Pari vibrante del Massa Lubrense

0

I costieri agguantano il pareggio nel finale

 

Foto tratta dal diario di Facebook di sportinpenisola

 

Redazione – E’ stata una gara vibrante, ma alla fine è solo pari per il Massa Lubrense che lo agguanta nel finale con Maggino.

Un po’ poco per i ragazzi di mister Russo che in questa gara potevano contro un avversario che non è venuto al ‘Cerulli’ per fare le barricate, anzi per poco non faceva il colpaccio, ricavare qualcosa in più per risalire la china visto che il Castel San Giorgio è stato sconfitto a Montesarchio ma che ora dista solo tre punti non irrecuperabili. Comunque visto l’andazzo della partita, dalla quale poteva nascerci qualche soddisfazione o per l’una o per l’altra, il punto deve essere quello di un rilancio, visto che i massesi hanno sfiorato in varie occasioni il vantaggio, sia sotto il punto di vista mentale che del gioco. La salvezza, anche se non sarà diretta, ma attraverso i play out, non è una chimera.

Salvezza che per il Faiano non è ancora certa, ma giocando così nelle prossime gare lo sarà e lo si è visto subito quando all’inizio della gara al  3’ il tiro di Anastasio dalla distanza ha fatto volare Stinga in corner.

I nerazzurri rispondono per le rime e fanno correre un brivido sulla schiena di Senatore che vede la palla colpire il palo all’8’ dopo un’ottima azione personale di Maggino che lascia di stucco un difensore con un gioco di prestigio. La squadra della costiera sorrentina sale in cattedra al 20’ con Vitiello che recupera palla a centrocampo e parte il contropiede, poi innesca Arcobelli su cui salva Senatore.

L’incontro in questa fase è molto movimentato ma al 21’ il cross di Maggino da il la alla testa di Gargiulo che però manda la palla larga. I biancoverdi, dopo il momentaneo sbandamento, al 27’ vanno  alla conclusione con Ruggiero che però non ha buona fortuna. Ma poi si fanno per la seconda volta pericolosi quando siamo un primo prima della mezzora: Pellegrino dalla fascia destra mette per Di Giacomo sul secondo palo, la sua finalizzazione induce l’estremo nerazzurro al miracolo. La partita sale ancora di più di tono ma il Massa vuole la rete del vantaggio: 35’ Breglia serve Vitiello, gran tiro del centrocampista e la sfera è respinta da Senatore. Sulla ribattuta c’è il  tap-in vincente di Maggino che però è in fuorigioco. La squadra di mister Turco ancora una volta fa vedere qualche sorcio rosso a Stinga perché deve alzare in corner al 38’ la palla di testa di Calabrese.

L’ultimo brivido di una prima frazione vibrante lo da al 41’ Vitiello direttamente da un corner battuto dalla sinistra che smanaccia Senatore.

Dopo quindici minuti riecco che le due contendenti ritornano in campo per dare vita ad una ripresa non trascendentale ma in cui ci saranno le due reti che poi alla fine decideranno la partita. I due allenatori mettono sul verde manto sintetico delle forze fresche ma succede poco o nulla, solo una buona mole di gioco e qualche contrasto duro. I massesi subito sono in auge al 2’ con un angolo battuto da Breglia che è respinto della difesa, la sfera arriva a Vitiello che conclude alle stelle.

La squadra nerazzurra ci riprova di poter sfondare la rete biancoverde al 15’ con la punizione di Breglia da trenta metri circa ma la palla va larga. Zitto zitto il Faiano passa in vantaggio al 28’ con un’azione che mette in moto sulla fascia destra Martinangelo che crossa al centro, ma sulla traiettoria si trova Vanacore che per sua sfortuna mette alle spalle di Stinga.

La reazione massese è subitanea dopo sessanta secondi con un cross di Breglia con Gargiulo che è trattenuto in area ma per l’arbitro non si tratta di nulla e lascia correre. Poi al 38’ vi è una conclusione di Altieri dalla trequarti con la sfera che è poco larga. E’ il preludio al meritato pareggio costiero che avviene al 42’: Altieri serve Breglia che si invola sulla fascia sinistra e crossa in area per il tap-in vincente di Maggino. Sono minuti di un finale in cui il Massa cerca il raddoppio al 44’ con Breglia che crossa ma Senatore anticipa Maggino da due passi.

La vibrante gara si chiude al 49’ con Pellegrino che innesca Martinangelo che tutto solo calcia alle stelle. E tra sette giorni altro incontro casalingo contro l’ostica Ebolitana.

 

CAMPIONATO ECCELLENZA CAMPANIA 2015-16 – GIRONE B –21^ GIORNATA – 6^ RITORNO

MASSA LUBRENSE – FAIANO   1-1

Goals: st – 24’ aut Vanacore (ML), 42’ Maggino (ML).

 

MASSA LUBRENSE (4-4-2): Stinga; Vanacore, Buonomo, Di Donna, Breglia; Ambrosio (11’st Marino), Vinaccia, Gargiulo, Vitiello (34’st De Stefano); Maggino, Arcobelli (1’st Altieri).

A disp: Esposito O, Apreda, Cannavale, Esposito R.    Allen: Russo.

FAIANO (4-3-3): Senatore; Ruggiero, Mongiello, Calabrese, Fierro; Erra (35’st Di Lucia), Anastasio, Di Filippo, Pellegrino, Di Giacomo R, Martinagelo.

A disp: Ginolfi, Di Giacomo M, Pappalardo, Turco, Chiagone, Volpe.   Allen: Turco.

Arbitro: Oscar Ozzella di Benevanto.

Assistenti: Giliberto Sasso (Sala Consilina) – Gino Passaro (Salerno).

Ammonti: Ruggiero (F), Mongiello (F), Vinaccia (ML), Di Donna (ML), Senatore (F); Di Giacomo R (F).

Note: giornata quasi serena; erba sintetica buona; spettatori 150 circa.

Recupero: 1’pt e 5’st.

 

GIUSEPPE SPASIANO

I costieri agguantano il pareggio nel finale

 

Foto tratta dal diario di Facebook di sportinpenisola

 

Redazione – E’ stata una gara vibrante, ma alla fine è solo pari per il Massa Lubrense che lo agguanta nel finale con Maggino.

Un po’ poco per i ragazzi di mister Russo che in questa gara potevano contro un avversario che non è venuto al ‘Cerulli’ per fare le barricate, anzi per poco non faceva il colpaccio, ricavare qualcosa in più per risalire la china visto che il Castel San Giorgio è stato sconfitto a Montesarchio ma che ora dista solo tre punti non irrecuperabili. Comunque visto l’andazzo della partita, dalla quale poteva nascerci qualche soddisfazione o per l’una o per l’altra, il punto deve essere quello di un rilancio, visto che i massesi hanno sfiorato in varie occasioni il vantaggio, sia sotto il punto di vista mentale che del gioco. La salvezza, anche se non sarà diretta, ma attraverso i play out, non è una chimera.

Salvezza che per il Faiano non è ancora certa, ma giocando così nelle prossime gare lo sarà e lo si è visto subito quando all’inizio della gara al  3’ il tiro di Anastasio dalla distanza ha fatto volare Stinga in corner.

I nerazzurri rispondono per le rime e fanno correre un brivido sulla schiena di Senatore che vede la palla colpire il palo all’8’ dopo un’ottima azione personale di Maggino che lascia di stucco un difensore con un gioco di prestigio. La squadra della costiera sorrentina sale in cattedra al 20’ con Vitiello che recupera palla a centrocampo e parte il contropiede, poi innesca Arcobelli su cui salva Senatore.

L’incontro in questa fase è molto movimentato ma al 21’ il cross di Maggino da il la alla testa di Gargiulo che però manda la palla larga. I biancoverdi, dopo il momentaneo sbandamento, al 27’ vanno  alla conclusione con Ruggiero che però non ha buona fortuna. Ma poi si fanno per la seconda volta pericolosi quando siamo un primo prima della mezzora: Pellegrino dalla fascia destra mette per Di Giacomo sul secondo palo, la sua finalizzazione induce l’estremo nerazzurro al miracolo. La partita sale ancora di più di tono ma il Massa vuole la rete del vantaggio: 35’ Breglia serve Vitiello, gran tiro del centrocampista e la sfera è respinta da Senatore. Sulla ribattuta c’è il  tap-in vincente di Maggino che però è in fuorigioco. La squadra di mister Turco ancora una volta fa vedere qualche sorcio rosso a Stinga perché deve alzare in corner al 38’ la palla di testa di Calabrese.

L’ultimo brivido di una prima frazione vibrante lo da al 41’ Vitiello direttamente da un corner battuto dalla sinistra che smanaccia Senatore.

Dopo quindici minuti riecco che le due contendenti ritornano in campo per dare vita ad una ripresa non trascendentale ma in cui ci saranno le due reti che poi alla fine decideranno la partita. I due allenatori mettono sul verde manto sintetico delle forze fresche ma succede poco o nulla, solo una buona mole di gioco e qualche contrasto duro. I massesi subito sono in auge al 2’ con un angolo battuto da Breglia che è respinto della difesa, la sfera arriva a Vitiello che conclude alle stelle.

La squadra nerazzurra ci riprova di poter sfondare la rete biancoverde al 15’ con la punizione di Breglia da trenta metri circa ma la palla va larga. Zitto zitto il Faiano passa in vantaggio al 28’ con un’azione che mette in moto sulla fascia destra Martinangelo che crossa al centro, ma sulla traiettoria si trova Vanacore che per sua sfortuna mette alle spalle di Stinga.

La reazione massese è subitanea dopo sessanta secondi con un cross di Breglia con Gargiulo che è trattenuto in area ma per l’arbitro non si tratta di nulla e lascia correre. Poi al 38’ vi è una conclusione di Altieri dalla trequarti con la sfera che è poco larga. E’ il preludio al meritato pareggio costiero che avviene al 42’: Altieri serve Breglia che si invola sulla fascia sinistra e crossa in area per il tap-in vincente di Maggino. Sono minuti di un finale in cui il Massa cerca il raddoppio al 44’ con Breglia che crossa ma Senatore anticipa Maggino da due passi.

La vibrante gara si chiude al 49’ con Pellegrino che innesca Martinangelo che tutto solo calcia alle stelle. E tra sette giorni altro incontro casalingo contro l’ostica Ebolitana.

 

CAMPIONATO ECCELLENZA CAMPANIA 2015-16 – GIRONE B –21^ GIORNATA – 6^ RITORNO

MASSA LUBRENSE – FAIANO   1-1

Goals: st – 24’ aut Vanacore (ML), 42’ Maggino (ML).

 

MASSA LUBRENSE (4-4-2): Stinga; Vanacore, Buonomo, Di Donna, Breglia; Ambrosio (11’st Marino), Vinaccia, Gargiulo, Vitiello (34’st De Stefano); Maggino, Arcobelli (1’st Altieri).

A disp: Esposito O, Apreda, Cannavale, Esposito R.    Allen: Russo.

FAIANO (4-3-3): Senatore; Ruggiero, Mongiello, Calabrese, Fierro; Erra (35’st Di Lucia), Anastasio, Di Filippo, Pellegrino, Di Giacomo R, Martinagelo.

A disp: Ginolfi, Di Giacomo M, Pappalardo, Turco, Chiagone, Volpe.   Allen: Turco.

Arbitro: Oscar Ozzella di Benevanto.

Assistenti: Giliberto Sasso (Sala Consilina) – Gino Passaro (Salerno).

Ammonti: Ruggiero (F), Mongiello (F), Vinaccia (ML), Di Donna (ML), Senatore (F); Di Giacomo R (F).

Note: giornata quasi serena; erba sintetica buona; spettatori 150 circa.

Recupero: 1’pt e 5’st.

 

GIUSEPPE SPASIANO