Castellammare – Fincantieri, sospeso lo sciopero

0

Dopo la protesta di ieri mattina, i rappresentati dei lavoratori sono stati ricevuti nel pomeriggio dal Prefetti di Napoli Andrea De Martino. All’incontro hanno preso parte anche il sindaco di Castellammare di Stabia, Luigi Bobbio, l’assessore regionale Severino Nappi ed il responsabile dei rapporti istituzionali di Fincantieri, Marcello Sorrentino. Un incontro che si è rivelato soddisfacente per i lavoratori tanto da far sospendere lo sciopero che durava ormai da otto giorni. Il prefetto si è fatto garante nei confronti dei lavoratori sia per la realizzazione del bacino che per la buona conclusione del bando per la costruzione dei due pattugliatori. “Dobbiamo dare atto al sindaco Bobbio – ha dichiarato subito dopo l’incontro Luigi Scarica, sindacalista Failms – di essere intervenuto in maniera precisa e determinante nella vicenda. E’ stata molto apprezzata la sua relazione”. Importante anche l’apertura da parte della regione che ha promesso l’avvio di un tavolo di lavoro, a partire dal prossimo 11 ottobre, per pianificare la realizzazione del bacino di costruzione a Castellammare di Stabia, unica ancora di salvezza per il cantiere stabiese. Un puzzle, quindi, che sembra a poco a poco completarsi. Un processo di riconversione che deve vedere impegnati in ugual misura, l’azienda, la regione ed il Governo centrale. Se regione e Fincantieri hanno fatto i primi passi, ci si aspetta ora quello forse più importante, quello del premier Silvio Berlusconi che i lavoratori hanno più volte chiesto di incontrare. Un incontro che poteva svolgersi proprio il 1 ottobre prossimo, quando a Roma era prevista la manifestazione della cantieristica navale. Manifestazione che, invece, è saltata avendo ritirato la propria partecipazione due sigle sindacali su tre. La Fiom era disposta a partecipare anche da sola, ma non gli è stata concessa la necessaria autorizzazione. Altro passaggio importante nel corso dell’incontro è stata la conferma della cassa integrazione per gli operai Fincantieri di Castellammare anche per tutto il 2011, anche se non sono state definite le modalità di rinnovo, se per l’interno anno o trimestralmente.

Michele Pappacoda