Stasera Spezia e Alessandria, in Coppa

0

 

IN DIRETTA alle 20 SU RAISPORT 1

Spezia e Alessandria, un quarto di nobiltà in Coppa

Sfida inedita oggi al Picco tra le due rivelazioni del torneo: chi si qualifica, affronterà il Milan in semifinale

LA SPEZIA (atc) – Febbre alta per la sfida che vale una semifinale storica contro il Milan. Per questo la cornice di pubblico è quella del grande evento e con l’Alessandria saranno novemila gli spettatori al Picco. Mimmo Di Carlo vuole fortemente la semifinale dopo l’impresa di avere superato la Roma negli ottavi di finale all’Olimpico. «Bisogna avere quella determinazione e quel coraggio che ti porta a vincere la gara – sono le parole del tecnico spezzino – dovremo entrare in campo pronti per una battaglia, giocare con coraggio ed intensità, sfruttando al meglio il fattore “Picco”, perché queste gare si vincono anche col pubblico».  
Spezia in campo a distanza di pochi giorni dalla gara col Bari in campionato. «Abbiamo avuto soltanto due giorni per preparare la sfida, ma gare così si preparano da sole perché la posta in palio è altissima. Vogliamo regalarci il Milan e scrivere una bellissima pagina nella storia dello Spezia». Poi mette in guardia la squadra sull’Alessandria. «Non dobbiamo cadere nell’errore di pensare che essendo noi una squadra di categoria superiore tutto sia scontato, basta guardare cosa siamo riusciti a fare noi in casa della Roma, ribaltando il pronostico». All’attacco dei bianchi chiede più concretezza rispetto alla sfida con il Bari. «Hanno qualità e sono sicuro che in una gara secca sapranno fare la differenza». 
 
ALESSANDRIA. (Riccardo Guglielmetti/Ass) Non vuole smettere di sognare la formazione di Gregucci. Le tre reti incassate nell’anticipo con la Feralpi sono state un boccone troppo amaro da mandare giù. Adesso però è arrivato il momento della Coppa Italia, dove la squadra piemontese si è rivelata una sorpresa. Dopo il tris rifilato al Palermo, i piemontesi sono riusciti ad espugnare Marassi, superando negli ottavi il Genoa. La sfida contro lo Spezia rappresenta il trampolino verso una storica semifinale con il Milan. Gregucci preferisce però tenere la testa sui liguri: «C’è voglia di riscattare il passo falso di venerdì – ha analizzato il tecnico dell’Alessandria – è stata una partita deludente sotto ogni profilo, il cui il risultato lascia pochi commenti. La Coppa Italia è senza dubbio un’opportunità – ha proseguito – anche se il nostro obiettivo rimane il campionato».  
In città c’è grande attesa per questo appuntamento, tanto che in Piazza del Duomo sarà allestito il maxischermo: «Siamo consapevoli del valore di questa sfida – ha concluso tecnico – faremo di tutto per non tradire le attese dei nostri tifosi. Un successo sarebbe un’ulteriore iniezione di fiducia». Contro i bianchi di Di Carlo, Gregucci conferma il 4-3-3. Rispetto alla partita di venerdì, sulla corsia destra ci sarà Celjak, mentre al centro della difesa Sirri prenderà il posto di Morero. In avanti fiducia in Bocalon, sostenuto da Marras e Fischnaller.

 

 

Allenatore: 
Di Carlo 
A disposizione: 12 Sluga, 5 Postigo, 16 Crocchianti, 15 Errasti, 20 Kvrzic, 10 Catellani, 18 Situm, 14 Rossi, 25 Ciurria. Indisponibili:Acampora, Martic, A.Piccolo, Tamas, Milos.  
Squalificati: nessuno. Diffidati: nessuno.

Allenatore: Gregucci 
A disposizione: 1 Nordi, 5 Morero, 22 Vitofrancesco,  
13 Boniperti, 2 Picone, 3 Terigi, 9 Marconi, 23 Sperotto, 21 Loviso, 16 Cittadino. 
Indisponibili: Iunco, Manfrin.  
Squalificati: nessuno.  
Diffidati: nessuno.

LA SPEZIA stadio Picco, ore 20 
ARBITRO: Tagliavento di Terni. Guardalinee: Paganessi e Ranghetti. Quarto uomo: Irrati.  
PREZZI: 30, 15, 10 euro. TV: RaiSport 1. 

RightAlign.158SPEZIA4-4-2

RightAlign.158ALESSANDRIA4-3-3

fonte:corrieredellosport

 
IN DIRETTA alle 20 SU RAISPORT 1
Spezia e Alessandria, un quarto di nobiltà in Coppa
Sfida inedita oggi al Picco tra le due rivelazioni del torneo: chi si qualifica, affronterà il Milan in semifinale
LA SPEZIA (atc) – Febbre alta per la sfida che vale una semifinale storica contro il Milan. Per questo la cornice di pubblico è quella del grande evento e con l’Alessandria saranno novemila gli spettatori al Picco. Mimmo Di Carlo vuole fortemente la semifinale dopo l’impresa di avere superato la Roma negli ottavi di finale all’Olimpico. «Bisogna avere quella determinazione e quel coraggio che ti porta a vincere la gara – sono le parole del tecnico spezzino – dovremo entrare in campo pronti per una battaglia, giocare con coraggio ed intensità, sfruttando al meglio il fattore “Picco”, perché queste gare si vincono anche col pubblico».  
Spezia in campo a distanza di pochi giorni dalla gara col Bari in campionato. «Abbiamo avuto soltanto due giorni per preparare la sfida, ma gare così si preparano da sole perché la posta in palio è altissima. Vogliamo regalarci il Milan e scrivere una bellissima pagina nella storia dello Spezia». Poi mette in guardia la squadra sull’Alessandria. «Non dobbiamo cadere nell’errore di pensare che essendo noi una squadra di categoria superiore tutto sia scontato, basta guardare cosa siamo riusciti a fare noi in casa della Roma, ribaltando il pronostico». All’attacco dei bianchi chiede più concretezza rispetto alla sfida con il Bari. «Hanno qualità e sono sicuro che in una gara secca sapranno fare la differenza». 
 
ALESSANDRIA. (Riccardo Guglielmetti/Ass) Non vuole smettere di sognare la formazione di Gregucci. Le tre reti incassate nell’anticipo con la Feralpi sono state un boccone troppo amaro da mandare giù. Adesso però è arrivato il momento della Coppa Italia, dove la squadra piemontese si è rivelata una sorpresa. Dopo il tris rifilato al Palermo, i piemontesi sono riusciti ad espugnare Marassi, superando negli ottavi il Genoa. La sfida contro lo Spezia rappresenta il trampolino verso una storica semifinale con il Milan. Gregucci preferisce però tenere la testa sui liguri: «C’è voglia di riscattare il passo falso di venerdì – ha analizzato il tecnico dell’Alessandria – è stata una partita deludente sotto ogni profilo, il cui il risultato lascia pochi commenti. La Coppa Italia è senza dubbio un’opportunità – ha proseguito – anche se il nostro obiettivo rimane il campionato».  
In città c’è grande attesa per questo appuntamento, tanto che in Piazza del Duomo sarà allestito il maxischermo: «Siamo consapevoli del valore di questa sfida – ha concluso tecnico – faremo di tutto per non tradire le attese dei nostri tifosi. Un successo sarebbe un’ulteriore iniezione di fiducia». Contro i bianchi di Di Carlo, Gregucci conferma il 4-3-3. Rispetto alla partita di venerdì, sulla corsia destra ci sarà Celjak, mentre al centro della difesa Sirri prenderà il posto di Morero. In avanti fiducia in Bocalon, sostenuto da Marras e Fischnaller.
 
 
Allenatore: 
Di Carlo 
A disposizione: 12 Sluga, 5 Postigo, 16 Crocchianti, 15 Errasti, 20 Kvrzic, 10 Catellani, 18 Situm, 14 Rossi, 25 Ciurria. Indisponibili:Acampora, Martic, A.Piccolo, Tamas, Milos.  
Squalificati: nessuno. Diffidati: nessuno.
Allenatore: Gregucci 
A disposizione: 1 Nordi, 5 Morero, 22 Vitofrancesco,  
13 Boniperti, 2 Picone, 3 Terigi, 9 Marconi, 23 Sperotto, 21 Loviso, 16 Cittadino. 
Indisponibili: Iunco, Manfrin.  
Squalificati: nessuno.  
Diffidati: nessuno.
LA SPEZIA stadio Picco, ore 20 
ARBITRO: Tagliavento di Terni. Guardalinee: Paganessi e Ranghetti. Quarto uomo: Irrati.  
PREZZI: 30, 15, 10 euro. TV: RaiSport 1. 
RightAlign.158SPEZIA4-4-2
RightAlign.158ALESSANDRIA4-3-3
fonte:corrieredellosport