Noa a Capri Hollywood

0

Capri. «In un momento difficile come quello attuale la musica, la cultura, possono unire le persone, al di là delle differenze. L’arte e la bellezza possono farci vedere la vita in un altro modo». Per ironia della sorte, nel giorno dell’insensato vandalismo nella piazzetta di Tragara l’apertura della XX edizione del festival internazionale del cinema «Capri, Hollywood» nella piazzetta dell’isola azzurra viene invece segnata dal messaggio di pace della cantante israeliana Noa, che quest’anno è presidente della manifestazione. Poco prima erano risuonate le note dell’inno italiano e della Marsigliese, in ricordo delle vittime del terrorismo di Parigi, nella esecuzione della banda della Marina Militare italiana alla quale è andato il Peace Award, consegnato sul palco dalla stessa Noa e dal pianista Giovanni Allevi. «Siamo orgogliosi di rappresentare qui anche i nostri colleghi che sono in mare e che spesso si trovano ad aiutare chi soffre» ha detto il Comandante di vascello Giacomo Polimeni, ricordando l’opera prestata dalla Marina per evitare le tragedie del mare di cui sono vittime i migranti. L’orchestra, composta da cinquanta artisti, è stata diretta dal maestro capitano di fregata Antonio Barbagallo, e ha eseguito musiche da film (non è mancato l’omaggio a Noa con il tema di «La vita è bella») e tradizionali canzoni napoletane, nella cornice della piazzetta illuminata e affollata di turisti. A fare gli onori di casa, il fondatore e produttore dell’evento, Pascal Vicedomini che ha ringraziato il Ministero per i beni e le attività culturali e la Regione Campania per la grande attenzione alla manifestazione giunta al ventennale, e Giovanni De Martino, sindaco di Capri. Tra i primi ospiti giunti sull’isola, dove si svolgeranno più di 80 proiezioni fino al 2 gennaio, Bille August, Tony Renis curatore della sezione musicale, l’attrice Paola Cortellesi e i registi Riccardo Milani e Massimiliano Bruno, con il regista indiano Shakhar Kapur. In serata, l’anteprima del film «Joy» di David O. Russel al cinema Paradiso di Anacapri. Una seratascintillante, a fare da contraltare al brutto e inspiegabile gesto teppistico che macchia l’immagine di un’isola che con questa manifestazione internazionale, da vent’anni, anima con il cinema, la musica e l’arte l’ultima settimana dell’anno, trasformando la Piazzetta in red carpet per molte celebrities, tra le quali la madrina Valentina Reggio, il cantante Gigi Finizio, Giorgio Panariello, Tonino Pinto e tanti giovani attori emergenti del cinema italiani e internazionale. Un primo assaggio, ieri, in attesa del concerto che Peppino Di Capri terrà mercoledì sera in Piazzetta con la discoteca all’aperto che caratterizza da oltre trent’anni la lunga notte di Capodanno, in attesa della prima alba del nuovo anno. a.m.b. ,Il Mattino

Capri. «In un momento difficile come quello attuale la musica, la cultura, possono unire le persone, al di là delle differenze. L’arte e la bellezza possono farci vedere la vita in un altro modo». Per ironia della sorte, nel giorno dell’insensato vandalismo nella piazzetta di Tragara l’apertura della XX edizione del festival internazionale del cinema «Capri, Hollywood» nella piazzetta dell’isola azzurra viene invece segnata dal messaggio di pace della cantante israeliana Noa, che quest’anno è presidente della manifestazione. Poco prima erano risuonate le note dell’inno italiano e della Marsigliese, in ricordo delle vittime del terrorismo di Parigi, nella esecuzione della banda della Marina Militare italiana alla quale è andato il Peace Award, consegnato sul palco dalla stessa Noa e dal pianista Giovanni Allevi. «Siamo orgogliosi di rappresentare qui anche i nostri colleghi che sono in mare e che spesso si trovano ad aiutare chi soffre» ha detto il Comandante di vascello Giacomo Polimeni, ricordando l’opera prestata dalla Marina per evitare le tragedie del mare di cui sono vittime i migranti. L’orchestra, composta da cinquanta artisti, è stata diretta dal maestro capitano di fregata Antonio Barbagallo, e ha eseguito musiche da film (non è mancato l’omaggio a Noa con il tema di «La vita è bella») e tradizionali canzoni napoletane, nella cornice della piazzetta illuminata e affollata di turisti. A fare gli onori di casa, il fondatore e produttore dell’evento, Pascal Vicedomini che ha ringraziato il Ministero per i beni e le attività culturali e la Regione Campania per la grande attenzione alla manifestazione giunta al ventennale, e Giovanni De Martino, sindaco di Capri. Tra i primi ospiti giunti sull’isola, dove si svolgeranno più di 80 proiezioni fino al 2 gennaio, Bille August, Tony Renis curatore della sezione musicale, l’attrice Paola Cortellesi e i registi Riccardo Milani e Massimiliano Bruno, con il regista indiano Shakhar Kapur. In serata, l’anteprima del film «Joy» di David O. Russel al cinema Paradiso di Anacapri. Una seratascintillante, a fare da contraltare al brutto e inspiegabile gesto teppistico che macchia l’immagine di un’isola che con questa manifestazione internazionale, da vent’anni, anima con il cinema, la musica e l’arte l’ultima settimana dell’anno, trasformando la Piazzetta in red carpet per molte celebrities, tra le quali la madrina Valentina Reggio, il cantante Gigi Finizio, Giorgio Panariello, Tonino Pinto e tanti giovani attori emergenti del cinema italiani e internazionale. Un primo assaggio, ieri, in attesa del concerto che Peppino Di Capri terrà mercoledì sera in Piazzetta con la discoteca all’aperto che caratterizza da oltre trent’anni la lunga notte di Capodanno, in attesa della prima alba del nuovo anno. a.m.b. ,Il Mattino