo dei nostri concittadini sorrentini, attendo Vostro riscontro e porgo Distinti Saluti

 

Ai soli fini della presente si indica il seguente recapito:

Sorrento (NA), via Vittorio Veneto n. 3, c/o Antonetti”.

 

 Sorrento (NA), 30 settembre 2010.

 

                    Avv. Giovanni Antonetti

Partito “Di Pietro-Italia dei Valori”, sezione di Sorrento.