Sorrento: Un Canile alla Regina Giovanna

0

Sorrento, Regina GIovanna: Una parte del fondo di proprietà comunale della Regina Giovanna destinato a canile. È quanto prevede una recente delibera adottata dalla Giunta municipale di Sorrento su proposta dell’assessore al Patrimonio, Raffaele Apreda.

Il provvedimento stabilisce di assegnare in comodato gratuito circa mille metri quadrati del terreno alla sezione della penisola sorrentina della Lega nazionale per la Difesa del Cane. In base alla relazione allegata all’atto, quindi, l’esecutivo guidato dal sindaco Giuseppe Cuomo ha stabilito di “concedere all’associazione, in via sperimentale per un anno, porzione del fondo comunale denominato Regina Giovanna di circa 970 metri quadrati, da adibire ad alloggio temporaneo di cani randagi in attesa di adozione e a sgambatoio, con obbligo della Lega a provvedere a proprie cure e spese alla messa in sicurezza del luogo e alla relativa manutenzione ordinaria”.

La delibera, quindi, assegna al dirigente dell’ufficio Patrimonio del Comune di Sorrento, Donato Sarno, il compito di procedere all’affidamento dell’area.

Il fondo della Regina Giovanna, della superficie totale di 54mila metri quadrati, comprende, oltre ad alcuni immobili che rappresentavano le residenze dei coloni ed a diversi terrazzamenti che ospitano uliveti ed agrumeti, anche i resti della villa romana di epoca imperiale la cui edificazione viene attribuita al patrizio Pollio Felice. Per acquistare l’area, nel 2003, l’amministrazione comunale di Sorrento, all’epoca guidata dal sindaco Marco Fiorentino, versò alla Compagnia provinciale dei Padri Gesuiti circa 3milioni di euro.

Sorrento, Regina GIovanna: Una parte del fondo di proprietà comunale della Regina Giovanna destinato a canile. È quanto prevede una recente delibera adottata dalla Giunta municipale di Sorrento su proposta dell’assessore al Patrimonio, Raffaele Apreda.

Il provvedimento stabilisce di assegnare in comodato gratuito circa mille metri quadrati del terreno alla sezione della penisola sorrentina della Lega nazionale per la Difesa del Cane. In base alla relazione allegata all’atto, quindi, l’esecutivo guidato dal sindaco Giuseppe Cuomo ha stabilito di “concedere all’associazione, in via sperimentale per un anno, porzione del fondo comunale denominato Regina Giovanna di circa 970 metri quadrati, da adibire ad alloggio temporaneo di cani randagi in attesa di adozione e a sgambatoio, con obbligo della Lega a provvedere a proprie cure e spese alla messa in sicurezza del luogo e alla relativa manutenzione ordinaria”.

La delibera, quindi, assegna al dirigente dell’ufficio Patrimonio del Comune di Sorrento, Donato Sarno, il compito di procedere all’affidamento dell’area.

Il fondo della Regina Giovanna, della superficie totale di 54mila metri quadrati, comprende, oltre ad alcuni immobili che rappresentavano le residenze dei coloni ed a diversi terrazzamenti che ospitano uliveti ed agrumeti, anche i resti della villa romana di epoca imperiale la cui edificazione viene attribuita al patrizio Pollio Felice. Per acquistare l’area, nel 2003, l’amministrazione comunale di Sorrento, all’epoca guidata dal sindaco Marco Fiorentino, versò alla Compagnia provinciale dei Padri Gesuiti circa 3milioni di euro.

Lascia una risposta