In uscita il nuovo libro di Antonio Mocciola “Il tempo degli amaranti”.

0

“IL TEMPO DEGLI AMARANTI”
il nuovo libro di Antonio Mocciola

 

L’autore partenopeo rispolvera un genere antiquato, il feuilleton alla Liala, e lo modernizza con una vera e propria operazione di falso storico, in chiave omosessuale.
Esce per Milena edizioni il nuovo libro di Antonio Mocciola, “Il tempo degli amaranti”. Un romanzo démodé che forse sarebbe piaciuto a Liala, ma in chiave rovesciata – la variabile omo, che spariglia tutte le carte: “Il tempo degli amaranti”, ovvero i fiori che secondo la tradizione greca non appassivano mai, è attraversato da una sottile inquietudine, una tensione palpabile e densa, che resta sospesa fino all’ultimo rigo.
“Ho voluto fare un omaggio – un bouquet di amaranti – alla scrittrice rosa per eccellenza – afferma Mocciola – prendendo lo schema classico del feuilletton e sporcandolo un po’. All’epoca l’omosessualità era molto presente, ma assai velata. Lei stessa era una proto-icona gay. Forse si sarebbe divertita con questo romanzetto. “Il tempo degli amaranti” è un falso storico. E la cosa mi piace moltissimo”.
Alberto, Silvana, Enzo e la Napoli del dopoguerra. I protagonisti si muovono tra passioni segrete, frasi non dette, pensieri sottintesi. La verità esplode quando la natura prende il sopravvento, l’omosessualità di Alberto, la vita nascosta di Silvana, una madre con un segreto sotto chiave e una sorella che conosce troppe verità. Fino a un finale rivelatore.

Il libro sarà presentato in anteprima nazionale al Buk Festival di Modena sabato 20 febbraio alle ore 16.30, e a Napoli al Chiaja Hotel de Charme mercoledì 24 febbraio alle ore 18.30

 

 


HERMES COMUNICAZIONE
Gianmarco Cesario (3804932026)
Antonio Mocciola (3920368048)

 

"IL TEMPO DEGLI AMARANTI"
il nuovo libro di Antonio Mocciola

 

L'autore partenopeo rispolvera un genere antiquato, il feuilleton alla Liala, e lo modernizza con una vera e propria operazione di falso storico, in chiave omosessuale.
Esce per Milena edizioni il nuovo libro di Antonio Mocciola, “Il tempo degli amaranti”. Un romanzo démodé che forse sarebbe piaciuto a Liala, ma in chiave rovesciata – la variabile omo, che spariglia tutte le carte: “Il tempo degli amaranti”, ovvero i fiori che secondo la tradizione greca non appassivano mai, è attraversato da una sottile inquietudine, una tensione palpabile e densa, che resta sospesa fino all'ultimo rigo.
“Ho voluto fare un omaggio – un bouquet di amaranti – alla scrittrice rosa per eccellenza – afferma Mocciola – prendendo lo schema classico del feuilletton e sporcandolo un po'. All'epoca l'omosessualità era molto presente, ma assai velata. Lei stessa era una proto-icona gay. Forse si sarebbe divertita con questo romanzetto. “Il tempo degli amaranti” è un falso storico. E la cosa mi piace moltissimo”.
Alberto, Silvana, Enzo e la Napoli del dopoguerra. I protagonisti si muovono tra passioni segrete, frasi non dette, pensieri sottintesi. La verità esplode quando la natura prende il sopravvento, l'omosessualità di Alberto, la vita nascosta di Silvana, una madre con un segreto sotto chiave e una sorella che conosce troppe verità. Fino a un finale rivelatore.

Il libro sarà presentato in anteprima nazionale al Buk Festival di Modena sabato 20 febbraio alle ore 16.30, e a Napoli al Chiaja Hotel de Charme mercoledì 24 febbraio alle ore 18.30

 

 


HERMES COMUNICAZIONE
Gianmarco Cesario (3804932026)
Antonio Mocciola (3920368048)