RAVELLO. A DIECI GIORNI DAL CONSIGLIO SCONTRO VUILLEIMIER DI MARTINO SULLE CARTE MANCANTI

0

Ravello, costiera amalfitana.  Paolo Vuilleumier e Salvatore Di Martino. Da qualche tempo gli scontri politici vedono emergere queste due persone che saranno i probabili candidato a sindaco per il 2011 per Ravello. Con Vuilleumier probabilmente passeranno i “dissidenti” di “Al di là dei muri” che stanno facendo oramai fronte compatto con “Insieme per Ravello” sia mediaticamente che politicamente. “Una delusione – dice il sindaco di Ravello Paolo Imperato – abbiamo dato enorme fiducia a persone che poi ci si sono rivoltate contro senza alcun motivo concreto e di questo la popolazione se ne renderà conto”. Insomma un “tradimento” avvenuto nell’ultimo anno prima delle elezioni quando oramai i giochi (Fondazione, Auditorium) erano fatti, una scelta, quella del gruppo autonomo, quantomeno tardiva e per niente incisiva se su argomenti come il bilancio hanno sempre fatto passare la delibera con la maggioranza seppur relativa, evidente la scelta strumentale e politicamente “utilitaristica”. Conviene a tutti fare gruppo a parte ad un anno dalla fine del mandato elettorale sperando di trovare qualche posto di rilievo in un altro gruppo. Diversa è la posizione di “Insieme per Ravello” che da sempre porta avanti uno scontro con l’amministrazione e corentemente continua ad attaccare e votare contro, ora a dieci giorni dal prossimo consiglio comunale l’atmosfera si riscalda con un documento che riportiamo. 

“A rischio le “straordinarie” assunzioni di spesa da parte della Giunta per la posizione del gruppo di opposizione “Al di là dei Muri” che, costituito dai consiglieri Schiavo, Amato, Carfora in forte dissenso per il fallimento dell’azione politica del proprio gruppo di maggioranza, ha preannunciato il proprio voto contrario al punto posto all’odg. Con l’approvazione della delibera verifica degli equilibri di bilancio si andranno ad utilizzare ulteriori 52.150,00 Euro dell’avanzo di amministrazione utilizzando cosi in 4 anni di amministrazione ca 200.000,00 euro dei 400.000,00 accantonati dalla gestione “Insieme per Ravello”. Nella stessa delibera si procederà a deliberare l’utilizzo del fondo di riserva per Euro 13.000,00. Quel poco che resta dell’Amministrazione Campana cerca di salvare il salvabile in questo scampolo di attività amministrativa, con la spada di Damocle quotidiana di uno scioglimento anticipato del consiglio comunale a seguito delle più volte paventate dimissioni, anche se mai concretizzatesi in atti conseguenti, degli ex consiglieri di maggioranza confluiti nel gruppo “Al di là dei muri”. Il gruppo di opposizione “Insieme per Ravello”, che ha iniziato da tempo il proprio percorso per la partecipazione alle prossime elezioni amministrative, continua a svolgere il proprio ruolo di opposizione attenta e vigile sull’operato della Giunta Comunale segnalando ed interrogando il Sindaco sulle disfunzioni di un’amministrazione che “fa acqua da tutte le parti”. L’assenza del Segretario Comunale che, a seguito della nota vicenda del documento fantasma comparso nel Consiglio Comunale del 24 agosto senza firma dello stesso, sembra non abbia più intenzione di riprendere il suo posto, rende ancora più approssimativa l’attività della Giunta Comunale e ostacola la normale attività dei consiglieri comunali che non hanno un interlocutore a cui rivolgere le proprie richieste ed istanze. Un altro episodio di mortificazione del ruolo dei consiglieri comunali ha visto protagonista il consigliere comunale di opposizione Paolo Vuilleumier che, recatosi presso gli uffici comunali per consultare il fascicolo del consiglio fissato per il 30 settembre p.v., non ha trovato nulla agli atti. Di seguito la nota che il consigliere Paolo Vuilleumier, questa mattina stessa ha depositato al protocollo del comune. Al signor Sindaco di Ravello Al Segretario Comunale del Comune di Ravello Oggetto: convocazione C.C. del 30 settembre 2010 ore 17,30. Il sottoscritto Paolo Vuilleumier. Consigliere Comunale, lamenta l’impossibilità di esercizio delle proprie funzioni in relazione al C.C. di cui in oggetto, in quanto recatosi presso gli Uffici Comunali alle ore 11,30 di questa mattina, non ha rinvenuto alcun fascicolo contenente gli atti attinenti gli argomenti posti all’Ordine del Giorno. Si evidenzia, altresì, che l’assenza del Segretario Comunale, con la concomitante assenza per congedo del vice-segretario comporta una difficoltà di accesso agli atti amministrativi ed una concreta limitazione della funzione di verifica e controllo dell’attività dell’Amministrazione. Di tale “anomala” situazione ci si riserva di informare, per quanto di competenza, Sua Eccellenza il Signor Prefetto.”

Pronta la replica del vicesindaco Salvatore Di Martino: “Nell’ordine del giorno era stata inserita un’altra delibera di cui provvediamo immediatamente a integrare la documentazione. Ricordo però che la documentazione in base al regolamento del consiglio comunale deve essere presentata cinque giorni prima del consiglio comunale. E’ una posizione alquanto pretestuosa e strumentale e per niente vicino ai bisogni della collettività e dei ravellesi. Si strumentalizza qualsiasi cosa invece di pensare a cose concrete, si dovrebbe scrivere di meno e lavorare di più per il paese”.