MAIORI: quando si dice “Sostegno disinteressato”. Fiorillo attacca Capone sull’incarico all’avvocato Arpino

0

Maiori, Costiera amalfitana . Nonostante le segnalazioni e le interrogazioni già presentate dal gruppo consiliare Civitas 2.0, l’amministrazione comunale di Maiori continua a distribuire incarichi professionali e lavori in maniera arbitraria, senza gara né analisi di mercato. A nulla sono valsi i richiami rispetto ad appalti assegnati a familiari di consiglieri o a ditte “solite”; in maniera sfrontata si continua a dare lavoro alle stesse imprese, talvolta anche in maniera diseconomica , vedasi l’interrogazione sulla pulizia delle palestre. L’ultimo della serie è l’incarico professionale assegnato all’avvocato Arpino, notoriamente vicino alla lista del Sindaco di cui è stato il presentatore nel corso delle scorse elezioni; addirittura i candidati avevano eletto domicilio, in fase elettorale, presso lo studio dell’avvocato. Si ricorda che Arpino è stato anche Vicesindaco e consigliere nelle precedenti esperienze amministrative di Capone. L’incarico, per oltre 10.000 Euro, riguarda, tra l’altro, una causa rispetto alla quale gran parte della fase istruttoria è stata già realizzata da altri professionisti. Si ricorda che l’avvocato Arpino era già stato nominato dall’amministrazione quale membro della commissione paesaggistica. Civitas 2.0 ha presentato l’ennesima interrogazione al Sindaco e all’Assessore alla “trasparenza Amministrativa”, Raffaele Cipresso, che, dai banchi dell’opposizione, più volte si era scagliato contro l’amministrazione precedente denunciando presunti favoritismi. Quello che si chiede, a prescindere dalla legittimità di tali incarichi assegnati in maniera arbitraria, è se questo “modus operandi” ormai consolidato dall’amministrazione Capone, sia in linea con i principi di trasparenza e imparzialità sventolati prima dai banchi dell’opposizione e poi in campagna elettorale.

Maiori, Costiera amalfitana . Nonostante le segnalazioni e le interrogazioni già presentate dal gruppo consiliare Civitas 2.0, l’amministrazione comunale di Maiori continua a distribuire incarichi professionali e lavori in maniera arbitraria, senza gara né analisi di mercato. A nulla sono valsi i richiami rispetto ad appalti assegnati a familiari di consiglieri o a ditte “solite”; in maniera sfrontata si continua a dare lavoro alle stesse imprese, talvolta anche in maniera diseconomica , vedasi l’interrogazione sulla pulizia delle palestre. L’ultimo della serie è l’incarico professionale assegnato all’avvocato Arpino, notoriamente vicino alla lista del Sindaco di cui è stato il presentatore nel corso delle scorse elezioni; addirittura i candidati avevano eletto domicilio, in fase elettorale, presso lo studio dell’avvocato. Si ricorda che Arpino è stato anche Vicesindaco e consigliere nelle precedenti esperienze amministrative di Capone. L’incarico, per oltre 10.000 Euro, riguarda, tra l’altro, una causa rispetto alla quale gran parte della fase istruttoria è stata già realizzata da altri professionisti. Si ricorda che l’avvocato Arpino era già stato nominato dall’amministrazione quale membro della commissione paesaggistica. Civitas 2.0 ha presentato l’ennesima interrogazione al Sindaco e all’Assessore alla “trasparenza Amministrativa”, Raffaele Cipresso, che, dai banchi dell’opposizione, più volte si era scagliato contro l’amministrazione precedente denunciando presunti favoritismi. Quello che si chiede, a prescindere dalla legittimità di tali incarichi assegnati in maniera arbitraria, è se questo “modus operandi” ormai consolidato dall’amministrazione Capone, sia in linea con i principi di trasparenza e imparzialità sventolati prima dai banchi dell’opposizione e poi in campagna elettorale.