Bocchetti -Insigne nel Pescara era gia’ un campione

0

In una intervista al mattino  Antonio Bocchetti,36 anni a giugno,parla di Lorenzo Insigne ,dove  ha giocato insieme nel Pescara nell’anno della promozione in A con Zeman in panchina, nel 2012. Attualmente indossa la maglia della Paganese in Lega Pro.  Cresciuto nel  Napoli,dove ha militato dal 2000 al 2003,

Super Napoli, è il terzo club al mondo

Sky annuncia – Maksimovic al Napoli

( La formula è quella del prestito (2 milioni) fino a giugno con obbligo di riscatto a 17 milioni )

18 Le reti in campionato segnate da Insigne nel Napoli,di cui otto soltanto in questa stagione già record per lui

Miki De Lucia

Partiamo dalla fine, ovvero dal gol capolavoro contro ilTorino: è il più bello segnato da Insigne? «No,forse è i lpiù brutto.Mi spiego: Lorenzoha siglato reti ancora più belle, con il Foggia e il Pescarae soprattutto in allenamento.Faceva cose straordinarie,perché ha doti tecniche fuori dal comune e il gusto della giocata. Se si fosse chiamato Insignevic o Insignao avrebbero parlato del gol al Torino pe rmesi.Purtroppo in Italia siamo esterofili, altrove tutelano talenti purissimi come Insigne».

A Pescara era già per lei chiaro che sarebbe diventato arrivato a questi livelli? «Ero arcisicuro.Allora come ora aveva tecnica, talento, qualità, ambizione di arrivare,ferma volontà di migliorarsi e di sacrificarsi per la squadra.E anche doti fisiche notevoli: ricordo che con Immobile era sempre primo nei test atletici, avendo capacità aerobiche importanti».

Faceva partedel trio delle meraviglie con Immobile e Verratti.«Dicola verità,Verratti eragià pronto allora peri palcoscenici più importanti,ma sapevo che anche Lorenzo e Ciro sarebbero esplosi. Insigne è migliorato moltissimo tatticamentee anche fisicamente,la voglia di incidere di Ciro l’hanno in pochi. Spero e credo che tutti e tre vadano agli Europei, Insigne lo merita. Sarebbe bello vederlo in coppia con Immobile anche nel Napoli, sarebbe uno show continuo come accadeva con noi al Pescara».

Bocchetti ne sa qualcosa,per un napoletano giocare nel Napoli è sempre più difficile. «È vero perché la maglia pesa di più.Noi che veniamo dal basso sappiamo più di tutti cosa significa indossarla.Per un partenopeo giocare nel Napoli è straordinario ma è difficile.Ma Lorenzo ha superato questa diffidenza iniziale della gente, perché è un ragazzo che ha personalità da vendere».

In cosa può migliorare ulteriormente questo piccolo grande campione di 163 centimetri? «Forse potrebbe migliorare crescendo di 20centimetri… Battute a parte ha trovato la continuità,ha trovato anche la via del gol, può essere ancora più determinante,ma già adesso è straordinario.Vede il gioco prima degli altri,prova sempre il dribbling e le soluzioni più difficili:farlo in piazza calde come Foggia e Pescara conta, provarle a Napoli significa avere attributi. Sono molto contento per lui, gli auguro il meglio».

Con lui il Napoli può sognare lo scudetto? «Assolutamente sì».

Quantovale oggi Insigne? «Oltre 30milioni,ma mi auguro cheil Napoli non lo venda mai»

fonte:ilmattino

In una intervista al mattino  Antonio Bocchetti,36 anni a giugno,parla di Lorenzo Insigne ,dove  ha giocato insieme nel Pescara nell'anno della promozione in A con Zeman in panchina, nel 2012. Attualmente indossa la maglia della Paganese in Lega Pro.  Cresciuto nel  Napoli,dove ha militato dal 2000 al 2003,

Super Napoli, è il terzo club al mondo

Sky annuncia – Maksimovic al Napoli

La formula è quella del prestito (2 milioni) fino a giugno con obbligo di riscatto a 17 milioni )

18 Le reti in campionato segnate da Insigne nel Napoli,di cui otto soltanto in questa stagione già record per lui

Miki De Lucia

Partiamo dalla fine, ovvero dal gol capolavoro contro ilTorino: è il più bello segnato da Insigne? «No,forse è i lpiù brutto.Mi spiego: Lorenzoha siglato reti ancora più belle, con il Foggia e il Pescarae soprattutto in allenamento.Faceva cose straordinarie,perché ha doti tecniche fuori dal comune e il gusto della giocata. Se si fosse chiamato Insignevic o Insignao avrebbero parlato del gol al Torino pe rmesi.Purtroppo in Italia siamo esterofili, altrove tutelano talenti purissimi come Insigne».

A Pescara era già per lei chiaro che sarebbe diventato arrivato a questi livelli? «Ero arcisicuro.Allora come ora aveva tecnica, talento, qualità, ambizione di arrivare,ferma volontà di migliorarsi e di sacrificarsi per la squadra.E anche doti fisiche notevoli: ricordo che con Immobile era sempre primo nei test atletici, avendo capacità aerobiche importanti».

Faceva partedel trio delle meraviglie con Immobile e Verratti.«Dicola verità,Verratti eragià pronto allora peri palcoscenici più importanti,ma sapevo che anche Lorenzo e Ciro sarebbero esplosi. Insigne è migliorato moltissimo tatticamentee anche fisicamente,la voglia di incidere di Ciro l'hanno in pochi. Spero e credo che tutti e tre vadano agli Europei, Insigne lo merita. Sarebbe bello vederlo in coppia con Immobile anche nel Napoli, sarebbe uno show continuo come accadeva con noi al Pescara».

Bocchetti ne sa qualcosa,per un napoletano giocare nel Napoli è sempre più difficile. «È vero perché la maglia pesa di più.Noi che veniamo dal basso sappiamo più di tutti cosa significa indossarla.Per un partenopeo giocare nel Napoli è straordinario ma è difficile.Ma Lorenzo ha superato questa diffidenza iniziale della gente, perché è un ragazzo che ha personalità da vendere».

In cosa può migliorare ulteriormente questo piccolo grande campione di 163 centimetri? «Forse potrebbe migliorare crescendo di 20centimetri… Battute a parte ha trovato la continuità,ha trovato anche la via del gol, può essere ancora più determinante,ma già adesso è straordinario.Vede il gioco prima degli altri,prova sempre il dribbling e le soluzioni più difficili:farlo in piazza calde come Foggia e Pescara conta, provarle a Napoli significa avere attributi. Sono molto contento per lui, gli auguro il meglio».

Con lui il Napoli può sognare lo scudetto? «Assolutamente sì».

Quantovale oggi Insigne? «Oltre 30milioni,ma mi auguro cheil Napoli non lo venda mai»

fonte:ilmattino

Lascia una risposta