Positano – Vera fibra ottica o falsa fibra ottica ?

0

L’interrogativo nasce dopo che alcuni operatori commerciali, presentatisi come Telecom Italia, hanno avvicinato i grandi alberghi di Positano proponendo internet su fibra ottica con contratti per migliaia e migliaia di euro.

Eppure, controllando sul sito dell’agenzia che ha avuto mandato dal Governo Italiano di realizzare la rete in fibra in Italia, Infratel, al momento a Positano la fibra ottica non c’è. C’è la banda larga fino a 20 mega, ma la fibra ottica no.

Dati che forse ci raccontano di un’operazione commerciale fumosa. Cosa vendono questi emissari, che si qualificano come operatori della ex compagnia telefonica nazionale, oggi privatizzata? Forse una chimera, alla quale si sta dando una parvenza di realtà. Come costruire a Positano una pista di formula 1.

In questo momento ci sono scavi in corso nella cittadina, che stanno sfregiando la perla d’Italia, per la posa sottoterra di fibra che dovrebbe servire i grandi alberghi. La popolazione per il momento no. È sicuramente previsto il ripristino!!! O forse, no.

Quindi, posa della fibra in città. Ma, la connessione che dovrebbe viaggiare su questa fibra, da dove arriva?

Fino a Positano la rete nazionale in fibra ottica non ci arriva, il sito di Infratel ce lo conferma. L’infrastruttura si ferma alle spalle dei Monti Lattari, nel napoletano. Quindi, il segnale destinato alla rete urbana in fibra di Positano arriverebbe lungo la linea tradizionale, che non ha la velocità della fibra ottica, o forse via radio. Il che vorrebbe dire una soluzione all’italiana. Costruire una pista di formula 1 alla quale si arriva solo passando per mulattiere di montagna, e costringere un bolide ultramoderno ad arrivare alla pista scalando queste stradine. Così come un’auto da formula 1 non riesce a passare per una mulattiera di montagna, così le centinaia di mega della fibra ottica non riescono a passare su un’antica rete di cavi telefonici di rame.

Nascono quindi legittimi interrogativi. Infratel ci avvisa che la fibra ottica, per quanto riguarda i piani che lo Stato ha fatto con l’impiego di finanziamenti europei, a Positano arriverà per il 2020, termine ultimo fissato dall’Unione Europea. E, purtroppo, la storia ci insegna che l’Italia non è molto puntuale sui termini stabiliti dall’UE.

Quindi? Non resta che aspettare. E sperare. 

L'interrogativo nasce dopo che alcuni operatori commerciali, presentatisi come Telecom Italia, hanno avvicinato i grandi alberghi di Positano proponendo internet su fibra ottica con contratti per migliaia e migliaia di euro.

Eppure, controllando sul sito dell'agenzia che ha avuto mandato dal Governo Italiano di realizzare la rete in fibra in Italia, Infratel, al momento a Positano la fibra ottica non c'è. C'è la banda larga fino a 20 mega, ma la fibra ottica no.

Dati che forse ci raccontano di un'operazione commerciale fumosa. Cosa vendono questi emissari, che si qualificano come operatori della ex compagnia telefonica nazionale, oggi privatizzata? Forse una chimera, alla quale si sta dando una parvenza di realtà. Come costruire a Positano una pista di formula 1.

In questo momento ci sono scavi in corso nella cittadina, che stanno sfregiando la perla d'Italia, per la posa sottoterra di fibra che dovrebbe servire i grandi alberghi. La popolazione per il momento no. È sicuramente previsto il ripristino!!! O forse, no.

Quindi, posa della fibra in città. Ma, la connessione che dovrebbe viaggiare su questa fibra, da dove arriva?

Fino a Positano la rete nazionale in fibra ottica non ci arriva, il sito di Infratel ce lo conferma. L'infrastruttura si ferma alle spalle dei Monti Lattari, nel napoletano. Quindi, il segnale destinato alla rete urbana in fibra di Positano arriverebbe lungo la linea tradizionale, che non ha la velocità della fibra ottica, o forse via radio. Il che vorrebbe dire una soluzione all'italiana. Costruire una pista di formula 1 alla quale si arriva solo passando per mulattiere di montagna, e costringere un bolide ultramoderno ad arrivare alla pista scalando queste stradine. Così come un'auto da formula 1 non riesce a passare per una mulattiera di montagna, così le centinaia di mega della fibra ottica non riescono a passare su un’antica rete di cavi telefonici di rame.

Nascono quindi legittimi interrogativi. Infratel ci avvisa che la fibra ottica, per quanto riguarda i piani che lo Stato ha fatto con l'impiego di finanziamenti europei, a Positano arriverà per il 2020, termine ultimo fissato dall'Unione Europea. E, purtroppo, la storia ci insegna che l'Italia non è molto puntuale sui termini stabiliti dall'UE.

Quindi? Non resta che aspettare. E sperare.