Coffee Brecht al Nostos Teatro di Aversa

0

Rassegna di Improvvisazione Teatrale curata dall’omonimo gruppo

 

 

La cantautrice Katres

 

Aversa – Parte Coffee Brecht al Nostos Teatro di Aversa che è una rassegna di Improvvisazione Teatrale curata dall’omonimo gruppo.

Tre gli appuntamenti fissati per ora: si inizia domenica 17 gennaio alle 20.00 con Sottofondi  di Coffee Brecht, nella domenica 28 febbraio, sarà la volta di QFC Teatro con Harold. La rassegna si concluderà con Il Parassita di Teatribù, con Mico Pugliares, domenica 17 aprile.

I  SOTTOFONDI di Coffee Brecht sono in scena appunto la terza domenica di gennaio: parola, musica ed improvvisazione.

Dove si sospende il quotidiano e le sue convenzioni. Dove si racconta la vita attraverso i codici di una poesia, di un monologo, di brevi racconti che nascono nell’istante stesso in cui vengono narrati, con le note e la voce della cantautrice Katres.

La Coffee Brecht è una compagnia di improvvisattori provenienti dall’omonima scuola napoletana nata nel 2009.

Poi la sarà la volta il 28 Febbraio di ‘Harold’ della QFC Teatro (Quella Famosa Compagnia), sempre alla stessa ora, cioè alle 20,00.

Lo spettacolo di ‘Long Form’, è un format di origine anglosassone che prevede la costruzione di storie improvvisate di ampio respiro. In particolare ‘Harold’ inizia con un suggerimento del pubblico, solitamente una frase o una parola. Le diverse improvvisazioni, che si sviluppano in parallelo ed indipendenti tra loro, contengono elementi comuni, perché nate dal medesimo suggerimento. Si alternano, si intersecano e confluiscono in un unico grande sviluppo del tema dato. Caratteristiche forti del lavoro sono l’utilizzo e l’associazione di differenti linguaggi teatrali, dal naturalistico all’onirico, dal poetico al cantato, per finire all’espressione corporea.

La QFC nasce nel 2008 come compagnia di attori improvvisatori professionisti, i quali, dopo anni di lavoro, hanno deciso di unire le proprie professionalità, pur vivendo in cinque città diverse, in un progetto ambizioso ed unico: realizzare, in ambito teatrale, un circuito di scambio, produzione e formazione transregionale, che punti, oltre alla realizzazione di spettacoli, anche alla loro circuitazione nelle maggiori città italiane.

L’ultimo appuntamento è ‘Il Parassita’ dell’associazione culturale Teatribù, nata a Milano nel 1999 con lo scopo di promuovere l’improvvisazione teatrale, l’arte dello stare in scena senza testo, con Mico Pugliares, va sempre in onda alla ore 20,00.

Il parassita usa il suo ospite. Il parassita vive meno del suo ospite. Il parassita si relaziona con un solo ospite per volta e se ne nutre. Lo sfrutta. Ne fa casa e cibo. Ne fa ricovero e dispensa. Il parassita ha necessità del suo ospite e al contempo lo spolpa.

Anche gli attori sul palco fanno questo, e come perfetti parassiti si nutrono della scenografia e del progetto luci di uno spettacolo già esistente, quello che trovano nel teatro che li ospita, per dare vita a uno spettacolo di improvvisazione teatrale che nasce al momento, seguendo le indicazioni e i suggerimenti del pubblico.

Uno spettacolo mai visto prima né replicabile… è chiaro? Se non è chiaro andate a vederlo.

  Mico Pugliares

 

Giorgio Rosa presidente Coffee Brecht

 

 

GIUSEPPE SPASIANO

 

 

 

Rassegna di Improvvisazione Teatrale curata dall’omonimo gruppo

 

 

La cantautrice Katres

 

Aversa – Parte Coffee Brecht al Nostos Teatro di Aversa che è una rassegna di Improvvisazione Teatrale curata dall’omonimo gruppo.

Tre gli appuntamenti fissati per ora: si inizia domenica 17 gennaio alle 20.00 con Sottofondi  di Coffee Brecht, nella domenica 28 febbraio, sarà la volta di QFC Teatro con Harold. La rassegna si concluderà con Il Parassita di Teatribù, con Mico Pugliares, domenica 17 aprile.

I  SOTTOFONDI di Coffee Brecht sono in scena appunto la terza domenica di gennaio: parola, musica ed improvvisazione.

Dove si sospende il quotidiano e le sue convenzioni. Dove si racconta la vita attraverso i codici di una poesia, di un monologo, di brevi racconti che nascono nell’istante stesso in cui vengono narrati, con le note e la voce della cantautrice Katres.

La Coffee Brecht è una compagnia di improvvisattori provenienti dall’omonima scuola napoletana nata nel 2009.

Poi la sarà la volta il 28 Febbraio di ‘Harold’ della QFC Teatro (Quella Famosa Compagnia), sempre alla stessa ora, cioè alle 20,00.

Lo spettacolo di ‘Long Form’, è un format di origine anglosassone che prevede la costruzione di storie improvvisate di ampio respiro. In particolare ‘Harold’ inizia con un suggerimento del pubblico, solitamente una frase o una parola. Le diverse improvvisazioni, che si sviluppano in parallelo ed indipendenti tra loro, contengono elementi comuni, perché nate dal medesimo suggerimento. Si alternano, si intersecano e confluiscono in un unico grande sviluppo del tema dato. Caratteristiche forti del lavoro sono l’utilizzo e l’associazione di differenti linguaggi teatrali, dal naturalistico all’onirico, dal poetico al cantato, per finire all’espressione corporea.

La QFC nasce nel 2008 come compagnia di attori improvvisatori professionisti, i quali, dopo anni di lavoro, hanno deciso di unire le proprie professionalità, pur vivendo in cinque città diverse, in un progetto ambizioso ed unico: realizzare, in ambito teatrale, un circuito di scambio, produzione e formazione transregionale, che punti, oltre alla realizzazione di spettacoli, anche alla loro circuitazione nelle maggiori città italiane.

L’ultimo appuntamento è ‘Il Parassita’ dell’associazione culturale Teatribù, nata a Milano nel 1999 con lo scopo di promuovere l’improvvisazione teatrale, l’arte dello stare in scena senza testo, con Mico Pugliares, va sempre in onda alla ore 20,00.

Il parassita usa il suo ospite. Il parassita vive meno del suo ospite. Il parassita si relaziona con un solo ospite per volta e se ne nutre. Lo sfrutta. Ne fa casa e cibo. Ne fa ricovero e dispensa. Il parassita ha necessità del suo ospite e al contempo lo spolpa.

Anche gli attori sul palco fanno questo, e come perfetti parassiti si nutrono della scenografia e del progetto luci di uno spettacolo già esistente, quello che trovano nel teatro che li ospita, per dare vita a uno spettacolo di improvvisazione teatrale che nasce al momento, seguendo le indicazioni e i suggerimenti del pubblico.

Uno spettacolo mai visto prima né replicabile… è chiaro? Se non è chiaro andate a vederlo.

  Mico Pugliares

 

Giorgio Rosa presidente Coffee Brecht

 

 

GIUSEPPE SPASIANO