Centro Studi Partenopeo 3P – Panificatori, Pasticcieri e Pizzaioli – il nuovo presidente è Giuseppe Baino

0

Giuseppe Baino è il nuovo presidente del “Centro Studi Partenopeo 3P”. Il consiglio direttivo ha indicato ha trovato convergenza sul suo nome nel corso dell’assemblea elettiva ospitata nella sede dell’Antico Molino Caputo a San Giovanni a Teduccio. “Ci siamo posti come obiettivo – ha dichiarato Giuseppe Baino, subito dopo l’elezione – di contribuire al recupero, alla formazione ed alla valorizzazione della figura professionale del maestro della lievitazione. Il tutto attraverso momenti di teoria, storia e pratica. In modo da contribuire alla conservazione della tradizione partenopea”. Panificatori, Pasticceri e Pizzaioli. Tre profili professionali di grande spessore e lunghissima tradizione nel napoletano. Basti pensare che nella vicina Pompei, già prima dell’eruzione del 79 d.C, si panificavano almeno una decina di pani diversi. Ed è proprio a Napoli che le tre Muse dell’arte bianca hanno ispirato la creazione del “Centro Studi Partenopeo 3 P”. L’iniziativa delle “3 P”, è nata da un’idea di Giuseppe Baino (Presidente), Sabatino Sirica (Vicepresidente), Sergio Miccù (Vicepresidente), Vincenzo Peretti ed Antimo Caputo ed ora riparte con l’obbiettivo prioritario di formare nuove generazioni di artigiani, nel complesso mondo della lievitazione. In primo piano anche l’esigenza di creare eventi per il recupero e la valorizzazione delle tradizioni partenopee dell’arte bianca. Ma le ambizioni non si fermano qui. Per Vincenzo Peretti, dell’Università degli Studi di Napoli Federico II: “Un altro obiettivo del Centro Studi sarà quello di innovare il settore sotto l’aspetto tecnologico e sperimentare con esperti del settore l’utilizzo di diverse tecniche di impasto per gestire al meglio le varie fasi di lavorazione ed offrire un valore aggiunto al prodotto”.
“Per il prossimo futuro, Napoli e i suoi protagonisti dell’arte bianca punteranno sempre più a tutelare la tradizione di queste attività, con lo sguardo al futuro e la mente alle innovazioni del settore” ha dichiarato Antimo Caputo, AD del Molino Caputo.Giuseppe Baino è il nuovo presidente del “Centro Studi Partenopeo 3P”. Il consiglio direttivo ha indicato ha trovato convergenza sul suo nome nel corso dell’assemblea elettiva ospitata nella sede dell’Antico Molino Caputo a San Giovanni a Teduccio. “Ci siamo posti come obiettivo – ha dichiarato Giuseppe Baino, subito dopo l’elezione – di contribuire al recupero, alla formazione ed alla valorizzazione della figura professionale del maestro della lievitazione. Il tutto attraverso momenti di teoria, storia e pratica. In modo da contribuire alla conservazione della tradizione partenopea”. Panificatori, Pasticceri e Pizzaioli. Tre profili professionali di grande spessore e lunghissima tradizione nel napoletano. Basti pensare che nella vicina Pompei, già prima dell’eruzione del 79 d.C, si panificavano almeno una decina di pani diversi. Ed è proprio a Napoli che le tre Muse dell’arte bianca hanno ispirato la creazione del “Centro Studi Partenopeo 3 P”. L’iniziativa delle “3 P”, è nata da un’idea di Giuseppe Baino (Presidente), Sabatino Sirica (Vicepresidente), Sergio Miccù (Vicepresidente), Vincenzo Peretti ed Antimo Caputo ed ora riparte con l’obbiettivo prioritario di formare nuove generazioni di artigiani, nel complesso mondo della lievitazione. In primo piano anche l’esigenza di creare eventi per il recupero e la valorizzazione delle tradizioni partenopee dell’arte bianca. Ma le ambizioni non si fermano qui. Per Vincenzo Peretti, dell’Università degli Studi di Napoli Federico II: “Un altro obiettivo del Centro Studi sarà quello di innovare il settore sotto l’aspetto tecnologico e sperimentare con esperti del settore l’utilizzo di diverse tecniche di impasto per gestire al meglio le varie fasi di lavorazione ed offrire un valore aggiunto al prodotto”.
“Per il prossimo futuro, Napoli e i suoi protagonisti dell’arte bianca punteranno sempre più a tutelare la tradizione di queste attività, con lo sguardo al futuro e la mente alle innovazioni del settore” ha dichiarato Antimo Caputo, AD del Molino Caputo.