Cava de’ Tirreni. Carenze strutturali, chiuso l’asilo nido a Santa Lucia

0

Cava de’ Tirreni. Chiusure a effetto domino per i plessi scolastici nella frazione di Santa Lucia, sono infatti previsti lavori urgenti anche all’asilo di don Beniamino. Dopo la sospensione delle attività didattiche presso la scuola elementare di piazza Felici Baldi, infatti, è stata predisposta dall’amministrazione la chiusura per almeno 30 giorni anche dell’adiacente asilo privato della frazione per effettuare urgenti interventi di messa in sicurezza di alcuni ambienti. Le circostanze si sono rese necessarie all’indomani dei sopralluoghi preliminari predisposti dall’ufficio manutenzione che hanno rivelato una serie di criticità all’immobile comunale che ospita la scuola paritaria gestita da don Beniamino D’Arco, parroco locale. Sarà dunque fondamentale intervenire sia sulle la coperture e le travi dell’edifico che sulla facciata esterna e i cornicioni. La situazione tuttavia, pur non pur non evidenziando particolari problematiche in merito alla staticità complessiva dell’edifico scolastico, necessita di ulteriori verifiche e interventi per la messa in sicurezza e, al momento – sono previsti un minimo di 30 giorni di sospensione dell’attività didattica presso il plesso scolastico. (La Città di Salerno)   

Cava de’ Tirreni. Chiusure a effetto domino per i plessi scolastici nella frazione di Santa Lucia, sono infatti previsti lavori urgenti anche all’asilo di don Beniamino. Dopo la sospensione delle attività didattiche presso la scuola elementare di piazza Felici Baldi, infatti, è stata predisposta dall’amministrazione la chiusura per almeno 30 giorni anche dell’adiacente asilo privato della frazione per effettuare urgenti interventi di messa in sicurezza di alcuni ambienti. Le circostanze si sono rese necessarie all’indomani dei sopralluoghi preliminari predisposti dall’ufficio manutenzione che hanno rivelato una serie di criticità all’immobile comunale che ospita la scuola paritaria gestita da don Beniamino D’Arco, parroco locale. Sarà dunque fondamentale intervenire sia sulle la coperture e le travi dell’edifico che sulla facciata esterna e i cornicioni. La situazione tuttavia, pur non pur non evidenziando particolari problematiche in merito alla staticità complessiva dell’edifico scolastico, necessita di ulteriori verifiche e interventi per la messa in sicurezza e, al momento – sono previsti un minimo di 30 giorni di sospensione dell’attività didattica presso il plesso scolastico. (La Città di Salerno)