Napoli,insieme verso la vetta.Buon compleanno Mister – Chance per il Napoli -il Sassuolo batte l’Inter

0

FROSINONE-NAPOLI ore 15 FORMAZIONI UFFICIALI

                    fuori Insigne e Ghoulam

Frosinone (4-4-2): Zappino; M. Ciofani, Diakité, Blanchard, Crivello; Sammarco, Gucher, Kragl,Paganini; D. Ciofani, Dionisi. 
A disp.: Gomis, Leali, Ajeti, Bertoncini, Russo, Gori, Frara, Chibsah, Soddimo, Tonev, Longo. All.:Stellone 
Squalificati: Pavlovic (1)
Indisponibili: Rosi, Carlini

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Strinic; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain,Mertens
A disp.: Gabriel, Rafael, Ghoulam, Chiriches, Luperto, Valdifiori, Maggio, D. Lopez, Chalobah, El Kaddouri, Insigne, Gabbiadini. All.: Sarri
Indisponibili: Henrique, Dezi

                   Grazie Sassuolo

      L’Inter cade in casa col Sassuolo                

                      BUON COMPLEANNO MISTER!

Maurizio Sarri compie 57 anni. Il tecnico azzurro è nato a Napoli il 10 gennaio del 1959.

A Sarri vanno gli auguri di tutta la redazione di Positanonews

Miki De Lucia per Positanonews

Tra poche ore  gi azzurri di Sarri  affronteranno  in trasferta il Frosinone di Stellone  nella partita valida per la diciannovesima giornata del campionato di Serie A 2015/16. La partita si giocherà allo Stadio Matusa  e sarà diretta dall’arbitro Paolo Tagliavento di Terni assistito da De Luca e Ranghetti (guardalinee) ,  Celi e Chiffi (addizionali d’area). Giallatini , quarto uomo.( Tagliavento ritrova il Napoli esattamente dopo un anno, dopo le polemiche di Napoli-Juventus (1-3) dell’11 gennaio 2015). 

                                    Napoli attenzione a Tagliavento

Paolo Tagliavento, classe 1972, appartiene alla sezione di Terni. Parrucchiere nella sua citta’ viene promosso alla C.A.N. C nel 2001, e sotto tale organo tecnico riesce ad accumulare 24 presenze in Serie C1 (compresa la finale play-off Pescara-Martina del 2003); dopo sole 2 stagioni di permanenza (record detenuto assieme a Trefoloni e Guida) viene premiato con il passaggio alla C.A.N. A-B, per decisione dell’allora designatore Maurizio Mattei. Durante la prima stagione sotto la nuova categoria, riesce subito a debuttare in Serie A: il 16 maggio 2004 in occasione di Chievo-Bologna. Nel 2006 viene coinvolto nell’inchiesta relativa a Calciopoli, poiché il suo nome compare nei verbali di alcune intercettazioni oggetto dell’indagine: viene però scagionato dalle accuse nell’ambito del procedimento della giustizia sportiva. Il 1º gennaio 2007 è nominato arbitro internazionale. Nel giugno seguente, viene designato dall’UEFA per la finale della Regions’ Cup, la massima competizione per squadre amatoriali del continente. Al termine della stagione 2013-14 ha diretto 157 partite del campionato italiano, tra cui: un derby d’Italia, due derby della Lanterna, tre derby di Roma, un derby di Milano, un Juventus-Roma, due Roma-Milan, un Juventus-Milan e un Inter-Roma.Il 12 maggio 2010 è designato come “addizionale” di porta per la finale di Europa League, giocata ad Amburgo tra Atlético Madrid e Fulham e diretta dal connazionale Nicola Rizzoli. Il 3 luglio 2010, con la scissione della C.A.N. A-B in C.A.N. A e C.A.N. B, viene inserito nell’organico della C.A.N. A. Nel luglio 2010 viene insignito del Premio Mauro, destinato all’arbitro italiano particolarmente distintosi nel corso della stagione 2009-2010. L’8 dicembre 2010 fa il suo esordio nella fase a gironi della UEFA Champions League: dirige un match dell’ultima giornata, tra Arsenal e Partizan Belgrado.  Il 1º gennaio 2011 viene promosso nella categoria arbitrale UEFA Premier Development. Nel giugno successivo è tra i fischietti designati dall’UEFA per dirigere ai campionati europei di calcio Under 21 in Danimarca, qui dirige due partite della fase a gironi, e la finalissima tra Svizzera e Spagna. Dal 1º gennaio 2012 è inserito nella massima categoria degli arbitri europei, quella “Elite”. Nel febbraio 2012, dopo aver fatto il suo esordio nella fase a eliminazione diretta della Champions League dirigendo l’andata di un ottavo di finale tra Lione ed APOEL Nicosia, è designato anche per una prestigiosa amichevole tra nazionali, Germania-Francia. Nel marzo del 2012 è selezionato ufficialmente come arbitro di porta in vista dell’Europeo 2012, nella squadra arbitrale diretta da Rizzoli. Il 20 maggio 2013 viene designato come arbitro di porta in occasione della finale di Champions League tra Borussia Dortmund e Bayern Monaco a Wembley. Il suo arbitraggio viene elogiato dal noto critico arbitrale Federico Galtieri.

Sicuramente nella mente di Stellone sfilera’ il film  dell’esistenza, i fotogrammi di un’epoca che rimane dentro,il Napoli e la citta’ di Napoli rimane per sempre nel cuore.I ricordi restano,e le emozioni sono quelle  di un ragazzo inuitivo maturo e di un bravo allenatore.Non si puo’ dimenticare il Napoli nel quale è stato capitano,un ragazzo con il fiuto del gol .Lo Stellone che un mattino,  si presenta a Soccavo all’allenamento con un’iguana al guinzaglio, non è (semplicemente) la manifestazione dell’originalità, o il desiderio di stupire, ma una «maschera» per nascondere una timidezza di fondo.  

Ferlaino investi cinque milioni per portarlo a Napoli in tandem con Bellucci, in quel Napoli che con Walter Novellino in panchina riesce a scappare via dall’infamante dimensione della serie B: dieci gol gli bastano per diventare idolo, per illuminare il San Paolo, per lasciargli immaginare d’avere tra le mani un modello di attaccante moderno da plasmare.  Concluderà la sua avventura a Napoli con 33 goal in 102 partite tra Serie A, serie B e Coppa Italia.

Stellone è consapevole della forza degli azzurri,ma è anche cosciente che il Frosinone ha raccolto 13 punti degli attuali 15 punti in classifica proprio al Matusa.I ciociari si trovano al terz’ultimo posto con la peggior difesa del  campionato (36 gol subiti) dovrà vedersela col terzo migliore attacco del campionato. I numeri però non devono tradire i partenopei: quello col Frosinone non è un match da sottovalutare.Il Frosinone. Ha fiducia, è a un solo punto dalla zona-salvezza». 

 

PROBABILI FORMAZIONI

 Roberto Stellone contro la sua ex squadra confermerà il suo 4-3-3, ma rinunciando allo squalificato Pavlovic e agli infortunati Rosi e Carlini

Frosinone (4-3-3): Leali; M. Ciofani, Diakitè, Ajeti, Crivello; Chibsah, Gucher, Sammarco; Paganini, D. Ciofani, Dionisi. All. Stellone.

 Napoli secondo a quota 38 punti come la Fiorentina. +8 rispetto alla scorsa stagione. Azzurri imbattuti nei 2 precedenti assoluti di Serie B contro il Frosinone: 1 vittoria e 1 pareggio

Tornano Allan e Jorginho, in panchina al San Paolo contro il Torino. Si ricompone il centrocampo tipo, escono David Lopez e Valdifiori. Riecco i brasiliani, quelli che percorrono più chilometri in partita, i due rubapalloni, quelli che assicurano maggiore sostanza al reparto, i centrocampisti di quantità e che sono fondamentali nell’avvio della manovra. Campo trappola quello di Frosinone, spazi stretti e grande aggressività  della formazione di Stellone: ci sarà da correre e da lottare. Ecco perché il contributo di Allan e Jorginho è da considerare essenziale per la partita di oggi al Matusa  L’ex centrocampista dell’Udinese è anche un perfetto incursore,L’altro ieri ha festeggiato 25 anni: ha già segnato tre gol in questo campionato, uno in casa contro la Lazio e due in trasferta contro Empoli e Milan. Un acquisto fondamentale per il reparto, la mezzala capace di tenere alto il ritmo e di lanciarsi negli spazi in profondità, sono arrivate così le sue reti in maglia azzurra. La sua caratteristica migliore è rappresentata dal fatto che riesce ad accorciare con rapidità sugli avversari, frenando sul nascere le ripartenze e in questo si è avvertita molto la sua assenza contro il Torino. Negli altri reparti si profila la conferma in blocco della squadra che ha messo ko il Torino

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Insigne. All. Sarri.

Il Frosinone ha affrontato i partenopei in casa una volta in Serie B. La partita in questione risale alla stagione 2006/07 e terminò con il risultato finale di 1-2 (gol di Sosa e Trotta per il Napoli e rete di Castillo).
Aggiungendo anche le partite che si sono giocate a Napoli, i precedenti salgono a tre (due in Serie B e uno in Coppa Italia). Il precedente di Serie B risale sempre alla stagione 2006/07 e terminò con il risultato finale di 1-1 (gol di Lodi per il Frosinone e rete di Bogliacino per il Napoli). L’unico precedente di Coppa Italia, invece, risale alla stagione sempre alla stagione 2006/07 e terminò con il risultato finale di 3-1 (gol di Domizzi, Bucchi e Calaiò per il Napoli e rete di Ginestra per il Frosinone.

Interessante segnalare che il match, in programma alle 15.00 italiane di domenica 10 gennaio, sarà live in Slovacchia, Repubblica Ceca, Hong Kong, Portogallo, Bulgaria, Svizzera, Liechtenstein, Ungheria, Romania, Albania, Kosovo, Turchia, Polonia, Belgio, Malesia, Singapore, Olanda, India, Giappone, Russia (anche in differita), Grecia, Germania, Austria, Giappone, Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Estonia, Georgia, Kazakistan, Kirghizistan, Lettonia, Lituania, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan, Moldavia, India, Sri Lanka, Bhutan, Pakistan, Nepal, Bangladesh, Afghanistan, Maldive, Slovenia, Norvegia, Svezia e Danimarca. 

In sola differita Frosinone-Napoli sarà trasmesso nel Regno Unito e in Irlanda.

FROSINONE-NAPOLI ore 15 FORMAZIONI UFFICIALI

                    fuori Insigne e Ghoulam

Frosinone (4-4-2): Zappino; M. Ciofani, Diakité, Blanchard, Crivello; Sammarco, Gucher, Kragl,Paganini; D. Ciofani, Dionisi. 
A disp.: Gomis, Leali, Ajeti, Bertoncini, Russo, Gori, Frara, Chibsah, Soddimo, Tonev, Longo. All.:Stellone 
Squalificati: Pavlovic (1)
Indisponibili: Rosi, Carlini

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, StrinicAllanJorginho, Hamsik; Callejon, Higuain,Mertens
A disp.: Gabriel, Rafael, Ghoulam, Chiriches, Luperto, Valdifiori, Maggio, D. Lopez, Chalobah, El Kaddouri, Insigne, Gabbiadini. All.: Sarri
Indisponibili: Henrique, Dezi

                   Grazie Sassuolo

      L'Inter cade in casa col Sassuolo                

                      BUON COMPLEANNO MISTER!

Maurizio Sarri compie 57 anni. Il tecnico azzurro è nato a Napoli il 10 gennaio del 1959.

A Sarri vanno gli auguri di tutta la redazione di Positanonews

Miki De Lucia per Positanonews

Tra poche ore  gi azzurri di Sarri  affronteranno  in trasferta il Frosinone di Stellone  nella partita valida per la diciannovesima giornata del campionato di Serie A 2015/16. La partita si giocherà allo Stadio Matusa  e sarà diretta dall'arbitro Paolo Tagliavento di Terni assistito da De Luca e Ranghetti (guardalinee) ,  Celi e Chiffi (addizionali d'area). Giallatini , quarto uomo.( Tagliavento ritrova il Napoli esattamente dopo un anno, dopo le polemiche di Napoli-Juventus (1-3) dell'11 gennaio 2015). 

                                    Napoli attenzione a Tagliavento

Paolo Tagliavento, classe 1972, appartiene alla sezione di Terni. Parrucchiere nella sua citta' viene promosso alla C.A.N. C nel 2001, e sotto tale organo tecnico riesce ad accumulare 24 presenze in Serie C1 (compresa la finale play-off Pescara-Martina del 2003); dopo sole 2 stagioni di permanenza (record detenuto assieme a Trefoloni e Guida) viene premiato con il passaggio alla C.A.N. A-B, per decisione dell’allora designatore Maurizio Mattei. Durante la prima stagione sotto la nuova categoria, riesce subito a debuttare in Serie A: il 16 maggio 2004 in occasione di Chievo-Bologna. Nel 2006 viene coinvolto nell’inchiesta relativa a Calciopoli, poiché il suo nome compare nei verbali di alcune intercettazioni oggetto dell’indagine: viene però scagionato dalle accuse nell’ambito del procedimento della giustizia sportiva. Il 1º gennaio 2007 è nominato arbitro internazionale. Nel giugno seguente, viene designato dall’UEFA per la finale della Regions’ Cup, la massima competizione per squadre amatoriali del continente. Al termine della stagione 2013-14 ha diretto 157 partite del campionato italiano, tra cui: un derby d’Italia, due derby della Lanterna, tre derby di Roma, un derby di Milano, un Juventus-Roma, due Roma-Milan, un Juventus-Milan e un Inter-Roma.Il 12 maggio 2010 è designato come “addizionale” di porta per la finale di Europa League, giocata ad Amburgo tra Atlético Madrid e Fulham e diretta dal connazionale Nicola Rizzoli. Il 3 luglio 2010, con la scissione della C.A.N. A-B in C.A.N. A e C.A.N. B, viene inserito nell’organico della C.A.N. A. Nel luglio 2010 viene insignito del Premio Mauro, destinato all’arbitro italiano particolarmente distintosi nel corso della stagione 2009-2010. L’8 dicembre 2010 fa il suo esordio nella fase a gironi della UEFA Champions League: dirige un match dell’ultima giornata, tra Arsenal e Partizan Belgrado.  Il 1º gennaio 2011 viene promosso nella categoria arbitrale UEFA Premier Development. Nel giugno successivo è tra i fischietti designati dall’UEFA per dirigere ai campionati europei di calcio Under 21 in Danimarca, qui dirige due partite della fase a gironi, e la finalissima tra Svizzera e Spagna. Dal 1º gennaio 2012 è inserito nella massima categoria degli arbitri europei, quella “Elite”. Nel febbraio 2012, dopo aver fatto il suo esordio nella fase a eliminazione diretta della Champions League dirigendo l’andata di un ottavo di finale tra Lione ed APOEL Nicosia, è designato anche per una prestigiosa amichevole tra nazionali, Germania-Francia. Nel marzo del 2012 è selezionato ufficialmente come arbitro di porta in vista dell’Europeo 2012, nella squadra arbitrale diretta da Rizzoli. Il 20 maggio 2013 viene designato come arbitro di porta in occasione della finale di Champions League tra Borussia Dortmund e Bayern Monaco a Wembley. Il suo arbitraggio viene elogiato dal noto critico arbitrale Federico Galtieri.


Sicuramente nella mente di Stellone sfilera' il film  dell’esistenza, i fotogrammi di un’epoca che rimane dentro,il Napoli e la citta' di Napoli rimane per sempre nel cuore.I ricordi restano,e le emozioni sono quelle  di un ragazzo inuitivo maturo e di un bravo allenatore.Non si puo' dimenticare il Napoli nel quale è stato capitano,un ragazzo con il fiuto del gol .Lo Stellone che un mattino,  si presenta a Soccavo all’allenamento con un’iguana al guinzaglio, non è (semplicemente) la manifestazione dell’originalità, o il desiderio di stupire, ma una «maschera» per nascondere una timidezza di fondo.  

Ferlaino investi cinque milioni per portarlo a Napoli in tandem con Bellucci, in quel Napoli che con Walter Novellino in panchina riesce a scappare via dall’infamante dimensione della serie B: dieci gol gli bastano per diventare idolo, per illuminare il San Paolo, per lasciargli immaginare d’avere tra le mani un modello di attaccante moderno da plasmare.  Concluderà la sua avventura a Napoli con 33 goal in 102 partite tra Serie A, serie B e Coppa Italia.

Stellone è consapevole della forza degli azzurri,ma è anche cosciente che il Frosinone ha raccolto 13 punti degli attuali 15 punti in classifica proprio al Matusa.I ciociari si trovano al terz'ultimo posto con la peggior difesa del  campionato (36 gol subiti) dovrà vedersela col terzo migliore attacco del campionato. I numeri però non devono tradire i partenopei: quello col Frosinone non è un match da sottovalutare.Il Frosinone. Ha fiducia, è a un solo punto dalla zona-salvezza». 

 

PROBABILI FORMAZIONI

 Roberto Stellone contro la sua ex squadra confermerà il suo 4-3-3, ma rinunciando allo squalificato Pavlovic e agli infortunati Rosi e Carlini

Frosinone (4-3-3): Leali; M. Ciofani, Diakitè, Ajeti, Crivello; Chibsah, Gucher, Sammarco; Paganini, D. Ciofani, Dionisi. All. Stellone.

 Napoli secondo a quota 38 punti come la Fiorentina. +8 rispetto alla scorsa stagione. Azzurri imbattuti nei 2 precedenti assoluti di Serie B contro il Frosinone: 1 vittoria e 1 pareggio

Tornano Allan e Jorginho, in panchina al San Paolo contro il Torino. Si ricompone il centrocampo tipo, escono David Lopez e Valdifiori. Riecco i brasiliani, quelli che percorrono più chilometri in partita, i due rubapalloni, quelli che assicurano maggiore sostanza al reparto, i centrocampisti di quantità e che sono fondamentali nell’avvio della manovra. Campo trappola quello di Frosinone, spazi stretti e grande aggressività  della formazione di Stellone: ci sarà da correre e da lottare. Ecco perché il contributo di Allan e Jorginho è da considerare essenziale per la partita di oggi al Matusa  L’ex centrocampista dell’Udinese è anche un perfetto incursore,L'altro ieri ha festeggiato 25 anni: ha già segnato tre gol in questo campionato, uno in casa contro la Lazio e due in trasferta contro Empoli e Milan. Un acquisto fondamentale per il reparto, la mezzala capace di tenere alto il ritmo e di lanciarsi negli spazi in profondità, sono arrivate così le sue reti in maglia azzurra. La sua caratteristica migliore è rappresentata dal fatto che riesce ad accorciare con rapidità sugli avversari, frenando sul nascere le ripartenze e in questo si è avvertita molto la sua assenza contro il Torino. Negli altri reparti si profila la conferma in blocco della squadra che ha messo ko il Torino

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Insigne. All. Sarri.

Il Frosinone ha affrontato i partenopei in casa una volta in Serie B. La partita in questione risale alla stagione 2006/07 e terminò con il risultato finale di 1-2 (gol di Sosa e Trotta per il Napoli e rete di Castillo).
Aggiungendo anche le partite che si sono giocate a Napoli, i precedenti salgono a tre (due in Serie B e uno in Coppa Italia). Il precedente di Serie B risale sempre alla stagione 2006/07 e terminò con il risultato finale di 1-1 (gol di Lodi per il Frosinone e rete di Bogliacino per il Napoli). L'unico precedente di Coppa Italia, invece, risale alla stagione sempre alla stagione 2006/07 e terminò con il risultato finale di 3-1 (gol di Domizzi, Bucchi e Calaiò per il Napoli e rete di Ginestra per il Frosinone.

Interessante segnalare che il match, in programma alle 15.00 italiane di domenica 10 gennaio, sarà live in Slovacchia, Repubblica Ceca, Hong Kong, Portogallo, Bulgaria, Svizzera, Liechtenstein, Ungheria, Romania, Albania, Kosovo, Turchia, Polonia, Belgio, Malesia, Singapore, Olanda, India, Giappone, Russia (anche in differita), Grecia, Germania, Austria, Giappone, Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Estonia, Georgia, Kazakistan, Kirghizistan, Lettonia, Lituania, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan, Moldavia, India, Sri Lanka, Bhutan, Pakistan, Nepal, Bangladesh, Afghanistan, Maldive, Slovenia, Norvegia, Svezia e Danimarca. 

In sola differita Frosinone-Napoli sarà trasmesso nel Regno Unito e in Irlanda.