Parla il medico della ragazza morta per l’aborto al Cardarelli “L’ho fatta nascere io, mi è morta tra le braccia”

0

Parla il medico della ragazza morta pochi giorni fa al Cardarelli, dopo un’operazione per un aborto

“E’ nata tra le mie mani ed è anche morta tra le mie braccia” dice il medico sotto choc.

La giovane nata nell’anno 1996, se gli avessero detto quello che sarebbe accaduto dopo quasi vent’anni, Fulvio De Simone non avrebbe mai potuto crederci. Una storia assurda, una casualità da far venire i brividi ,una coincidenza che contribuisce a rendere questa storia ancora più drammatica. Dirigente medico dell’Unità di ostetricia e ginecologia dell’ospedale Cardarelli, il dottore De Simone, professionista stimato nell’ambiente, quella bambina non l’aveva mai più vista dal giorno in cui, nella sua culletta, lasciò la casa di cura dell’hinterland napoletano. L’ha incontrata di nuovo qualche settimana fa, la «piccola» Gabriella, quando una bella mattina se l’è vista spuntare in reparto per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza.

Parla il medico della ragazza morta pochi giorni fa al Cardarelli, dopo un'operazione per un aborto

"E' nata tra le mie mani ed è anche morta tra le mie braccia" dice il medico sotto choc.

La giovane nata nell'anno 1996, se gli avessero detto quello che sarebbe accaduto dopo quasi vent’anni, Fulvio De Simone non avrebbe mai potuto crederci. Una storia assurda, una casualità da far venire i brividi ,una coincidenza che contribuisce a rendere questa storia ancora più drammatica. Dirigente medico dell’Unità di ostetricia e ginecologia dell’ospedale Cardarelli, il dottore De Simone, professionista stimato nell’ambiente, quella bambina non l’aveva mai più vista dal giorno in cui, nella sua culletta, lasciò la casa di cura dell’hinterland napoletano. L’ha incontrata di nuovo qualche settimana fa, la «piccola» Gabriella, quando una bella mattina se l’è vista spuntare in reparto per un intervento di interruzione volontaria di gravidanza.